TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Analisi: perché la crisi del governo si verifica così spesso in Italia?  |  Straniero

Analisi: perché la crisi del governo si verifica così spesso in Italia? | Straniero

La recente crisi politica in Italia ha portato a una soluzione tecnocratica. Quando i politici eletti non sono riusciti a negoziare una coalizione di governo abbastanza forte da guidare il Paese fuori dalla crisi, il presidente Sergio Mattarella ha scelto di convocare un banchiere.

E così il banchiere, Mario Draghi – o “Super Mario” come veniva chiamato – sarà il nuovo Presidente del Consiglio.

Nessuno a questo punto è sfuggito all’alternanza delle crisi politiche in Italia. Di tanto in tanto, questo porta alla nomina di un cosiddetto governo dei colletti bianchi o governo tecnocratico – una soluzione relativamente insolita in Europa in generale.


Skin Mario Draghi “Super Mario” Italia
Mario Draghi durante la sua ultima conferenza stampa come presidente della Banca centrale europea il 24 ottobre 2019.
Mario Draghi, Banca centrale europea

La stessa cosa è successa nel 2011

L’ultima volta che è successa la stessa cosa è stato nel 2011 quando è stato chiamato l’economista Mario Monti perché l’Italia era finanziariamente in ginocchio dopo la crisi finanziaria di qualche anno prima. Poi Silvio Berlusconi è stato costretto a farsi da parte.

Questa volta Berlusconi è apparso in un incontro con il leader del partito di destra Lega, Matteo Salvini, per mostrare il suo sostegno al nuovo premier Mario Draghi e incoraggiare altri politici a fare lo stesso.

Draghi è stato paragonato all’architetto dietro le politiche di austerità in Europa e uno dei responsabili della tragedia economica e sociale in Grecia

Draghi, il 73enne ex presidente della Banca centrale europea, che si è definito l’uomo che “ha salvato l’euro”, si prepara ora a guidare l’Italia fuori dalla crisi economica più profonda dalla seconda guerra mondiale e da una pandemia che ha ha ucciso più di 90.000 italiani.

Draghi è stato paragonato all’architetto dietro le politiche di austerità in Europa e uno dei responsabili della tragedia economica e sociale in Grecia.

Forse questa è una testimonianza di ciò che gli italiani possono aspettarsi in futuro.

Camera dei rappresentanti del Parlamento italiano

Camera dei rappresentanti del Parlamento italiano
Camera dei rappresentanti del Parlamento italiano
Foto: EPA-EFE / All Over Press
Camera dei Rappresentanti Italia

L’Italia ha avuto 13 primi ministri negli ultimi 30 anni

La domanda è se Draghi riuscirà a preservare la coesione di un governo composto sia da tecnocrati (8) che da politici (15) che ora ha formato insieme.

READ  L'ingiustizia economica guida il traffico di specie selvatiche

La sua leadership della Nuova Coalizione godette di un ampio sostegno da tutte le parti eccetto la Confraternita dei nazionalisti e l’Italia neofascista.

Negli ultimi 30 anni il Paese ha avuto 13 primi ministri, mentre lo stesso numero in Finlandia è 10, in Spagna 5 e in Germania 3.

Aumentare le politiche economiche neoliberiste

Il famoso presidente del Consiglio Giuseppe Conte, come molti suoi rappresentanti, è stato costretto a dimettersi prematuramente. Quando è stato assunto nel 2018, era un novizio politico e ha subito una pandemia da affrontare.

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte è stato costretto a dimettersi
Giuseppe Conte
Immagine: Agence France-Presse
Giuseppe Conte, italiano

L’Italia può essere vista come una sorta di laboratorio per esperimenti reazionari, dal regime fascista di Benito Mussolini a Silvio Berlusconi – il magnate dei media di destra populista che ha preceduto Trump – che in seguito ha aperto la strada al primo governo populista europeo dopo che il Movimento Cinque Stelle ha ricevuto il maggior parte. Hanno votato alle elezioni del 2018 e hanno formato una coalizione con la Lega, e successivamente il Partito Democratico.

Almeno, negli ultimi due decenni, l’Italia è stata colpita da forti dosi di politica economica neoliberista.

Quando nel 2011 il banchiere Monti ha deciso di tirare fuori l’Italia dalla crisi finanziaria, ha promosso una politica di austerità impopolare, comprese importanti riforme del mercato del lavoro.

Da allora, molti hanno commentato l’instabilità dei contratti a tempo indeterminato a breve termine o la mancanza di contratti e la povertà è raddoppiata.

Allora cosa ha creato queste condizioni politiche in Italia?

L’Italia è un paese giovane con grandi differenze regionali

Si tratta soprattutto dell’Italia che è un Paese giovane.

Il Regno d’Italia è stato istituito nel 1861, quasi cento anni dopo la formazione degli Stati Uniti.

Prima di allora, il paese era costituito da regioni rivali con diversi tipi di governo. C’erano stati sotto il governo del Papa, i due regni di Sicilia e il Granducato di Toscana, che avevano tutti governi diversi.

Fino alla seconda guerra mondiale regnò il re del Regno d’Italia.

Dopo la guerra si formò la prima repubblica democratica. Ma le differenze storiche regionali persistevano. E lo fa oggi, il che si riflette anche negli attuali partiti politici.

Il Senato italiano si riunisce a Palazzo Madama

Il Senato italiano si riunisce a Palazzo Madama
Il Senato italiano si riunisce a Palazzo Madama
Foto: EPA-EFE / All Over Press
Italia, Senato italiano, Palazzo della Madama

Molto viene formato, cambiato e diviso

Originariamente chiamato Lega Nord, il partito populista xenofobo di destra è stato fondato nel 1991 nel nord Italia. La Lega ha ora rinunciato alla sua rivendicazione sulla Brexit e ha chiaramente preso una svolta completa e ha abbracciato la prospettiva europea nel suo sostegno a Draghi, ma resta da vedere se questo è temporaneo.

READ  Commissione Europea: Apple sta usando la sua posizione di mercato per trasmettere musica | Straniero

Il partito anti-establishment Femstjärnerörelsen è uscito dal nulla quasi dieci anni fa e ha assunto un’alternativa populista, con l’ambiente e l’anticorruzione all’ordine del giorno, voci sia di destra che di sinistra. Molti provenienti dalle zone povere dell’Italia meridionale, dove la disoccupazione e la povertà sono all’ordine del giorno, sono stati attratti dalle promesse di reddito di base e riforme pensionistiche. Il partito si è diviso durante questa crisi.

Disoccupati in manifestazione a Napoli.

I disoccupati manifestano a Napoli nell’estate 2020
Disoccupati in manifestazione a Napoli.
Immagine: All over Press / IPA / Backgrid UK
Italia, Napoli, manifestazioni, disoccupazione

I democristiani erano potenti

Tuttavia, la politica italiana non è stata sempre così frammentata come lo è ora.

Per quasi 50 anni, tra il 1946 e il 1992, il Partito di centro ha dominato la Democrazia Cristiana. L’unico altro partito su cui fare affidamento durante lo stesso anno è stato il Partito Comunista.

Negli anni ’90, con la caduta dei regimi comunisti in Europa, anche il Partito Comunista Italiano si è disintegrato. Allo stesso tempo, sono arrivati ​​ad affrontare la corruzione politica nel paese, che ha causato il crollo di molti politici e partiti.

Dopo di che, i vecchi partiti sono parzialmente riemersi, compreso il Partito socialdemocratico di oggi, il Partito democratico. Si sono formati altri nuovi partiti, tra cui Silvio Berlusconi Forza Italia.

È difficile per gli italiani tenere il passo con le feste facendo battute d’arresto complete

Gli elettori italiani hanno avuto più partiti per votare per lei. Ma diventa difficile sapere cosa rappresentano veramente, poiché molti si voltano o fanno capovolgimenti completi, senza tenere in maggiore considerazione l’ideologia o gli elettori.

Significa anche che nessun partito è stato vicino alla possibilità di formare un governo di maggioranza negli ultimi anni. Invece, il risultato sono state alleanze fragili. Con opinioni divergenti, le parti hanno lottato per concordare legislazione e riforme, provocando il crollo di innumerevoli altri.

La bandiera italiana e la bandiera dell'Unione europea

La bandiera italiana e la bandiera dell’Unione europea
Foto: EPA-EFE / All Over Press
Italia, Unione Europea, bandiere

L’Unione Europea vuole una forte posizione globale e necessita di una leadership stabile in Italia

Per l’Unione Europea, è importante che l’Italia abbia una leadership politica stabile quando la quantità di denaro storicamente grande, il fondo di recupero, viene pompata nell’economia.

READ  La forte tendenza ha portato a valori più alti: i gestori consigliano di investire nel settore verde

Salvando l’Italia, l’Unione europea spera di preservare la sua posizione unica sulla scena mondiale. Per lo meno, è importante che l’Unione europea rafforzi la sua posizione in modo da poter trovare un equilibrio tra Cina e Stati Uniti, che stanno esercitando pressioni crescenti sull’Europa.

Allo stesso tempo, si sta compiendo un disperato e storico tentativo non solo di liberare l’Europa da questa crisi esistenziale con mezzi economici straordinari, ma anche di salvare l’intero progetto europeo.

Al centro c’è l’Italia, che ha co-fondato l’Unione Europea e che oggi comprende una delle maggiori economie dell’Unione.

Se l’Italia cadesse, potrebbe verificarsi l’effetto domino

L’industria manifatturiera in Italia è di fondamentale importanza affinché le ruote continuino a girare anche nelle fabbriche di paesi come Germania e Francia. Se un paese come l’Italia cade, c’è il rischio di un effetto domino mentre altri paesi seguono.

L’Italia detiene oggi la quota maggiore dell’enorme capitale finanziario che l’Unione Europea intende investire per “salvare” l’Europa. Più di 200 miliardi di euro sono più soldi di quanto l’Italia abbia mai dovuto spendere e molte somiglianze sono state tracciate con il Piano Marshall.

Non sarà facile per Draghi presentare ciò che il settore industriale richiede e allo stesso tempo distribuire e consegnare fondi a beneficio dei giovani, delle donne e del sud più povero, tenendo in difficoltà la corruzione e la mafia. Questo mentre la vaccinazione e l’intera situazione sanitaria devono essere affrontate.

È certo che verrà formato un nuovo ministero con la responsabilità di passare alla trasformazione ambientale. È in linea con ciò in cui l’Unione europea vuole vedere investiti i soldi.

La sfida è spingere l’economia più in alto preservando la coesione sociale all’interno dell’Unione europea. Se non tutti i cittadini beneficiano della ripresa, disordini sociali e conflitti potrebbero colpire sia l’Italia che l’Unione Europea nel suo complesso.