TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Miliardari russi scettici sulla guerra: ‘Follia’

Il mondo occidentale deve affrontare sanzioni economiche sempre più dure contro la Russia.

Allo stesso tempo, tra i potenti miliardari del paese iniziò a crescere il malcontento per l’invasione dell’Ucraina.

Il magnate dell’alluminio Oleg Deripaska va agli estremi, definendo la guerra “pazza”.

Dall’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio, il mondo occidentale ha stretto le viti attorno ad esso Russia Economia.

Molte delle sanzioni hanno preso di mira direttamente miliardari legati allo stato o al presidente Il presidente russo Vladimir Putin.

E ora i sospetti sulla guerra in Ucraina stanno crescendo tra i potenti uomini d’affari, secondo i rapporti Washington Post. Soprattutto tra coloro che hanno acquisito i loro beni sotto la guida di Boris Eltsin.

Almeno quattro oligarchi legati all’ex presidente hanno scelto di lasciare la Russia.

Elvira Nabiulina.

Oggi sta diventando sempre più difficile per coloro che ricoprono posizioni di alto livello. Elvira Nabiullina, il capo della banca centrale russa, ha rassegnato le dimissioni dopo che l’Occidente ha congelato quasi la metà delle riserve valutarie della banca, ma Putin ha rifiutato di lasciarla partire, secondo diverse fonti.

– Si rende conto che non può andarsene. Una fonte dice che altrimenti sarebbe finita molto male per lei.

“pazzo”

Finora, nessuno nell’élite russa ha criticato direttamente Vladimir Putin e pochi hanno mai parlato apertamente della guerra.

Vladimir Putin e il gigante del metal Oleg Deripaska.

pali in alluminio Oleg Deripaska Va oltre e chiama la guerra “follia” sull’app di Telegram. Allo stesso tempo, gran parte della colpa è attribuita al mondo occidentale per come si è sviluppata la situazione.

READ  Il ministro della Difesa russo è apparso di nuovo, ma le foto sono in questione

Deripaska ritiene che la crisi economica a seguito delle sanzioni sarà “tre volte peggiore” della crisi finanziaria che ha scosso la Russia nel 1998.

Afferma inoltre che il capitalismo di stato sotto il regime di Putin negli ultimi 14 anni “non ha portato alla crescita economica o all’aumento del reddito della popolazione”.

“nessuno sa”

Non è il solo a sentirsi frustrato. Diversi pannolini russi, che desiderano rimanere anonimi per la propria sicurezza, hanno detto al Washington Post di sentirsi impotenti. Dicono che non è più possibile influenzare il Putin sempre più isolato, la cui cerchia ristretta è composta in gran parte da “potenti” funzionari della sicurezza.

Ore dopo l’inizio dell’invasione russa, 37 tra i più ricchi uomini d’affari del paese furono convocati a una riunione al Cremlino.

– Erano tutti di cattivo umore. Tutti erano seduti lì devastati, dice un partecipante del Washington Post.

– Non li ho visti così scioccati. Un altro dice che alcuni di loro non potevano parlare.

Pochi di loro credevano che Putin avrebbe effettuato un’invasione su larga scala del paese vicino, nonostante gli avvertimenti dei servizi di intelligence statunitensi.

– A parte coloro che sono stati direttamente coinvolti nei preparativi: il ministro della Difesa Sergei Shoigu, il capo dell’esercito Valery Gerasimov e alcuni dell’FSB, nessuno lo sapeva, dice un miliardario.

nessuna protesta

Hanno dovuto aspettare due ore prima che Putin arrivasse e rassicurasse i miliardari che la Russia sarebbe rimasta una parte del mercato globale. Nessuno dei partecipanti ha osato protestare contro il presidente.

Con i risultati in mano, le promesse non vengono mantenute. La Russia è stata ampiamente esclusa economicamente e i beni delle masse degli oligarchi e di altri ricchi russi sono stati congelati.

READ  Nella foto: Cupola di ferro della difesa aerea israeliana

Giovedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è andato oltre e ha suggerito che sarebbe stato possibile impossessarsi di fortune e inviare denaro in Ucraina.

Sergej Shoigu.

Allo stesso tempo, la Russia ha sofferto non solo finanziariamente dall’inizio della guerra. Hanno dovuto ritirare le loro forze dopo che non erano riusciti a prendere la capitale, Kiev. Secondo molti esperti e analisti, finora l’invasione è andata peggio del previsto.

‘Non hanno bisogno di una guerra’

Due fonti con perspicacia dicono al Washington Post che l’insoddisfazione non ha guadagnato solo slancio tra le grandi aziende. Anche le persone del ministero della Difesa del paese hanno iniziato a opporsi ai piani di Putin.

Una delle fonti cita espressamente il ministro della Difesa Sergei Shoigu.

– Vogliono tutti vivere una vita normale. Hanno case, figli e nipoti. Non hanno bisogno di una guerra. Non tutti sono inclini al suicidio. Vogliono vivere una bella vita. La persona dice che vuole che i suoi figli abbiano tutto e abbiano l’opportunità di viaggiare e vedere posti meravigliosi.