TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuova proposta di accordo sul clima: sopravvivono gli scritti sui ‘combustibili fossili’

La grande domanda prima che una nuova versione del testo dell’accordo fosse presentata alla COP 26 di Glasgow sabato mattina era se la formulazione sui combustibili fossili sarebbe sopravvissuta. E lo hanno fatto, ma la formulazione si è ulteriormente indebolita.

Il testo dell’accordo ora afferma che le parti sono “invitate” a “incrementare gli sforzi” per eliminare gradualmente l’energia a carbone che manca della tecnologia per catturare le emissioni di anidride carbonica e i sussidi “inefficienti” ai combustibili fossili.

Anche se gli scritti Infuocato da quando è apparso per la prima volta in una bozza di proposta due giorni fa, questa è la prima volta che nei testi dell’accordo si parla di un’eliminazione graduale dei combustibili fossili.

L’Accordo di Parigi non cita i combustibili fossili, che sono stati costantemente utilizzati come argomenti dai maggiori Paesi petroliferi, in primis Arabia Saudita e Iraq, per fermare ogni discussione e fraseggio su carbone, petrolio e gas nei negoziati sul clima.

Durante il grande incontro di venerdì sera in cui tutti i Paesi presenti hanno discusso della precedente bozza di testo dell’accordo, Arabia Saudita e Cina, tra gli altri Paesi, hanno espresso tra le righe la loro critica alla formulazione sui combustibili fossili affermando che i negoziati devono essere fedeli all’Accordo di Parigi. La maggior parte degli altri paesi, inclusi gli Stati Uniti, le Isole Marshall, Grenada e Panama, hanno chiesto che le iscrizioni rimanessero, mentre alcuni volevano vedere una formulazione più raffinata.

Può sembrare ridicolo che questo tipo di linguaggio molto debole sui combustibili fossili sia così difficile da raggiungere negli accordi – ma la spiegazione sta nel fatto che in linea di principio tutti i paesi hanno potere di veto nei negoziati delle Nazioni Unite. Se un paese si rifiuta di accettare una formulazione, non lo farà (sebbene alcuni paesi più piccoli finiscano per travolgere, ma questa è una delle eccezioni).

READ  La polizia antisommossa ha aperto il fuoco sui manifestanti a Beirut

Nell’ultima bozza è stata inclusa anche la dicitura che le nazioni del mondo presenteranno le loro intense ambizioni nei loro piani nazionali per il clima, i cosiddetti ndcs, entro la fine del prossimo anno. Questa è una richiesta che è cresciuta negli ultimi tempi quando è diventato chiaro che i piani climatici che i paesi hanno presentato finora non sono abbastanza lontani per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi.

Secondo gli ultimi conti Gli attuali ndc provocheranno una temperatura di circa 2,7 gradi.

Nel nuovo testo, la formulazione non è cambiata rispetto alle versioni precedenti e il significato è che i paesi devono “riconoscere che sono necessarie riduzioni rapide, profonde e durature delle emissioni”. Complessivamente, ciò significa una riduzione del 45% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2010.

I paesi sono inoltre invitati a far avanzare i loro obiettivi dal 2022 al 2030 in linea con l’accordo di Parigi, “in base alle circostanze nazionali”.

Stabilisce inoltre che dovrebbe essere presa una decisione su una riunione ministeriale annuale ad alto livello per riesaminare la situazione in relazione all’obiettivo 2030. La prima riunione si svolgerà quindi in connessione con la prossima grande riunione delle Nazioni Unite sul clima COP 27, che sarà tenutosi a Sharm El Sheikh, in Egitto, alla fine del 2022.

Sabato la grande sala conferenze di Glasgow, dove si tiene la COP 26, ha echeggiato vuoto. Tutti i padiglioni in cui paesi e organizzazioni hanno mostrato la loro azione per il clima e hanno fatto vari eventi collaterali sono vuoti.

Solo una parte della grande struttura è aperta e nei corridoi sono passate decine di migliaia di persone nelle ultime due settimane, solo una manciata di persone si è mossa.

READ  L'arresto dei leader dell'ISIS da parte delle forze irachene

Secondo le ultime informazioni, la presidenza britannica inviterà le parti a discutere il testo del nuovo accordo proposto alle 12, ora locale, cioè le 13 ora svedese.