TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia si chiude di nuovo durante la terza ondata Corona

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Poco più di un anno dopo che l’Italia ha chiuso Corona per la prima volta, era di nuovo tempo.

Ora, tre quarti del paese sono stati sottoposti a severe restrizioni in attesa della vaccinazione.

Ogni dose che viene distribuita è un passo per uscire da questa crisi, afferma il ministro della Salute Roberto Speranza.

Durante una fatidica conferenza stampa del 9 marzo 2020, l’allora premier Giuseppe Conte annunciò che 60 milioni di italiani erano stati messi in quarantena. La prima chiusura globale di Corona in Europa.

Conte ha detto all’epoca, ero pienamente consapevole della serietà e della responsabilità che ciò comporta.

Ora è di nuovo il momento, poco più di un anno dopo.

“È passato più di un anno da questa crisi sanitaria, ma purtroppo stiamo di nuovo affrontando un’ondata di infezione”, afferma il premier Mario Draghi, secondo The Local.

Il ricordo di quanto accaduto è ancora fresco in tutti noi e faremo di tutto per evitare che accada di nuovo.

Il premier Mario Draghi.

Foto: Guglielmo Mangiapane / TT NEWS AGENCY

Il premier Mario Draghi.

L’agenzia di stampa italiana ANSA ha riferito che molti luoghi sono stati affollati durante il fine settimana in vista delle nuove restrizioni entrate in vigore lunedì mattina. Il piano italiano è quello di introdurre un “blocco rigoroso” per rallentare la nuova ondata di infezioni mentre si cercano vaccini di massa per essere in grado di aprirsi in misura maggiore quando molti ricevono le loro dosi.

Come la Svezia, il programma di vaccinazione del paese è stato ritardato a causa di problemi di consegna da parte dei fornitori di vaccini.

READ  Sospensione. Dan Lucas: Prendere in prestito per acquistare azioni è una cattiva idea

Chiesto di restare a casa

Secondo l’agenzia di stampa NTB, i tre quarti del paese sono classificati come una “zona rossa o arancione”, la più alta delle due categorie con le maggiori restrizioni. Tutte le regioni con più di 250 persone infette ogni 100.000 abitanti finiscono in rosso.

Invitiamo i residenti delle aree colpite a rimanere a casa, a meno che non siano costretti a lavorare o debbano lasciare la casa per motivi di salute o di emergenza, scrive TT.

Da lunedì verranno inasprite le regole anche nelle regioni “gialle” del Paese, dove la diffusione del contagio è attualmente bassa. La circolazione tra le città è fortemente limitata e ristoranti e bar sono stati chiusi. La Sardegna è l’unica regione a evitare le restrizioni, poiché la diffusione del contagio sull’isola è limitata.

Foto: Alessandro Pone / TT NEWS AGENCY

Lunedì 8 marzo a Napoli il Folktum Beach Park.

Le restrizioni si applicheranno fino a Pasqua, quando l’intero paese sarà classificato come zona rossa durante il fine settimana dal 3 al 5 aprile e il paese sarà in uno stato di “blocco”.

Più di 100.000 persone sono morte a causa del virus Corona in Italia durante l’epidemia, e il Paese sta soffrendo la peggiore crisi economica dalla seconda guerra mondiale.

PODD Pandemia e morale

Aftonbladet Daily con Kali Grill, professore associato di filosofia.

Ascolta: I phone lavoro di squadra Spotify

Oppure ⬇️ Fare clic sul pulsante di ascolto

Pubblicato:

Continuare a leggere