TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’influenza aviaria è in aumento e sempre più persone vengono sottoposte al test

Pubblicato il 22.06.2024 21.50

La Commissione europea per il controllo delle malattie invita tutti gli Stati membri ad aumentare la vigilanza nei confronti dell’influenza aviaria.

Durante l’estate vogliono testare tutti coloro che presentano sintomi influenzali.

– È una misura di sicurezza, dice Niklas Arenberg, professore di virologia.

L'Autorità sanitaria pubblica ha rafforzato la sorveglianza sull'influenza aviaria.

Tutto ciò avviene su richiesta dell’Autorità europea per il controllo delle malattie (ECDC) e il motivo è che il virus si è diffuso a più specie animali, tra cui mucche, gatti e volpi.

Ciò aumenta il rischio che il virus muti e diventi più contagioso anche tra le persone.

Pertanto, tutti coloro che mostrano sintomi vengono testati

Il virologo Niklas Arenberg.

Dal 1 giugno, tutti i pazienti ricoverati in ospedale con sintomi influenzali sono stati sottoposti a screening per l'influenza aviaria.

-È una misura di sicurezza. Il virus si è adattato per infettare i mammiferi. Noi esseri umani siamo ora esposti in misura maggiore che mai. Finora non si è verificata alcuna diffusione tra le persone, ma il rischio è in aumento, afferma Niklas Arenberg, professore di virologia.

L’Agenzia per la sanità pubblica ha inoltre concluso che il rischio di diffusione in Svezia è attualmente basso.

Immagine del file di campionamento.  Durante l’estate tutte le persone ricoverate in ospedale con sintomi influenzali vengono sottoposte al test.

“Non so come si svilupperà”

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie ha esortato le autorità sanitarie nazionali a consigliare il pubblico di evitare il contatto ravvicinato con uccelli malati o morti, in particolare uccelli marini, uccelli terrestri e mammiferi.

READ  Giunone ha sviluppato il diabete di tipo 1 da bambina

Come pensi che potrà svilupparsi il tutto?

-Non lo sappiamo. Potrebbero passare molti anni prima che si verifichi una nuova pandemia virale, ma poiché la popolazione aumenta e viaggiamo più di prima, aumenta anche il rischio di nuove pandemie. Quando siamo colpiti da una nuova pandemia, non vogliamo essere colpiti come è successo durante il COVID-19. Se riusciamo a promuovere la ricerca in modo che il sistema sanitario disponga di strumenti più numerosi e migliori contro i virus, otterremo molto, afferma Niklas Arenberg.