TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nella Nato crescono i dubbi sull’Ungheria

Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó durante una visita a Cipro all'inizio di quest'anno.  Immagine di riserva.

L’Ungheria sta causando crescente frustrazione – e ora anche sospetto – all’interno della NATO.

Ostacolare le risoluzioni e le sanzioni contro la Russia e la cooperazione con Bielorussia e Cina fanno sì che gli altri Stati membri guardino dall’altra parte.

La paura del conflitto non è certamente qualcosa di cui Peter Szijjarto sembra soffrire. Piuttosto, il Ministro degli Esteri ungherese sembra trarre forza dalla sua posizione difensiva quando arriva il momento di incontrare i suoi colleghi dell'Unione Europea e della NATO.

Alla riunione della NATO, prevista giovedì a Praga, nella Repubblica Ceca, Sjjájjárto arriverà in linea di principio direttamente dalla Bielorussia, dove ha firmato, tra l'altro, un accordo di cooperazione nel campo dell'energia nucleare. Prima di ciò, era a Bruxelles per partecipare a una riunione dell’Unione Europea e ha descritto il suo collega come un guerrafondaio.

– I colleghi tedeschi, irlandesi e polacchi hanno suscitato scalpore, ma ciò non cambia la nostra posizione, qualunque cosa gridino i politici favorevoli alla guerra, ha poi dichiarato Szijjarto in un commento su Facebook, secondo l'agenzia di stampa Reuters.

Non ti fidi dell'Ungheria?

All’interno della NATO, Szijjarto e l’Ungheria stanno ostinatamente dicendo no alla possibilità che il primo ministro olandese uscente Mark Rutte diventi il ​​nuovo Segretario generale. Poiché per la decisione è necessaria la piena unanimità, la situazione resta in un vicolo cieco, anche se ora anche la Turchia sostiene Rutte.

Allo stesso tempo, i maggiori contatti dell'Ungheria con paesi come la Bielorussia e la Cina, ma anche con la Russia, hanno cominciato ad avere conseguenze sul modo in cui gli altri paesi della NATO vedevano il paese. Quanta fiducia hai nell'Ungheria?

READ  Nipote seduta di Bowles - DNA confermato

– C'è frustrazione ai livelli inferiori dei servizi segreti perché gli Stati membri occidentali non condividono più informazioni con noi come prima, ha detto una fonte dei servizi segreti ungheresi al sito web EU Observer.

Notizie false

C’è anche disagio per il modo in cui gli ungheresi si presentano come gli unici amici della pace, così come le accuse secondo cui l’Occidente, e non la Russia, sta istigando l’uso delle armi nucleari.

Inoltre c'è un forte sospiro di sollievo per le affermazioni di Sjjarto secondo cui l'Unione europea vuole imporre la coscrizione obbligatoria per mandare donne e uomini al fronte in Ucraina. Il fatto che tale proposta non esista, ma sembri basarsi solo su una citazione separata – e anche negata – del peso massimo tedesco dell’UE Manfred Weber, non impedisce al governo ungherese di utilizzarla ampiamente nella campagna elettorale davanti all’UE. elezioni.

“La vera domanda nelle elezioni europee è se l’Europa manterrà la pace o entrerà in guerra”, ha scritto in un post sul blog il portavoce del governo Zoltan Kovacs.