TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’esercito si è diffuso in Colombia dopo le proteste legate all’epidemia

Una polveriera colombiana sta per esplodere.

Negli ultimi otto giorni, un’ondata di proteste ha travolto questo paese sudamericano di 50 milioni, la cui storia recente è stata segnata da guerre civili, cartelli della cocaina e profonde divisioni.

Adesso è il governo di destra Affrontare l’epidemia che ha causato l’esplosione del tappo.

In mezzo alla terza ondata di contagio, con un programma di vaccinazione lento e dopo un anno di severe restrizioni che hanno aumentato la povertà e la miseria, il presidente Ivan Duque ha lanciato un pacchetto di leggi che avrebbe aumentato un certo numero di tasse. Il motivo: il deficit di bilancio del governo centrale sta crescendo rapidamente.

Ma non era comune. Decine di migliaia hanno protestato contro Islah per poco più di una settimana, spesso incontrando brutali sforzi di polizia. Sono stati segnalati almeno 19 decessi, di cui 18 civili, e centinaia sono rimasti feriti.

Almeno 19 persone, quasi tutte civili, sono state uccise la scorsa settimana durante i disordini in Colombia.

Foto: Daniel Garzon Herazo / NurPhoto / Shutterstock

Ci sono anche informazioni su Una trentina di “scomparsi”. Sia le Nazioni Unite che l’Unione Europea hanno criticato quella che le organizzazioni per i diritti umani descrivono come violenza della polizia.

Il presidente Ivan Duque crede che il paese sia incline al “terrorismo urbano a bassa intensità” con legami con estremisti di sinistra – ma domenica continua a tirare fuori la riforma fiscale.

La domanda è se questo sia sufficiente. Perché le proteste continuano e aumentano.

La notte prima di mercoledì, c’erano film sui social media che mostravano scene di guerra nelle zone povere di Bogotà e Cali. Elicotteri dell’esercito e della polizia volavano bassi sui tetti di aree povere come Bosa, nel sud di Bogotà. Altri film mostrano edifici in fiamme.

Sindaco di Bogotá, Claudia Lopez ha detto mercoledì sera che gli attivisti hanno dato alle fiamme almeno un terminal.

Hanno circondato la stazione di polizia e hanno cercato di bruciarla, mentre la nostra polizia era circondata. Come puoi farlo? Il sindaco, che ha dichiarato che 25 stazioni di polizia locali erano state attaccate e che l’esercito era stato chiamato ora “per mettere in sicurezza gli edifici del centro e la prigione”, ha detto il sindaco.

Proteste antigovernative a Bogotà il 4 maggio.

Proteste antigovernative a Bogotà il 4 maggio.

Foto: Daniel Garzon Herazo / NurPhoto / Shutterstock

Un grave problema che devono affrontare i giornalisti colombiani che cercano di verificare informazioni come questa – o film pubblicati online – è che la polizia e gli attivisti spesso li espongono anche alla violenza.

Guardare cosa sta succedendo a Cali e Bogotà in questo momento è molto rischioso. Solo nell’ultima settimana abbiamo documentato 70 casi di attacchi a giornalisti, di cui 40 la polizia ha effettuato. In almeno cinque casi, si tratta di arresti extragiudiziali di giornalisti, afferma Jonathan Bock, presidente di Flip, un’organizzazione che lavora per la libertà di stampa in Colombia in collaborazione, tra gli altri, con Reporter Senza Frontiere.

È ansioso Che alcuni opinion leader e politici stanno manipolando l’idea di chiudere la rete di telefonia mobile e Internet.

Nella situazione in cui viviamo, è positivo che i cittadini siano in grado di fotografare e documentare ciò che sta accadendo. Ovviamente è importante controllare il contenuto. La soluzione, dice Jonathan Bock, non può essere la censura.

READ  Il principe ereditario parla in una lingua divisa