TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Europa è un mosaico culturale

[220613] L’Europa è una fusione di lingue, costumi e razze che, purtroppo, unita alla distruzione umana, ha spesso portato a conflitti. Nell’ultimo romanzo del romanziere italiano Marco Balzano rimango quì L’Alto Adige si concentra sulla parte nord-orientale dell’Italia o sull’ex doppia monarchia dell’Austria-Ungheria meridionale.

La storia inizia nel villaggio di Krone negli anni ’20 e risale agli anni ’50. Trina, protagonista e narratrice, cresce e si forma come insegnante, colpita prima dalla follia dittatoriale del Novecento, prima da Mussolini, poi da Hitler e poi dal culto del progresso che distrugge la cultura. La diversità caratterizza la sua regione.

Trina è di proprietà di un madrelingua tedesco Minoranza Chi ha vissuto nel tempo ai piedi delle Alpi. Quando Mussolini salì al potere, queste minoranze furono integrate nell’Impero italiano”.Veri Italiani”. Linee rette, linguaggio unico, obbedienza forzata.

Ma distruggere la propria lingua e distorcere la cultura non è facile. Forse l’ultima e più cara risorsa dell’uomo è in pericolo. Trina e gli altri nel villaggio di Crohn non possono essere schiacciati. Sceglie di lavorare come insegnante nella sua lingua madre proibita, il tedesco, che è in una rete segreta di scuole. Molti anni dopo, nel 1939, scoppiò la seconda guerra mondiale. Alcuni altoatesini si uniscono ai nazisti, spesso per motivi culturali e linguistici. Raramente capiscono quali sono i piani di Hitler, ma vogliono vivere nella libertà culturale e linguistica.

Molte famiglie sono separate Mentre alcuni finiscono con i tedeschi, mentre altri restano in Italia. I due tipi hanno in comune una vita vulnerabile, in realtà non appartenente a niente, Italia o Germania. Dopotutto, sono dei contadini che sono finiti nel bel mezzo di un grande gioco di potere.

READ  Riluttanza del calcio nonostante le buone notizie

Anche la famiglia di Trina si è separata. Una figlia Marika se ne va, suo figlio Michael diventa un nazista e suo marito Eric viene mandato al fronte e gravemente ferito. A casa, inevitabilmente, si diffonde la povertà: sofferenza, miseria e fame. Alla fine, Trina e il ritorno a casa sono costretti a fuggire nelle infuocate Alpi.

Balzano è uno stilista di talento. In piccoli modi, permette al lettore di assorbire la tragedia di questo 20° secolo, un attacco a un’intera cultura che si riflette nelle storie di vita personale. Tuttavia, nessun individuo diventa una vittima completa o un essere umano unilaterale. Qui la scala di grigi della vita umana e il cast imprevedibile della storia sono rappresentati con una nitidezza deprimente. È eccitante, premuroso e triste. Nella parola di fondo, Balzano descrive quanto della ricerca storica sia al di sotto della storia. Anche Helena Monty ha eseguito abilmente la traduzione.

Come ho detto: l’Europa è un misto di lingue, costumi e razze. Un continente caratterizzato da espressioni culturali diverse ed entusiasmanti, progressi tecnologici e riforme democratiche. Tuttavia, è vero il contrario: crudeltà e follia inimmaginabili, intolleranza e dittatura, che di recente hanno ricordato la guerra in corso in Ucraina.

Qui, nel nostro vecchio continente, Luce e oscurità si alternano, un’ondata di contraddizioni spezzate e contraddittorie tra forze democratiche e dittatoriali. I democratici devono difendere i valori di una società democratica e non essere mai compiaciuti nel pensare di avere a cuore se stessi. E il romanzo funge da metafora storica meravigliosamente intima rimango quì Davvero fantastico. Oppure lo leggiamo come un buon libro, un testo ben scritto e conciso sull’essere umani nei momenti difficili.

READ  Tre sospetti in Italia dopo l'incidente della funivia

Eric Cortelles