TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nina, 41 anni, ha la sindrome premestruale, quindi è stata in grado di alleviare…

“E se mia madre muore”, “E se il mio partner muore”.

Nella testa di Nina Lindstrom possono apparire paure irrazionali e pensieri infondati di disastro. Allo stesso tempo arrivarono gli sbalzi d’umore: depressione e rabbia incontrollabile.

È una delle 60.000-90.000 donne fertili in Svezia che soffrono di sindrome disforica premestruale, PMDS, una condizione che comporta gravi sintomi mentali che influenzano notevolmente la vita quotidiana.

Per Nina, era legato alla sua sofferenza per la stanchezza e al fatto che era in congedo per malattia per circa nove anni, è davvero scoppiato l’inferno.

Ho la sindrome premestruale da quando ero piccola ma quando sono entrata nel muro le cose sono peggiorate. Penso che il mio corpo fosse molto stanco ed esausto a causa della mia stanchezza e questo ha rafforzato lo squilibrio che già esisteva nel mio corpo.

Per diversi anni, Nina è stata colpita da PMDS per due settimane al mese in un modo o nell’altro. Lo descrive come un completo cambiamento di personalità. L’estroversa e sociale Nina è sbalordita.

– Quando la situazione era peggiore, volevo solo isolarmi e stare a casa da solo. Mi sentivo come se fosse difficile uscire e buttare la spazzatura perché non potevo sopportarlo se mi imbattevo in qualcuno.

Tutti questi sentimenti e pensieri difficili, in particolare la rabbia, avevano consumato un’enorme quantità di energia nel corso degli anni e non solo lei stessa era stata colpita. Ha anche persone intorno a lei. Essere in una relazione significa grandi sfide.

– Può essere così stressante per il mio partner che ha avuto a che fare con questa persona lunatica i cui ormoni impazziscono ogni mese. Potrei essere così ingiusto e voler dire un secondo per rompere nel secondo successivo e preoccuparmi davvero perché mi sono comportato come un asso nei confronti della persona che amo. Ci saranno molti sensi di colpa e vergogna.

Conosci il suo corpo

Ninas ha cercato più volte l’aiuto di un caregiver, ma come molte altre persone con PMDS, è stata accolta con ignoranza.

Ciò che le è stato offerto sotto forma di vari contraccettivi e antidepressivi non ha funzionato. Ho anche provato l’agopuntura, i rimedi erboristici, lo yoga, l’alimentazione vegetariana e proprio il contrario: molta carne.

READ  Differenze regionali significative nel numero di bambini che hanno ricevuto il vaccino COVID-19

– Mi sono sentito così male che ero pronto a provare tutto.

Dal momento che la cura non le è stata d’aiuto, ha dovuto provarla da sola e in questo modo ha trovato diversi modi per affrontare il suo PMDS.

Ciò che Nina ha imparato è che il suo corpo ha bisogno di carne per sentirsi soddisfatto e ha bisogno di esercizio fisico regolare e riduzione dello stress. Ho anche imparato che deve evitare lo zucchero, soprattutto durante la metà del ciclo mestruale, quando inizia a contrarsi.

“Purtroppo, questo è esattamente il momento in cui vuoi solo buttare dentro un sacco di cioccolato, quindi è un po’ ridicolo”, dice.

Nina Lindstrom è delusa dall’ignoranza con cui è stata misurata quando ha cercato assistenza per il suo PMDS.
Foto: privato

Sono stato anche in grado di identificare un colpevole davvero grande che in realtà sta aggravando i suoi sintomi: la caffeina. Se Nina sta lontana, si sentirà molto meglio, ma una volta che si comporterà male, verrà punita immediatamente.

È così che ho conosciuto il mio corpo e il mio ciclo. Ho rimosso elementi e aggiunto altri per vedere cosa funziona per me. Sfortunatamente, non credo che ci sia una soluzione universale a questo con PMDS.

Quando non si prende cura di se stessa, ad esempio bevendo molto caffè o festeggiando troppo, non solo i sintomi mentali peggiorano, ma anche quelli fisici, come i crampi mestruali.

Grazie ai cambiamenti che Nina ha apportato nella sua vita, i suoi sintomi sono stati notevolmente alleviati. Mezzo mese non è più l’inferno. Dieci anni fa, ha dovuto prendere un congedo per malattia dal lavoro diversi giorni al mese perché si sentiva così male.

– Di certo non ci sono oggi. Certo, posso avere giorni terribili in cui voglio solo alzarmi in piedi e urlare, ma sono riuscita a perseverare.

Oltre ai cambiamenti nello stile di vita che Nina ha apportato, crede che ci sia un altro motivo per cui si sente molto meglio oggi.

READ  Il sole estivo ti prepara per l'inverno

– Penso che quando sono invecchiato, sono diventato anche più gentile con me stesso. Non faccio più cose per compiacere gli altri se è a mie spese.

Se alcuni giorni mi sento disgustato ma pianifico le cose con gli altri, dico di no. E quando stai passando giorni davvero brutti, mi assicuro di prendermi davvero cura di me stesso.

Se Nina Lindstrom può consigliare altre donne con PMDS, dovrebbero essere più gentili con se stesse
Foto: privato

Un’altra cosa che Nina ha notato è che si sente meglio da quando è single.

– Può sembrare un po’ strano, ma dal momento che non ho una relazione, non devo dare energia a qualcun altro e tenere conto dei sentimenti di qualcun altro. Quando mi sento male, posso invece concentrare tutta la mia attenzione su me stesso e su ciò per cui mi sento bene.

“Sii gentile con te stesso”

Se Nina può dare consigli ad altre donne colpite, è meglio che sia più gentile con se stesse.

– È il più importante. So quanto può essere disperato quando sei là fuori al buio. Non c’è niente di più difficile che avere giorni infernali in cui ti senti male e così arrabbiato per tutto. Finché anche tu non ti sentirai inutile, è molto stressante. Molti, incluso me stesso, sperimentano che quando sei più gentile con te stesso e vivi più gentile, le cose migliorano. Non essere duro con te stesso.

Un altro consiglio che Nina vuole condividere è iniziare a registrare il suo ciclo, annotando i suoi sintomi, pensieri e sentimenti ogni giorno.

– Alcuni giorni in bici posso pensare a cose totalmente pazze e pensare di essere piuttosto strano, ma se segui quando succede e puoi vedere che può essere collegato a dove sei tra un mese, non lo sarai sorpreso e preoccupato quando succede. Allora sai che c’è una spiegazione. Riconoscere i tuoi sintomi è molto importante per capire il tuo corpo e come funziona.

Cos’è la sindrome premestruale e la sindrome premestruale

Cos’è il ciclo mestruale?

PMS significa che il tuo umore cambia e che hai altri disturbi fisici nei giorni che precedono il ciclo.

READ  Pertanto, ci sono voluti decenni per sviluppare un vaccino contro la malaria

La sindrome premestruale è comune, ma può variare da persona a persona in termini di sintomi. Puoi anche avere una diversa quantità di disagio di mese in mese. I sintomi di solito non richiedono un trattamento farmacologico.

Cos’è il PMDS?

I sintomi di PMDS sono generalmente mentali e possono essere così gravi da presentare sintomi di depressione e ansia. La differenza è che i sintomi del PMDS regrediscono quando arriva il ciclo.

È comune che la sindrome premestruale influisca sull’intera vita. Ad esempio, potresti finire in conflitto o voler essere in pace ed evitare l’associazione con gli altri. Circa il 3-5% di tutte le persone che hanno periodi regolari hanno la sindrome premestruale.

Sintomi PMS e PMDS

Con PMS, potresti riscontrare uno o più dei seguenti sintomi:

• Ti senti arrabbiato e irritabile.

• Ti senti ansioso e ansioso.

• Rapidi sbalzi d’umore.

• Ti senti scoraggiato e hai meno voglia di inventare cose.

• Ti senti stanco e hai meno energia.

• Hai difficoltà a dormire.

• Gonfiore nel corpo, soprattutto nella zona addominale.

• Ti senti oppressione al seno o che sono doloranti.

• Hai mal di testa.

• Ti senti più affamato del solito e brami i dolci.

Per essere diagnosticato con PMDS, devi corrispondere a cinque dei sintomi sopra elencati. Uno di loro deve essere tra i primi quattro.

PMS e PMDS di solito iniziano fino a una settimana prima della scadenza del ciclo e diminuiscono o scompaiono completamente quando arriva il ciclo. Pertanto i sintomi possono persistere per i primi due o tre giorni durante le mestruazioni. Alcune persone hanno problemi anche durante l’ovulazione. A volte PMS e PMDS possono continuare per tutto il periodo dall’ovulazione fino all’inizio del ciclo.

fonte: 1177, Vårdguiden