TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo telescopio spaziale per trovare le prime galassie

Il telescopio spaziale Hubble è stato un successo. L’ormai defunto successore James Webb è molto più intelligente. Gli scienziati sperano di trovare le prime galassie e aumentare le conoscenze sullo sviluppo iniziale dell’universo.

Dopo anni di ritardi, è ora di lanciare un nuovo telescopio spaziale. Si sta svolgendo dalla Stazione Spaziale Europea a Kourou nella Guyana francese.

James Webb si baserà sulla tassa sull’immagine che Hubble ha fornito per più di 30 anni. Anche se sarebbe su un livello completamente diverso – e gli obiettivi scientifici di conseguenza.

Lo specchio principale ha un diametro di 6,5 metri (Hubble 2,4 metri) e una lunghezza focale (lunghezza focale) di 131,4 metri. L’area di esposizione totale è di 25,4 metri quadrati. Pesa 6,5 ​​tonnellate.

Fornisce una risoluzione molto dettagliata e può osservare oggetti corrispondenti alle dimensioni di una moneta a una distanza di 40 chilometri.

Orbiterà intorno al Sole a una distanza di 1,5 milioni di km dalla Terra. Ciò corrisponde a circa quattro volte la distanza dalla Luna o un decimo della distanza tra il Sole e la Terra.

Raggiunge l’orbita 30 giorni dopo il lancio. Mantiene la stessa velocità della Terra e rimane sempre tra essa e il Sole.

Sulla strada per l’orbita, il telescopio piegato si apre a 178 gradi. Tutti dovrebbero procedere in modo impeccabile per ottenere la piena funzionalità: non è data la possibilità di una correzione successiva.

Aspettativa di vita pianificata da cinque a dieci anni o più.

Prende il nome da James E. Webb, capo della NASA dal 1961 al 1968, epoca in cui fu creato il programma Apollo.

READ  I nuovi risultati precisi mostrano segni di fisica nuova e sconosciuta

Fonte: Agenzia spaziale svedese

Il Web sarà in grado di riprodurre le osservazioni in una porzione molto più ampia dello spettro della luce infrarossa rispetto a Hubble. La precisione sarà maggiore, quindi i ricercatori possono aspettarsi nuove informazioni sulle prime stelle e galassie.

Si tratta di guardare in miliardi, nelle prime parti dell’universo, e cercare di capire come si evolvono le galassie, come nascono e muoiono le stelle e come sorgono i sistemi planetari, non da ultimo in termini di qualcosa di simile alla Terra, chiamati esopianeti.

Non c’è una seconda possibilità

Il nuovo supertelescopio è parcheggiato in un’orbita di 1,5 milioni di km dalla Terra. L’orbita ruota intorno al sole, non intorno alla terra come il suo predecessore. Dopo i test, si stima che lavorerà dopo sei mesi.

Lo specchio del telescopio James Webb è composto da 18 esagoni (esagoni) placcati in oro. Insieme formano una superficie a specchio di 25 metri quadrati. Ogni esagono è realizzato con il raro e molto costoso elemento berillio, che non è in gran parte influenzato dalle differenze di temperatura. Quando è stato testato in condizioni simili a quelle a cui sarà sottoposto il telescopio James Webb, è risultato estremamente stabile. La forma è cambiata meno della dimensione di dieci millesimi di capello umano.

Fonti: agenzia spaziale svedese NASA

Le condizioni di lavoro si fanno più dure. Il lato del telescopio rivolto verso il sole raggiunge 80 gradi e il lato in ombra è meno 233 gradi. Nella parte posteriore c’è un baldacchino, delle dimensioni di un campo da tennis, con cinque strati di capitano rivestito di alluminio che rifletteranno i raggi infrarossi del sole, della terra e della luna e dissiperanno il calore del sole.

READ  Google rende impossibile evitare la sorveglianza

Tutto dovrebbe funzionare dall’inizio. A differenza di Hubble, non c’è modo di inviare astronauti sul web per la riparazione e la manutenzione.

Il carburante necessario per mantenere stabile il Webb in posizione ne limita la durata. La ricerca potrebbe durare dieci anni. Si ritiene che le migliori attrezzature siano i primi cinque anni.