TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Inghilterra è sotto tiro per la sua mancanza di diversità

L’Inghilterra pronta per le finali accende sogni e dà speranza, ma è una squadra per tutti?

La banda “bianca” nel paese ospitante ha suscitato polemiche durante la Commissione Europea.

In Francia, il tono è diverso.

– Nella nazionale francese abbiamo una diversità che potrebbe non essere già presente in altre squadre, ha detto a Sportbladet l’attaccante Kadidiatou Diani.

Per quanto riguarda i progressi dell’Inghilterra nella Commissione europea, è scoppiata la polemica. È stato iniziato dal commentatore televisivo Ilide Barbour in merito alla grande vittoria dell’Inghilterra sulla Norvegia (8-0) nella fase a gironi.

Ilidh Barbour ha dichiarato: – Tutti gli undici titolari e cinque sostituti erano bianchi e questo indica una mancanza di diversità nel calcio femminile in Inghilterra.

L’undicesima partita della nazionale inglese contro la Norvegia.

Ellen White festeggia un gol contro la Norvegia.

Nella rosa maschile che ha raggiunto la finale EC la scorsa estate, 11 dei 26 giocatori erano di origine non inglese. Nelle leonesse, il numero corrispondente è solo tre: Nikita Paris, Demi Stokes e Jess Carter.

L’inversione ha scatenato una reazione sui social media con rispettati commentatori al di fuori del calcio che hanno criticato sia Elide Barbour che la BBC. Tuttavia, diversi ex giocatori dell’Inghilterra – come Alex Scott e Anita Asante – hanno difeso il commentatore e la percezione che la squadra inglese del Campionato Europeo non corrispondesse ai dati demografici della nazione ospitante.

Anita Asante, con i suoi trascorsi a Göteborg e Rosengard a Kobarberg, durante il torneo ha sviluppato la sua visione della questione sul Guardian e ha notato che la squadra inglese non ha modelli per tutti.

“Le ragazze che non riescono a trovare il loro sosia non hanno le eroine a cui guardare e questo è importante”, ha detto Asante.

Il capo dello sviluppo della NFL per la squadra femminile, Kay Cossington, ha detto a ESPN di aver compreso il ragionamento di Anita Asante, ma quel cambiamento non sarebbe avvenuto “da un giorno all’altro”.

READ  Björklöven ha abbaiato su HV71 e ha pareggiato in finale

“Buono per il nostro paese”

La squadra della semifinale francese include diversi giocatori di origine straniera nella loro rosa. Molti di loro sono nati in Francia, ma provengono dalle precedenti origini coloniali del paese o da altre origini.

Kadidiatou Diani e Wendie Renard.

L’attaccante del Paris Saint-Germain Kadidiato Diani è nato a Parigi in una famiglia di origine maliana. Quando Sportbladet l’ha intervistata dopo la vittoria dei quarti di finale contro l’Olanda, ha detto che c’è versatilità che apprezza nel calcio francese.

Nella nazionale francese abbiamo una diversità che forse non si trova già in altre squadre. È la nostra forza e possederla può fare la differenza e penso che sia un bene per il nostro Paese, dice e continua:

– Tutte le ragazze in Francia possono incontrare i giocatori della nostra squadra nazionale. Indipendentemente dall’origine, tutti sono francesi e orgogliosi di rappresentare il nostro paese.

Sei sorpreso quando vedi altre squadre come l’Inghilterra?

– Personalmente non ho pensato molto a questo problema, ma se le altre nazionali non hanno la stessa diversità, non so perché, ma è davvero importante per il nostro gruppo.

L’undicesima partenza della Francia nei quarti di finale contro il Belgio.

Pensa che la strada verso il PSG e la nazionale sia stata piuttosto classica da parte sua.

– Da giovane non pensavo molto al mio futuro, ma da grande ho capito che potevo diventare un professionista e giocare per la mia nazionale. Per me non è stato affatto difficile. Ho giocato con i ragazzi quando ero piccola, e poi quando sono cresciuta sono entrata rapidamente nella squadra di zona, dice.

Hanna Baptiste, un’ex nazionale inglese, ha detto a The Athletic durante il dibattito di aver sostenuto la squadra inglese, ma ha apprezzato la squadra francese.

Perché la Francia può farlo bene mentre stiamo lottando quando siamo un paese di grande diversità? Lei disse.

READ  Atletica leggera espelle tutti gli atleti russi dopo l'invasione

“Può sopportare un sacco di stronzate”

La percentuale di giocatori nati all’estero in Inghilterra è stata dimezzata. È stato il numero più alto nel 2007, secondo The Athletic.

Durante EC, il portiere svedese Zesera Mosovic ha condiviso una sua foto con i suoi compagni di squadra e la frase “io e le mie bionde”. Scritto con un luccichio negli occhi. lei è con indigeni kosovari Gli unici giocatori con un background straniero nella formazione del torneo. Immediatamente all’estero, ma ancora in nazionale negli ultimi anni, ci sono anche, ad esempio, Madeleine Januji e Giulia Ziguti Olmi.

Il post Instagram di Zecira Musovic.

Il Kosovar Aslani è stato e rimane negli anni un modello che, proprio come Mosovic, ha sostenuto la diversità. Ha sollevato l’argomento in una grande intervista con Feminia prima dei Tornei Estivi.

Pensiamo di essere molto bravi a prenderci cura delle ragazze di origine straniera, ma non lo siamo. Ogni volta che esco e incontro le squadre, sento dalle ragazze e dai loro genitori che non hanno le stesse condizioni nei loro club. Che tutti sono troppo duri con loro, che non sono adatti a loro e devono prendere un sacco di stronzate. che peccato. Se vuoi tirare fuori più talenti, dobbiamo dare loro le condizioni e io credo nell’uguaglianza e inclusione nel coaching, perché c’è un numero incredibile di leader nelle federazioni che non hanno quella mentalità, purtroppo, ha detto al quotidiano.

I kosovari sono indigeni.

Yvonne Eckroth, direttrice della squadra nazionale U23 e della divisione di calcio femminile d’élite della Federcalcio svedese, concorda sul fatto che ci sono molti passi da fare per aumentare la diversità, ma che una serie di iniziative e progetti sono in corso o sono già stato implementato. implementato e vede uno sviluppo positivo.

Nella nazionale under 23 nel 2021/22 c’erano dai due ai cinque giocatori di origine straniera.

READ  Carlson perdona Diggins dopo l'incidente

Rosa Kvaje, Monica Gosu Bah, Nasrin Akgun sono persone di talento che hanno formato la struttura della nazionale under 19 (nonostante il loro lungo infortunio).

Monica Gusso Bah.

Dei 125 giocatori convocati in campo nazionale F15, più di 20 sono di origine straniera.

– È una tendenza positiva quella attestata dai campi di questa estate, anche se è difficile giudicare solo per nome, ma si può concludere che associazioni e contee hanno una crescente diversità nelle loro attività, commenta Yvonne Eckroth e continua:

– È positivo che la diversità aumenti ogni anno da parte delle ragazze, il che significa che il lavoro delle associazioni sta dando i suoi frutti. Sempre più giocatori stanno raggiungendo un’età in cui continuano a giocare a calcio e non solo quando sono bambini. La nostra griglia in termini di scelte e di vedere i giocatori che sono in vantaggio ora prima del girone è ben ingranata. Le selezioni delle squadre nazionali sono determinate dai dirigenti delle federazioni nazionali giovanili che lavorano a stretto contatto con gli allenatori nazionali di calcio in otto regioni e che a loro volta lavorano con gli sviluppatori di calcio provinciali. A loro volta, lavorano con i club e le associazioni di calcio femminile in generale. Ciò significa che l’associazione rispetto alla diversità diventa cruciale. Così le squadre nazionali riflettono il presente nel calcio svedese in queste epoche.

“Questa è la grande sfida”.

Tuttavia, Yvonne Eckroth sottolinea che il calcio svedese deve lavorare su un ampio fronte per abbassare le soglie. La Federcalcio svedese ha una serie di progetti rivolti alle contee e l’investimento dell’SvFF nel calcio scolastico è un modo per catturare e distribuire il calcio a tutti e anche l’iniziativa di allenare gli allenatori.

Quali sono le sfide principali quando si tratta di convincere ragazze e giovani donne di origine straniera a giocare a calcio?

Con molte iniziative possiamo convincerli a iniziare a giocare a calcio, la grande sfida è convincerli a continuare, dice Yvonne Eckroth.

perché?

– Naturalmente, dipende da cose diverse come cultura, occupazione, opzioni di studio, finanziamenti e che ci sia un ambiente accogliente, modelli di ruolo e leader femminili. Ma perseveriamo anche sui nostri progetti e iniziative. Cambiare culture e stili di vita richiede tempo e il movimento calcistico deve prenderlo.

fonte: ESPN, Ranger, Atleta, FEMENA