TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo studio mostra gli effetti devastanti a lungo termine di COVID-19

Le persone che hanno contratto il COVID-19 corrono un rischio maggiore di sviluppare una varietà di lesioni cerebrali rispetto alle persone che non hanno avuto il virus, che colpisce milioni di persone.

in Uno studio pubblicato su Nature Medicine Utilizzando le cartelle cliniche di milioni di americani, i ricercatori hanno valutato più di 44 diverse malattie e hanno scoperto che nelle persone con COVID-19, disturbi cerebrali e altri disturbi neurologici si sono verificati a un tasso del 7% più alto, rispetto alle persone che non avevano il coronavirus. Virus, rapporti Reuters.

Il 7 percento corrisponde ai 6,6 milioni di americani che hanno avuto danni cerebrali legati alla loro infezione da COVID-19.

Ha studiato le cartelle cliniche di milioni di americani

“I risultati mostrano gli effetti devastanti a lungo termine di COVID-19”, afferma l’autore senior. Ziad Al-Ali presso la University of Washington School of Medicine in una dichiarazione, ha scritto a Reuters.

Lui ei suoi colleghi sono al College of Medicine and Veterans Affairs dell’Università di Washington. Lewis Healthcare System ha studiato le cartelle cliniche di 154.000 veterani statunitensi risultati positivi al virus tra il 1 marzo 2020 e il 15 gennaio 2021.

Le cartelle cliniche dei pazienti sono state confrontate con i dati di 5,6 milioni di pazienti nello stesso periodo che non avevano contratto il virus Covid-19, nonché con un altro gruppo di persone del periodo precedente all’arrivo del virus negli Stati Uniti.

La nebbia cerebrale è il sintomo più comune di danno cerebrale

secondo Ziyad Al-Aly, studi precedenti hanno esaminato un gruppo più piccolo di disturbi e si sono concentrati principalmente sui pazienti ricoverati, mentre questo studio include sia pazienti ricoverati che non ospedalizzati.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda gli inibitori dell'interleuchina-6 nei casi di grave COVID-19

Secondo lo studio, il sintomo più comune di danno cerebrale è la compromissione della memoria, la cosiddetta nebbia cerebrale. Le persone infette da covid-19 avevano il 77% in più di probabilità di sviluppare nebbia cerebrale rispetto ai gruppi di controllo.

Più comune con ictus, convulsioni e problemi mentali

Rispetto a coloro che non hanno avuto il COVID-19, le persone che hanno contratto il virus hanno anche un rischio maggiore del 50% di avere un ictus causato da coaguli di sangue. Avevano anche l’80% in più di probabilità di avere convulsioni e il 43% in più di probabilità di avere problemi psicologici come ansia e depressione.

Rispetto ai gruppi di controllo, quelli con COVID-19 avevano il 35% in più di probabilità di avere mal di testa e il 42% in più di soffrire di disturbi del movimento come i tremori.

Strategie necessarie per affrontare le sfide

I ricercatori ritengono che i governi e i sistemi sanitari di tutto il mondo debbano fare piani per una realtà post-Covid.

“Data la vastità della pandemia, c’è un bisogno urgente e coordinato, ma finora assente, di strategie di risposta globali, nazionali e regionali per affrontare queste sfide”, ha detto Ziad Al-Ali a Reuters.

Sei interessato all’economia e alle scienze della vita? Ecco com’è facile ottenere i nostri servizi gratuiti servizio di notizie.

Leggi di più: Studio: Anche il COVID-19 lieve provoca danni cerebrali [Dagens PS]