TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Moa salva le foto di Lynn Swann dal campo della squadra nazionale di Lunggren

VAL SENALE. Cieli limpidi, panorami spettacolari e piste da sci perfette.

Quindi il 23enne Moa Lundgren sceglie di salvare Linn Svahn, 21 anni, nelle foto di un campo alto in Val Senales, in Italia.

– Non sono così male, dice Lundgreen con un sorriso.

Lynn Swan Si sta ancora riprendendo da un infortunio alla spalla subito in uno sprint a Ulrishaman a febbraio.

Il 21enne ha subito un intervento chirurgico e sta lottando contro il tempo per ottenere bene per le Olimpiadi a detta di tutti.

Mentre veniva riabilitato a casa, gran parte della squadra nazionale si è recata in una soleggiata Val Senales italiana, dove i corridori della valle hanno potuto godersi le calde giornate della loro prima settimana, fino a un ultimo campo in alta quota prima della stagione. Inizia tra un paio di settimane.

“Non sono così male”

Al campo, Swann e la sua squadra erano dispersi.

– Se fosse stata qui, sarebbe stato molto divertente. Aggiunge molto al gruppo, dice Mo Lundgren.

Quante foto le mandi da qui?

– Dirò di no, ahah! Non sono così male.

Com’è lei?

– Dirò che sta bene. È incredibilmente forte perché non è divertente prendere quella decisione di mettersi da parte per guarire. Sono rimasto impressionato dalla sua dedizione al compito di eccellere al di là di questo.

Come la sposi Pepper?

– Non ho provato a mandarle molte foto, e poi di solito le chiediamo spesso. Potrebbe essere necessario parlarmi dei giorni buoni e cattivi in ​​cui sei in un tale processo. Ci sono ascoltatori.

READ  Marcus Carlson: Perché SR non ha imparato dal suo nomade al pianoforte?

Chirurgia forzata al dito

Anche Lundgren subirà un’operazione in futuro.

Il 23enne aveva da tempo un problema al dito della mano destra e non riusciva a prenderlo correttamente.

Ora deve essere risolto.

– L’anno scorso era un legamento, era costantemente sdraiato e saltava al culmine, quindi non potevo chiudere la mano. Quest’estate ho avuto un’infezione a Trollhatton e pensavo di averla rimossa, ma non l’hanno pulita bene, quindi i batteri sono rimasti. Poi è tornato, ho dovuto mangiare antibiotici. Quando è tornato, ho scelto di rimuovere l’area interessata, afferma ulteriormente Mo Lundgren.

– Ora guarisce. È stato davvero emozionante. Ho dovuto sedermi e guardarli mentre tagliavano e strappavano l’unghia. Con tre iniezioni di anestetico, è stato in grado di sopprimere quella tortura.

Pubblicato: