TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’opposizione mette in guardia contro i colloqui con Lukashenko

La leader dell'opposizione bielorussa Svetlana Tichanovskaya.  Galleria fotografica.
La leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tichanovskaya. Galleria fotografica.

La Bielorussia si aspetta una cooperazione con l’Unione europea sui migranti al confine polacco. Ma l’opposizione mette in guardia contro i colloqui con il regime nel Paese.

Il leader autoritario bielorusso Alexander Lukashenko ha criticato l’Unione europea per aver rifiutato di tenere colloqui sullo status dei migranti al confine del paese con la Polonia. Lukashenko ha anche invitato la Germania ad accettare circa 2.000 migranti al confine.

Il leader della Bielorussia indica una precedente conversazione telefonica avuta con il cancelliere tedesco Angela Merkel. Lukashenko ha promesso che l’UE agirà.

– Ma non ci hanno contattato, dice Lukashenko, secondo l’Associated Press.

“Molto strano”

Il portavoce dell’UE Peter Stano afferma che il sindacato sta esplorando opportunità di tenere colloqui con le sue controparti in Bielorussia e con le autorità delle Nazioni Unite.

Allo stesso tempo, ci sono domande persistenti sulla conversazione inaspettata tra Merkel e Lukashenko all’inizio di novembre.

Svetlana Tichanovskaya, che è diventata una figura di spicco dell’opposizione in Bielorussia ed è in esilio, ha invitato i leader dei paesi dell’UE ad evitare contatti con le autorità di Minsk.

Ha descritto i colloqui della Merkel con Lukashenko come “molto strani”, secondo l’AFP.

“Capisco che questo sia stato fatto per cercare di ridurre la situazione al confine, ma per il popolo bielorusso è stato molto strano”, ha detto Tichanovskaya in una conferenza a Vienna.

Secondo Tikhanovskaya, i contatti con il regime di Minsk non fanno che aumentare la sua opinione di essere impunito in relazione alla crisi dei migranti.

READ  La Germania si avvicina alle vittime del disastro

Riferendosi alla Russia

L’Unione europea considera la deportazione dei migranti al confine polacco un atto ostile da parte della Bielorussia. Durante la rivolta delle ultime settimane, circa una dozzina di migranti sono morti nelle aree boschive lungo il confine.

L’ambasciatore degli Stati Uniti a Minsk Julie Fischer ha detto in una videoconferenza lunedì che la Russia – il principale alleato di Alexander Lukashenko – è pronta a trarre vantaggio dalla crisi dei migranti e si sta distraendo dalle azioni russe al confine orientale dell’Ucraina.

Inserito: