TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Eritrea ammette la presenza di truppe nel Tigray

L’Eritrea ha ammesso per la prima volta di avere soldati che prendevano parte al conflitto nella regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia, iniziato nel novembre dello scorso anno.

Mark Lowcock, capo dell’agenzia di coordinamento degli aiuti OSHA delle Nazioni Unite, ha detto giovedì che non vi era alcuna indicazione che le forze eritree si fossero ritirate.immagine: Salvatore presso Nolfi / AP / TT

Il primo riconoscimento esplicito del ruolo dell’Eritrea nel conflitto è stato fornito in una lettera dell’ambasciatore del Paese alle Nazioni Unite al Consiglio di sicurezza.

Per molto tempo, anche il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha negato che gli eritrei fossero coinvolti nel conflitto, nonostante le ampie testimonianze di residenti, gruppi per i diritti umani, operatori umanitari, diplomatici e persino alcuni soldati etiopi.

Solo a marzo mio padre ammise che l’Eritrea aveva truppe nel Tigray e poco dopo promise che se ne sarebbero andate. Nella lettera ora inviata, l’Eritrea ha anche dichiarato che i soldati sarebbero stati ritirati.

Giovedì, Mark Lowcock, capo dell’organismo di coordinamento delle Nazioni Unite OSHA, ha detto al Consiglio di sicurezza che non vi erano indicazioni che l’Eritrea si fosse ritirata dall’area.

Ha anche detto che gli operatori umanitari continuano ad accusare gli eritrei di stupri di gruppo e massacri.

Ha più volte negato le accuse, anche nella lettera dell’ambasciatore, che ha descritto come “uno spietato attacco alla nostra cultura e alla storia del nostro popolo”.

READ  I leader mondiali condannano l'escalation della violenza in Israele