TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ora i ricercatori elimineranno l’HIV dal corpo

Adam Castillejo aveva 23 anni quando è risultato positivo all’HIV. Come altre persone sieropositive, ha poi affrontato la prospettiva di un trattamento per tutta la vita. Ma oggi, all’età di 42 anni, Castillejo è guarito dall’infezione.

A parte questo, la fortuna di Castilego è iniziata in modo completamente opposto, perché oltre all’HIV, gli è stato diagnosticato anche un linfoma. Tuttavia, è stata la terapia con cellule staminali contro il cancro a curare anche l’HIV. Il donatore di cellule staminali aveva una mutazione genetica unica che rendeva le cellule del corpo immuni all’HIV.

Castilego, che ora è in buona salute, è una delle uniche due persone al mondo ad essere guarite dall’HIV. In entrambi i casi, è successo con l’aiuto del trapianto di cellule staminali. Sfortunatamente, la terapia con cellule staminali può causare effetti collaterali troppo pericolosi per essere somministrati a persone sane con HIV. Ma forse potrebbero essere un parente fortunato come Castillejo.

I ricercatori statunitensi hanno recentemente ricevuto l’approvazione per testare un trattamento sperimentale contro l’HIV negli esseri umani. Il trattamento utilizza le cosiddette forbici genetiche per tagliare i geni dell’HIV dalle cellule infette.

Così facendo, potresti aver spianato la strada al primo trattamento universale per l’HIV.

La misteriosa malattia prende il nome

Quest’anno ricorrono i 40 anni da quando la scienza ha nominato una nuova malattia sconosciuta che si sta diffondendo a macchia d’olio in tutto il mondo.

In un articolo scientifico che parlava di un certo numero di persone con danni ingiustificati al sistema immunitario, è apparsa la sigla AIDS, sindrome da immunodeficienza acquisitaper la prima volta.

Dopo due anni di ricerche approfondite, i ricercatori hanno trovato la causa: HIV, Deficit di immunità Virus. Il virus distrugge lentamente il sistema immunitario delle persone infette e porta all’AIDS, che all’epoca significava la pena di morte.

Il mondo è venuto a conoscenza dell’HIV e dell’AIDS per la prima volta negli anni ’80, ma le origini del virus possono essere fatte risalire a più di cento anni fa. Si ritiene che l’HIV provenga dagli scimpanzé dell’Africa centrale, dove i cacciatori probabilmente lo hanno infettato dopo essere entrati in contatto con il sangue di scimpanzé infetto.

L’infezione da HIV di solito si verifica attraverso il trasferimento di fluidi corporei. Le modalità di trasmissione più comuni sono lo sperma durante i rapporti sessuali e il sangue quando vengono riutilizzati aghi o trasfusioni di sangue.

Il sesso anale è uno dei maggiori fattori di rischio, perché la mucosa rettale è meno protetta della mucosa vaginale. Nel mondo occidentale, l’HIV era in gran parte associato agli omosessuali all’inizio dell’epidemia.

Da allora, l’HIV si è diffuso anche tra gli omosessuali. Dentro, tra le altre cose Regno Unito Oggi, gli eterosessuali costituiscono la maggioranza delle persone appena infettate.

Le cellule staminali sono considerate un trattamento rischioso

L’HIV infetta un certo tipo di cellula immunitaria nel corpo, chiamata linfociti T CD4 positivi. Il loro compito è attivare altre cellule immunitarie, in modo che il sistema immunitario del corpo possa combattere le minacce in modo rapido ed efficace.

Pertanto, l’HIV distrugge la capacità dell’organismo di difendersi sia dalle infezioni che dalle cellule tumorali.

Senza trattamento, i sintomi dell’AIDS appariranno da otto a dieci anni dopo l’infezione. Dopodiché, l’aspettativa di vita è generalmente di soli nove mesi, con i pazienti affetti da AIDS che sono più suscettibili alle infezioni e hanno maggiori probabilità di sviluppare vari tipi di cancro.

Se hai ricevuto una risposta positiva a un test HIV prima del 1996, probabilmente ti restano solo pochi anni da vivere.

Oggi, l’HIV può essere trattato efficacemente, in modo che il virus non si diffonda nel corpo. Dei circa 40 milioni di persone infette nel mondo che vivono nelle parti più ricche del mondo, possono condurre una vita normale prendendo solo poche pillole al giorno.

Il trattamento più comune per rallentare la progressione dei sintomi dell’HIV è il farmaco antiretrovirale (ART). Sfortunatamente, gli scienziati non hanno ancora trovato un trattamento che tratti definitivamente l’HIV.

Ci sono diversi motivi per cui il trapianto di cellule staminali che ha curato Adam Castillejo non può essere utilizzato come trattamento standard per l’HIV. D’altra parte, il rischio di gravi effetti collaterali se l’organismo rifiuta le nuove cellule staminali è molto alto e, d’altra parte, è difficile trovare donatori adatti.

A causa della spaventosa mutazione dell’HIV, un vaccino efficace viene ritardato. Quindi i ricercatori sono ora alla disperata ricerca di un trattamento completo che possa essere somministrato a tutte le persone colpite.

Le forbici genetiche tagliano i geni dei virus

Un breakout potrebbe essere dietro l’angolo. Nel 2021, Excision BioTherapeutics e i ricercatori della Temple University di Filadelfia, negli Stati Uniti, hanno ricevuto l’approvazione per iniziare gli studi clinici sugli esseri umani. Terapia sperimentale contro il virus dell’immunodeficienza umana.

Quando qualcuno viene infettato dall’HIV o da un altro virus, il virus inserisce i propri geni nel DNA delle cellule del corpo. Il nuovo metodo di trattamento utilizza un sistema di difesa già sviluppato dai batteri. Consente di “tagliare” i geni virali dal DNA, il che significa che la persona infetta è stata curata dall’HIV.

Attraverso l’evoluzione, i batteri hanno sviluppato un sistema di difesa unico e altamente efficace contro i virus, che i genetisti sono riusciti a imitare negli ultimi anni. le forbici CRISPR È costituito da enzimi speciali (Cas) in grado di tagliare il DNA con alta precisione.

Gli enzimi Cas utilizzano guide sotto forma di cosiddetti filamenti di RNA per mostrare la strada nei geni del virus, dopodiché gli enzimi li tagliano dal DNA.

I ricercatori statunitensi stanno ora progettando la sequenza guida corretta, in modo che le forbici genetiche possano essere utilizzate per rimuovere l’HIV dalle cellule umane.

Una volta che i ricercatori hanno progettato una guida che corrisponda esattamente ai geni dell’HIV, l’enzima Cas può passare attraverso l’intero genoma infetto da HIV e rimuovere tutte le sequenze identiche dell’HIV che incontra. Il trattamento deve essere somministrato solo una volta nel flusso sanguigno per via endovenosa per inserire le forbici genetiche nelle cellule immunitarie interessate del paziente.

Adam Castillejo è stato curato dall’HIV perché il suo donatore di cellule staminali aveva una mutazione genetica unica che protegge dall’HIV. Altri gruppi di ricerca stanno ora cercando di utilizzare la tecnologia CRISPR per ricreare una mutazione genetica unica e protettiva terapia genetica che impedisce all’HIV di raggiungere nuove cellule immunitarie.

Il nuovo virus HIV sovrumano è stato scoperto nei Paesi Bassi

Sfortunatamente, gli scienziati hanno una nuova ragione per cercare di trovare una cura per l’HIV. Il mondo è tornato a conoscenza della straordinaria mutazione dell’HIV dalla scoperta di un tipo di HIV precedentemente sconosciuto nei Paesi Bassi.

All’inizio del 2022 menzionato Gruppo di ricerca europeo sulla nuova variante, che è significativamente più contagiosa delle varianti precedentemente descritte. Le persone con il tipo olandese hanno fino a 5,5 volte più particelle di HIV nei loro corpi rispetto ad altre persone con HIV. Allo stesso tempo, la variante olandese fa sì che il numero di linfociti T CD4-positivi, le cellule immunitarie che l’HIV infetta, diminuisca due volte più velocemente.

Le persone con la variante olandese dell’HIV dovrebbero sviluppare sintomi dell’AIDS due anni dopo la diagnosi dell’HIV se non hanno ricevuto farmaci per l’HIV. In confronto, coloro che sono stati infettati da altre varianti dell’HIV sviluppano sintomi in media dopo circa sette anni.

Finora, i ricercatori hanno registrato 109 persone con il supertipo olandese, ma ritengono che un numero molto maggiore possa essere infetto. La scoperta della variante potrebbe anche significare che l’HIV ha sviluppato altre super varianti, che dobbiamo ancora scoprire.

Adam Castillejo, originariamente conosciuto come il “London Sick”, è ora un simbolo del potenziale per la vittoria nella battaglia contro l’HIV. Come seconda persona al mondo ad essere guarita dalla malattia, ha scelto di apparire in pubblico proprio per infondere speranza negli altri.

READ  Rifiutato il sostegno dell'Agenzia svedese delle assicurazioni sociali nonostante cancro e ictus