TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Equatore 3 – Intrattenimento soddisfacente

Equatore 3 – Intrattenimento soddisfacente

Equatore 3
Livello 3
Debutta nel cinema svedese il 1° settembre
Regia di Antoine Fuqua

La Guardia dei Cittadini e le persone che si prendono la giustizia nelle proprie mani non smettono mai di ispirare storie. Che si tratti di Death Wish o Marvel's The Punisher, l'argomento ti affascina ancora. Equalizer 3 riesce a prendere questa ricetta classica e a offrire una saga mortale inaspettatamente avvincente che è spesso la migliore che la serie abbia da offrire. È completamente in contrasto con gli scacchi in termini di drammaticità. Non c’è spazio per sfumature o considerazioni. La battaglia tra il bene e il male è più semplice che nelle fiabe per bambini. Laddove The Equalizer 2 è scomparso in uno strano caos di cospirazioni e intrighi, la minaccia questa volta è la mafia italiana. È difficile immaginare un gruppo di criminali abusati in un film, ma questa volta Fuqua ha scelto di ritrarre i mafiosi come delinquenti di strada, con tutti i tatuaggi, le tute inadeguate e la passione per i veicoli veloci che suggeriscono. Eliminando gli elementi romantici del Padrino, come le cene di famiglia e i matrimoni in giardino, si crea una banda di gangster davvero spregevoli che possono essere affrontati rapidamente e brutalmente senza che emerga alcun dibattito morale eccessivamente complesso man mano che il film procede.

La carneficina diventa anche più potente poiché Fuqua riesce ad aggiungere un dramma semplice ma efficace alla rappresentazione del testo. Invece della grigia Boston, otteniamo un'interpretazione un po' piatta ma affascinante di una piccola città italiana nello spirito di Federico Fellini, dove tutti i residenti sembrano stereotipi un po' accattivanti. Permettere a una comunità locale più ampia di essere al centro della scena piuttosto che a una città grande e anonima crea un certo grado di intimità, e questo rende la minaccia più personale. Inoltre, tutto è messo insieme in un pacchetto visivamente elegante poiché Fuqua ha ora ingaggiato il geniale fotografo Robert Richardson. Richardson crea un look cristallino che rende invitante ogni strada acciottolata. Il tutto può essere descritto come tradizionale, legato alla pista e, soprattutto, pratico. Come la pizza, funziona indipendentemente dalla qualità. Coinvolgendo un antagonista più tradizionale, la battaglia tra il bene e il male diventa classica e crea una tensione prevedibile ma senza tempo.

READ  Messi ha spinto lo scudetto al Paris Saint-Germain

Fuqua è sempre stato un regista che ama le opere difficili, non solo nel contenuto ma anche nell'esecuzione. Tutto viene fatto con guanti da lavoro ruvidi e servito su e giù senza tentativi di finzione. Le pennellate ampie e la mancanza di maggiore profondità ricordano i film d'azione dell'inizio del XX secolo. In un’epoca in cui il terrorismo, i servizi di sicurezza e gli scontri a fuoco erano l’essenza dei film d’azione. Anche se il viaggio indietro nel tempo ha il suo fascino, ci ricorda anche come il genere d'azione si sia evoluto fino a diventare molto più di una semplice autostrada ampia e lineare. La narrazione primitiva presenta gravi limitazioni, quindi è necessaria una struttura efficace che possa coinvolgere fino in fondo. La fretta iniziale di vedere Washington eliminare delinquenti e banditi è impossibile da sostenere a meno che non sia accompagnata da un ritmo che lasci il pubblico affamato di più.

Sfortunatamente, The Equalizer 3 fallisce strutturalmente, tradendo il proprio spirito di semplicità nel disperato tentativo di aggiungere un'altra dimensione alla storia. Oltre a combattere la criminalità locale, c'è anche una pista secondaria completamente senza speranza, con Dakota Fanning che interpreta un agente della CIA. L'idea è quella di creare una storia leggermente più complessa che coinvolga la criminalità internazionale, ma il risultato è invece una serie di sequenze che sembrano puro gesso. Il modo in cui le due storie parallele vengono intrecciate e integrate è sempre goffo e alla fine non porta da nessuna parte. Anche la speranza che Washington e Fanning possano suscitare un po' di nostalgia riunendosi, quasi vent'anni dopo la loro co-protagonista in Man On Fire, viene delusa poiché le scene tra loro sono piene di dialoghi mediocri e recitazione inaspettatamente imbarazzante da parte di entrambi. Tuttavia, ciò non sorprende poiché Fanning è diventata gradualmente sempre più insignificante, con sua sorella Elle a rubare i riflettori. Questo sembra aver indotto Fanning ad arrendersi e ora si comporta come un burattino robot in un parco divertimenti.

READ  Wolfgang Bichler non vuole vedere Stina Nilsson ai Mondiali

Ma la recitazione scadente di Fanning non è affatto problematica come il finale del film, che potrebbe essere uno dei peggiori aspetti negativi dell'anno. Sebbene tutto sembri condurre ad un finale esplosivo e redentore, tutto diventa una strana ripetizione di ciò che abbiamo visto nei film precedenti. Anche la violenza, che all'inizio era più brutale e crudele di prima, non si placa, e la fine sembra un lungo sospiro in cui tutti i pensieri si sono esauriti.

Fondamentalmente, The Equalizer 3 è un intrattenimento molto soddisfacente, e ai suoi livelli più bassi è poco interessante e strutturalmente povero, risultando in un film capace ma profondamente imperfetto che avrebbe potuto eccellere con più trattamento e pensiero creativo.