TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Norberg rivela dettagli importanti dalla finale olimpica del 2006

SportExpressen Föreningsliv afferma che quest’anno si tratta del “momento di gioco più memorabile”.

Il curling d’oro olimpico svedese nel 2006 è più di un fantastico film prodotto dal maestro del thriller Alfred Hitchcock.

L’ultima pietra colpita dalla 39enne Annette Norberg è stata la decisione finale del Palazzo Polyphenional del Giacio.

Sono passati ormai 15 anni da quella gloriosa giornata giallo-blu a Torino, in Italia.

Stiamo soffrendo di crisi finanziarie, Barack Obama e Donald Trump erano presidenti degli Stati Uniti e abbiamo visto la principessa ereditaria Victoria dire di sì al suo Daniel.

Annette Norberg compie 55 anni a novembre.

Con 23 medaglie di campionato, Curling è l’atleta migliore e più esperta del mondo, capo del dipartimento finanziario.

Ma non ha rinunciato al gioco che l’ha salvata nei primi anni ’70.

– Suono ancora un paio di giorni a settimana, dice.

Avere il curling nel sangue

Annette Norberg ha l’arricciatura nel sangue.

È cresciuta nella piccola città di Hornasant in Angermanland, con una popolazione di 17.000 abitanti, sulla costa dell’Angermanland vicino al Mar di Botnia.

Sua madre Kanvi era a poca distanza dal palco dei campionati svedesi, mentre suo padre Åke era un buon giocatore di curling durante l’élite svedese.

Annette Norberg era molto attiva nella vita da club nella sua adolescenza, giocava atletica leggera, giocava a calcio al Pond Jazz IKEA e suonava per gli Hornasants C.K.

All’età di 16 anni, ha scelto la sua carriera.

Sarebbe così perfetto.

– Volevo investire tutto nel curling, dice Annette Norberg.

Dovresti sapere che ha già deciso di vincere l’oro olimpico al liceo.

– Qualche anno fa sono entrata in contatto con Inzella Nistram, una vecchia amica del liceo, tramite i social media. Mi disse che mi aveva già detto nel 1985 che avrei vinto l’oro olimpico.

Ma poi c’era anche il curling alle Olimpiadi?

– No, non lo so. Anche allora è stato un po ‘strano che ho detto. Ma il gioco è arrivato a Nagano nel 1998 e ho mantenuto la mia promessa.

Nel 2006, è diventato un favorito olimpico con il capitano della squadra svedese e capitano Annette Norberg, Eva Lund, Katherine Lindell, Anna Le Moin e Ulrika Bergman.

READ  Quando il fuoriclasse italiano svedese è sceso dall'autobus dopo il record - e ha scioccato tutti i gialloblù: "Onore"

– Abbiamo vinto sia la Coppa del Mondo che l’Europeo e abbiamo avuto una squadra che ha lavorato molto bene per quattro anni. Le stelle precedenti con cui ho giocato si sono sparse in direzioni diverse perché non tutti volevano scommettere lo stesso importo.

Ma ora l’ultima squadra svedese puntava a qualcosa di più grande.

Dieci paesi hanno inseguito l’oro

Contro un oro olimpico.

Qui c’è forza fisica, anima forte e una grande gioia per vincere insieme.

– Sappiamo di essere i migliori al mondo per una grande differenza, ma ora abbiamo a che fare anche con le riviste. Annette Norberg dice che non siamo direttamente abituati ad attirare l’attenzione e suonare di fronte al popolo svedese.

Dieci nazioni si sono incontrate in una serie di base, dove le prime quattro sono passate alle semifinali.

La Svezia ha aperto con una vittoria per 7-5 sul Canada.

Dopo nove partite, Annette Norberg ha portato la Svezia a sette vittorie.

– Abbiamo perso 10-3 contro la Norvegia, ma avrai sempre una partita in cui giochi male durante un lungo campionato. Annette Norberg dice che avevamo la codifica utile e non ne capivamo granché.

La seconda sconfitta svedese è arrivata contro la Russia in una breve partita.

– Molte persone pensavano che avessimo perso volontariamente per evitare di incontrare il Canada in semifinale, ma non era vero. Abbiamo avuto il massimo rispetto per tutte le squadre

Com’è stato affrontare la Norvegia in semifinale?

– Avevamo una buona statistica per il ritiro dei norvegesi, ma c’è sempre una preoccupazione quando giochi contro una buona squadra in semifinale, dice Annette Norberg.

La Svezia ha vinto 5-4.

– È stata una coincidenza che ci fossero pochissimi punti nella partita, entrambe le squadre di solito giocano un curling offensivo, ma ci siamo battuti a vicenda, dice Annette Norberg.

Gioca prima della finale

La Svezia ha raggiunto la finale con un pareggio nel turno finale.

READ  Bayern Monaco e Liverpool d'accordo con Mane

Nella seconda semifinale, la Svizzera è passata alla finale 7-5 contro il Canada.

La Svezia aveva fissato diversi obiettivi intermedi per le Olimpiadi.

Per passare dalla fase a squadre alla semifinale, vinci le semifinali e vinci la finale.

La medaglia d’oro è stata decisa il 23 febbraio al Palazzo Polifunzionale del Giacio.

Ora Annette Norberg dice che un grande spettacolo si è svolto poche ore prima dell’inizio della finale.

– Volevamo scomparire. Annette Norberg dice che eravamo nervosi e quasi nauseati. Nessuno nel team ha mai provato quella sensazione prima.

Ora i futuri eroi giallo-blu erano seduti negli spogliatoi. Calma e presa dall’intensità del momento.

Ma tutto è cambiato in pochi secondi.

– Il capitano della nostra nazionale Stephen Hasselborg è entrato negli spogliatoi e ha iniziato a ballare “Hearts of Fire” in mutande con Hammerfall. Abbiamo iniziato a ridere e c’era la nostra ansia.

La squadra svedese non si aspettava che Stephen Hasselborg facesse un grande spettacolo.

– Stephen è di Norland, era molto tranquillo e non ha mai fatto una grande cosa con se stesso. Ma questa sera ha mostrato un lato completamente diverso, che ha iniziato a far rilassare e ridere i giocatori, dice Annette Norberg.

La finale è stata una delle partite più drammatiche giocate in una sala da curling.

La Svezia ha preso un vantaggio per 2-0 dopo due turni. La Svizzera, con il capitano Mirzam Ode, ha poi colto lo svantaggio a turno.

Prima del decimo e ultimo round, la Svezia si è portata in vantaggio per 6-4 e si è diretta verso un oro storico.

“Sono entrato in una bolla”

– Pensavo avessimo una buona visuale della Svizzera, ma a metà tempo non abbiamo avuto il coraggio di continuare l’attacco e abbiamo invitato la Svizzera alla partita. Annette Norberg dice che è completamente inutile.

Le alpine hanno segnato due punti nell’ultimo turno e sono state costrette a un turno arbitrale.

Annette Norberg stava per colpire l’ultima pietra.

– Sono entrato in una bolla e mi sono concentrato su quello che stavo per fare. Se avessi iniziato a pensare troppo in situazioni di stress, anche quello non sarebbe andato via.

READ  La riprogettazione dell'auto di lusso del principe Bertilin - 69 anni dopo | donna svedese

La stella svedese è stata responsabile del doppio knockout.

Un punto svedese – e l’oro era chiaro.

Annette Norberg ha vinto la medaglia d’oro olimpica 2006 a Torino, in Italia.

– All’improvviso tutti mi hanno riconosciuto. Mi sono fermato in metropolitana, c’erano interviste televisive e divani mattutini, dice Annette Norberg.

Ha aperto un mondo completamente nuovo.

I suoi precedenti ori ai Mondiali e ai Campionati Europei sono passati senza grande attenzione.

Il risultato a Torino è stato che alla nuova stella del curling non è stato permesso di riposare.

– Sono molto orgogliosa di far parte di mettere il curling sulla mappa sportiva svedese, dice Annette Norberg. Abbiamo avuto rispetto per quello che abbiamo fatto e nessuno ha più sottovalutato il nostro gioco. E nei media è diventato enorme.

Quattro anni dopo, la Svezia ha difeso il suo oro olimpico quando Annette Norberg, sua sorella di tre anni Katherine Lindell, Anna Le Moin ed Eva Lund hanno battuto il Canada nella finale di Vancouver.

Annette Norberg ha concluso la sua carriera d’élite nel 2013, ma sta ancora giocando.

– Trovo difficile uscirne, gioco sempre il più possibile. In inverno, Annette Norberg dice che sono stata provocata contro mia figlia Desson.

Non dimenticheremo

Cosa: la finale olimpica nel curling femminile.
Quando: 23 febbraio 2006
Guerra: Palazzo del Ghiaccio multifunzionale I Torino.
Squadra: Svezia – Svizzera
Conclusione: 7–6
Fin qui: la Svezia ha vinto dopo due sconfitte nella regular season. Gli svedesi hanno battuto la Norvegia in semifinale.
Personaggi principali: Annette Norberg, Eva Lund, Katherine Lindall, Anna Le Moin, Stephen Hasselborg

leggi di più: Danno oscuro durante risultati drammatici
leggi di più: Il profilo olimpico è la nuova vita di Anna Lu Moin
leggi di più: Il team Norberg si è diviso – dopo l’oro olimpico