TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Miss Universo: Nicaragua accusato di tradimento

Pubblicato il 03-12-2023 23.59

Il Nicaragua ha vinto Miss Universo ed è stato celebrato dal presidente Ortega.

Ora il sistema è cambiato.

La direttrice del concorso di bellezza nazionale, Karen Ciliberti, è stata accusata di cospirazione e definita traditrice.

– È completamente devastata e non le è permesso entrare nel paese, dice la cugina svedese Karla Öklund Moncada.

Alcune settimane fa, l’edizione di quest’anno del concorso Miss Universo è stata decisa in El Salvador. La vittoria è andata alla corridore nicaraguense Shenice Palacios.

Era lì con l’imprenditrice di Miss Universo Karen Ciliberti, coinvolta da molti anni nel contributo del Nicaragua al concorso internazionale. Il primo posto è stato inizialmente celebrato dal regime e dal presidente Daniel Ortega, che lo hanno ritenuto un buon segnale di pubbliche relazioni per il Paese.

– Tutti erano così orgogliosi e felici. “È meraviglioso, sappiamo quanto ha lottato e alla fine ha dato i suoi frutti”, dice la svedese Karla Öklund Moncada, cugina di Karen.

Ma la gioia e l’orgoglio del presidente si sono improvvisamente trasformati in rabbia.

In occasione del concorso, è diventata virale una foto di Shenis Palacios in cui la si vedeva partecipare a una manifestazione di massa che criticava il regime che ha scosso il paese nel 2018. Palacios allora studiava in una delle tante università chiuse dopo le proteste. .

È chiamato il “coupmaker”

Dopo aver vinto il titolo di Miss Universo, molti nicaraguensi sono scesi nelle strade e nelle piazze per festeggiare la vittoria e sventolare bandiere bianche e blu, cosa vietata nel Paese.

I rapporti dicono che il presidente Ortega ritiene che dovrebbero essere usati i colori del suo partito, rosso e nero Agenzia di stampa AP. Il vicepresidente del paese, Rosario Murillo, che è anche la moglie del presidente Ortega, è uscito allo scoperto e li ha definiti “golpisti”.

– Non appena le persone manifestano, la colpa viene attribuita al settore privato, che è sotto forte pressione. All’improvviso il sistema è passato dall’applauso all’accusa di distruzione e anarchia, racconta Karla Öklund-Moncada al quotidiano Aftonbladet.

Sua cugina Karen è ora accusata di consentire a partecipanti critici nei confronti del regime di rappresentare il Paese nella competizione e di far parte del settore privato che il presidente considera oppositore e critico nei confronti del regime.

– Collegano mia cugina a tutto il settore privato, alle apparenze e dicono che ha usato la ragazza che ha vinto in questa faccenda. Come una facciata, un pezzo di terra. “È ridicolo, stupido e pericoloso”, dice Karla Oklund-Moncada.

Carla Oklund Moncada e Karen Ciliberti.

Accusato di tradimento

Carla Oklund Moncada.

Negli ultimi anni, il regime ha chiuso un gran numero di società e organizzazioni private.

-Mi chiedevo come Karen gestisse le sue aziende e riuscisse a farle andare avanti nonostante la difficile situazione in Nicaragua. Finora ha lottato molto e ha avuto successo, dice Karla Öklund-Moncada.

Karen, responsabile della delegazione, è ora accusata di tradimento. Secondo una dichiarazione della polizia, Karen è accusata di “usare concorsi di bellezza per creare un’imboscata politica e di essere finanziata da forze straniere” attraverso le sue attività. Reuters.

READ  Il vaccino contro il Covid 19 ha salvato 20 milioni di vite l'anno scorso

Dopo aver gareggiato in El Salvador, si sono recati in Messico e poi di nuovo in Nicaragua.

Quando Karen e sua figlia atterrarono all’aeroporto, non fu loro permesso di entrare.

– È stato detto loro che non erano più i benvenuti e che lei era accusata di disobbedienza alla sua patria e che non aveva il diritto di vivere lì, dice Karla Öklund-Moncada.

“Molto imbarazzante”

Karen Ciliberti e suo marito Martin.

Karen e sua figlia Luciana furono costrette a tornare in Messico. Carla dice che il marito di Karen, Martin, e il figlio Bernard, sono stati successivamente arrestati nella casa di famiglia in Nicaragua e ora sono trattenuti per tradimento. Da allora la famiglia non è più riuscita a raggiungerli.

– La priorità assoluta ora è cercare di liberarli. Dice: È una dittatura e non sappiamo cosa succede in prigione.

L’incidente ha ricevuto grande attenzione nel Paese e nella stampa internazionale.

-Abbiamo lavorato tanto per la libertà e non sappiamo dove andranno a finire adesso. È molto spaventoso per loro adesso. Questo ci ricorda quanto sia importante sostenere la democrazia, la libertà e i diritti umani.

Shenis Palacios non è tornato in Nicaragua dopo la vittoria e ora si trova negli Stati Uniti, secondo Reuters.

– Il regime ha dimostrato il suo nervosismo. Non per debolezza, ma per megalomania. Hanno paura di tutto ciò che non segue la loro linea, afferma Juan Papier, vicedirettore di Human Rights Watch. Guardiano.

Bandiera decorata con il volto del presidente Daniel Ortega.