TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Linea di suicidio: “Le vacanze di Capodanno che ci preoccupano di più”

Era un’organizzazione “Natural Christmas” Mind Volunteer, che fornisce, tra le altre cose, una linea di suicidio – dove le persone con pensieri suicidi possono contattarli. Alla vigilia di Natale, hanno ricevuto circa 1.100 chiamate e avevano la capacità di ricevere 280 chiamate, secondo il segretario generale dell’organizzazione Karen Schultz.

– C’è quasi un anno fa. La vigilia di Natale è come un giorno normale, è il fine settimana di Capodanno di cui ci preoccupiamo, e di solito è due volte più stressante, ha detto.

Secondo le statistiche del Centro Nazionale Per quanto riguarda la ricerca e la prevenzione del suicidio, la maggior parte dei suicidi si verifica anche a Capodanno. Uno studio pubblicato nel 2018 che ha analizzato i dati dal 2006 al 2015 ha mostrato che quasi il doppio delle persone si toglie la vita a Capodanno rispetto al giorno medio.

– Alla vigilia di Natale, c’è un presentatore di Natale e molto da guardare in TV. Nel nuovo anno, sei lasciato più a te stesso e molti altri fanno cose divertenti dopo. Stiamo più attenti quando lavoriamo nel fine settimana di Capodanno, afferma Karin Schulz.

Dice che molti di coloro che chiamano la linea del suicidio hanno già una connessione sanitaria e che molti di loro hanno gravi malattie mentali. Ma non è raro anche che venga chiamato da persone che stanno attraversando diversi tipi di crisi della vita.

Potresti aver perso di recente, rotto o essere stato frustrato dall’essere intorno a te, cose diverse che ti rendono depresso, dice Karin Schulz.

Anche l’alcol è un fattore di rischio È qualcosa che dovresti evitare se ti senti male, dice Karen Schulz. Sottolinea inoltre l’importanza di essere consapevoli dei cambiamenti nel comportamento delle persone con malattie mentali come parenti.

READ  Un milione di bambini ha perso un genitore a causa dell'infezione con il virus Corona

– Se qualcuno decide, ad esempio, di suicidarsi, la persona coinvolta può sentirsi un po’ più calma, dice.

Kimo Kling, sacerdote e coordinatore nazionale di Priest On Call.

Foto: Malva Kling/Icon

La hotline telefonica della Chiesa di Svezia, Pastor On Demand, è aperta a Natale e Capodanno. Secondo Kimo Kling, coordinatore nazionale della linea di assistenza, la pressione delle ricerche è spesso maggiore durante le principali festività.

Vicino a Natale e Capodanno, ci sarà più attenzione per le relazioni. Dice che l’ansia e simili probabilmente diventeranno più evidenti dopo.

Lo scorso Natale c’è stata più pressione del solito sulla linea telefonica e, chiacchierando con i sacerdoti di turno, Kimmo Kling pensa che possa essere collegato alla pandemia di coronavirus. Crede che l’anno in cui il virus “si indebolisce nella vita crisi”.

Durante la vigilia di Natale di quest’anno sono state contattate 500 persone Sacerdote di turno, di cui 322 hanno avuto qualcuno con cui parlare. Secondo Kimo Kling, il compito principale dei preti è “tendere le orecchie”.

Anche i sacerdoti parlano, ma il compito non è trovare soluzioni, ma ascoltare di più. Dice che coloro che ti contattano sono completamente anonimi e può esserci qualcosa di carino nella persona con cui stai condividendo che non sa chi sei.

Ciò che caratterizza la hotline della chiesa è che i pastori sono abituati a incontrare persone in crisi anche nella vita di tutti i giorni, secondo Kimo Kling.

– Ad esempio, i funerali fanno parte della vita quotidiana dei sacerdoti. Non sosteniamo problemi difficili o esistenziali, ha detto.