TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La cerchia più stretta di Trump rafforza le accuse di frode

Durante l’interrogatorio di lunedì sul ruolo di Donald Trump nella storica presa d’assalto del Congresso nel 2021, molti dei più stretti confidenti di Trump hanno testimoniato, descrivendo in dettaglio un presidente che si è rifiutato di ascoltare l’ovvio dopo le elezioni e che “ha perso il contatto con la realtà”, secondo Trump. procuratore speciale. William Barr.

Lo staff più vicino di Trump ha dipinto un ritratto pubblico di un presidente resistente ai fatti che ha rifiutato di accettare la semplice verità di aver perso le elezioni presidenziali a causa di Joe Biden con un netto margine.

23 novembre 2020, due Settimane dopo che Trump è stato dichiarato perdente alle elezioni presidenziali, i suoi più stretti consiglieri si sono riuniti per condurre una sorta di intervento in una crisi alla Casa Bianca. All’incontro hanno partecipato il procuratore generale di Trump William Barr, suo genero Jared Kushner e il capo di stato maggiore Mark Meadows. I tre hanno cercato di convincere Trump a far cadere le accuse infondate di aver perso le elezioni per frode.

Barr ha respinto l’argomento di Trump definendolo “una sciocchezza”.

– Gli ho detto che quello che il suo equipaggio stava spalando di persone era una sciocchezza. Le accuse di brogli elettorali erano sciocchezze.

Rudy Giuliani, ex sindaco di New York e consulente legale non ufficiale di Donald Trump.

Rudy Giuliani, ex sindaco di New York e consulente legale non ufficiale di Donald Trump.

Foto: Robert Bumsted/AP

Trump sceglie ancora di ascoltare e basta A proposito di Rudy Giuliani, il suo consulente legale non ufficiale, che insiste sul fatto che Trump sia il vero vincitore delle elezioni. Tuttavia, secondo la testimonianza di Liz Cheney lunedì, Giuliani era ubriaco quando lo disse.

La testimonianza rafforza le accuse secondo cui Trump potrebbe essere stato colpevole di frode dopo aver perso le elezioni. Più e più volte, gli esperti legali e politici riuniti gli hanno detto che aveva definitivamente perso le elezioni. Tuttavia, ha continuato a inviare messaggi a milioni di suoi sostenitori per donare denaro per continuare la lotta per invertire il risultato elettorale. Circa 250 milioni di dollari – due miliardi e mezzo di corone – sono stati ritirati dai sostenitori di Trump nelle settimane successive alle elezioni, anche se la campagna non è stata redditizia.

Bill, il manager della campagna di Trump Durante l’interrogatorio, Stebbin si è descritto come parte della “squadra ordinaria”, la squadra regolare, che ha cercato di battere Donald Trump con la verità, mentre un piccolo gruppo di lealisti guidati da Rudy Giuliani ha insistito affinché Trump perseguisse sfide legali al risultato elettorale. .

Durante l’interrogatorio sono emersi alcuni aneddoti come ritratti comici di un potente presidente che sembrava incapace di accettare la verità.

Ma i dettagli rivelati durante l’interrogatorio della scorsa settimana menzionano anche quanto fosse incredibilmente vicino il vero crollo della democrazia americana nel gennaio 2021. La campagna di Trump per frode elettorale era infondata, ma avevano ancora centinaia di migliaia di sostenitori per inviargli denaro Migliaia hanno rischiato lunghe pene detentive quando hanno preso d’assalto il Congresso.

È un chiaro segnale di avvertimento per le future elezioni, con Trump che rimane il favorito per vincere la nomination repubblicana per correre di nuovo per la Casa Bianca.

Per saperne di più: membro del Congresso: Trump ha ingannato i donatori con la sua grande bugia

READ  La guerra in Ucraina: scoperte in un quadro strano