TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: l’asma svedese potrebbe aiutare le persone con il virus

Nello studio, pubblicato di recente in LancettaHanno partecipato 146 persone che avevano avuto recentemente sintomi lievi di COVID-19. A metà di loro è stato permesso di inalare i farmaci per l’asma e sono stati confrontati con un gruppo di controllo altrettanto ampio per il quale il farmaco non era stato prescritto.

Secondo lo studio, coloro che hanno ricevuto farmaci per l’asma hanno cercato meno cure mediche e si sono ripresi più velocemente del gruppo di controllo.

Non ci sono conclusioni specifiche

Magnus Geslin, professore presso l’Università di Göteborg e capo medico presso l’ospedale universitario Sahlgrenska, ritiene che i risultati debbano essere interpretati con cautela.

È uno studio abbastanza piccolo e non è controllato dal placebo, il che è ovviamente importante perché può influenzare. Dice anche che i giovani sono anche quelli che hanno partecipato relativamente allo studio, quindi è difficile trarre conclusioni generalizzabili.

Prima che il trattamento possa essere utilizzato più ampiamente, Magnus Gisslén pensa che sia necessario uno studio più ampio e controllato con placebo.

Allo stesso tempo, vede dei benefici, se il trattamento si rivela efficace.

Funziona molto bene per la prima somministrazione ed è poco costoso e relativamente innocuo.

È stato sviluppato in Svezia

Il farmaco per l’asma utilizzato nello studio, Pulmicort, è Sviluppato in Svezia Contiene cortisone, che riduce l’infiammazione delle vie aeree.

Lo sfondo dello studio è che i pazienti asmatici sono sottorappresentati tra i pazienti critici nel Covid-19 e i farmaci per l’asma sono stati citati come possibile causa.

Ci sono molte teorie sul motivo per cui il farmaco potrebbe influenzare l’infezione da Coronavirus.

Uno è che potrebbe essere un vantaggio ridurre l’infiammazione delle vie aeree, e l’altro è che si può pensare che i recettori che il virus si attacca alle cellule nelle vie aeree siano ridotti dall’inalazione di cortisone, afferma Magnus Geslin.

READ  La seconda dose del vaccino Pfizer può proteggere da altri virus