TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Milioni di persone vogliono immigrare in Svezia

Di: Anika Anderson/TT

La Svezia fa cenno. Un nuovo studio mostra che una percentuale crescente della popolazione nei paesi a basso e medio reddito vorrebbe trasferirsi in Svezia se ne avesse l’opportunità. Ma la Svezia occupa ancora un posto relativamente lontano nell’elenco dei paesi più popolari.

Secondo un nuovo rapporto di tre ricercatori svedesi, poco più di 1 miliardo di persone nei paesi a basso e medio reddito vorrebbe trasferirsi definitivamente in un altro paese se ne avesse l’opportunità. Comprende un sesto di tutte le persone che vivono in quei paesi. Di questi, quasi 10 milioni vogliono trasferirsi in Svezia.

– È interessante che la Svezia sia così popolare, mentre allo stesso tempo non ce ne sono così tante se guardi quante persone ci sono nel mondo. È un numero abbastanza ragionevole, afferma Oel Hamar, economista nazionale e ricercatore presso l’Institute for Business Studies (IFN) e l’Institute for Futures Studies.

Lo studio si basava su uno studio globale, il Gallup World Wide Poll (GWP), che intervista persone in più di 160 paesi e chiede informazioni sulle loro opinioni, condizioni di vita e comportamento. Una delle domande nello studio è se si vorrebbe trasferirsi definitivamente in un altro paese e, in tal caso, in quale paese.

La Svezia è al 21° posto

La Svezia è al 21° posto tra tutti i paesi più ricchi del mondo e al 6° posto tra i paesi dell’Unione Europea. In cima trovi USA, Canada e Australia. Le destinazioni più popolari nell’Unione Europea sono Germania, Francia e Spagna.

READ  SJ è diventato un'icona per la Svezia

Un numero leggermente superiore di persone desidera recarsi in Svezia durante il periodo esaminato più di recente, 2016-2021, rispetto al quinquennio precedente. Nonostante il fatto che la politica sull’immigrazione sia stata inasprita negli ultimi anni.

– Vediamo che la popolarità della Svezia è aumentata, ma è difficile dire perché. Potrebbe volerci del tempo prima che i cambiamenti nella politica sull’immigrazione abbiano effetto. Oppure influisce sul numero di persone che effettivamente vengono ma non sul numero di coloro che vogliono venire.

Ma, sottolinea Hamar, non è possibile dire quanti si sposteranno effettivamente in Svezia sulla base di queste cifre.

– Se avessero potuto trasferirsi in Svezia, probabilmente lo avrebbero già fatto. La domanda è ipotetica. Ma può essere un buon indicatore per fare calcoli sui possibili flussi migratori futuri.

– Se succede qualcosa in un paese, puoi usare questi numeri per vedere se la Svezia è una destinazione popolare lì. Puoi vederlo come un desiderio latente di migrare, ma è necessario un qualche tipo di shock per realizzarlo. Come una guerra o un disastro naturale, dice, prendendo l’Ucraina come esempio in cui la disponibilità a migrare prima della guerra era ben correlata con il numero di persone che sono emigrate qui dopo.

La metà di loro proviene da cinque paesi

La metà di coloro che preferiscono trasferirsi in Svezia proviene da cinque paesi: Cina, Iran, Turchia, Iraq e Russia. Ole Hamer ritiene che l’importanza di questi paesi nelle statistiche sia dovuta a diversi fattori.

È una combinazione delle dimensioni della popolazione in quei paesi e di quanto sia popolare la Svezia. Se prendiamo ad esempio la Cina, poiché è un paese grande, ci saranno molte persone, ma la Svezia è relativamente poco comune lì. Ma paesi come l’Iraq, la Turchia e l’Iran hanno un grande espatriato qui, e hanno parenti e amici che si sono già trasferiti qui. Poi abbiamo anche la Russia, dove probabilmente ci sono molti che ora vogliono sfuggire all’oppressione. La Svezia è vicina e anche la vicinanza geografica ha un effetto.

READ  La Svezia affronta il Belgio nei quarti di finale della Commissione Europea

Ma non vuole speculare su come sarà l’immigrazione in futuro.

– Ma è chiaro che l’inasprimento delle restrizioni significa che ce ne saranno sempre meno. È qualcosa che sarà interessante da guardare in futuro, indipendentemente dal fatto che influisca o meno sul desiderio di migrare.