TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lena Einhorn: Come può Navalny imprigionato minacciare Putin?

Un giorno del 2012, la giornalista russa Masha Gessen ricevette una telefonata. Aveva appena pubblicato la sua biografia assassina di Vladimir Putin, L'uomo senza volto, e con essa aveva attirato un'enorme attenzione in Occidente. Dopo un tour di scrittura, Jessen tornò in Russia e il suo lavoro quotidiano era quello di redattore della popolare rivista scientifica Vokrug Sveta. La rivista è stata molto apprezzata dalla leadership russa e, a settembre, l'addetto stampa del presidente Putin ha contattato l'editore per chiedere di documentare l'imminente viaggio in volo a vela di Putin con le gru siberiane in via di estinzione. L'editore ha inviato la richiesta all'editore Jessen. Jessen rifiutò, convinto che l'evento sarebbe stato sventato. È stato immediatamente espulso. Pochi giorni dopo ricevette una telefonata.

“Non riattaccare. Ti do un passaggio”, disse una voce.
“Con chi mi ha messo in contatto?” Jason gridò. “Non ho chiesto di essere in contatto con nessuno!”
Ma poi si udì un'altra voce: “Buongiorno”. “È Putin, Vladimir Vladimirovich.”
Jason rimase in silenzio. Era un brutto scherzo?
Ha continuato: “Ho sentito che sei stato licenziato e che, tra l'altro, sono stato io a causarlo”. Ma dovresti sapere che i miei sforzi per preservare la natura non hanno nulla a che fare con la politica”.

Jason non poteva credere alle sue orecchie. Era davvero la voce di Putin.

Ha aggiunto: “Parlerò con il tuo editore e gli chiederò di riassumerti. Adoro il tuo lavoro”.

Jason era sorpreso. Hai appena pubblicato un libro completamente offensivo su Vladimir Putin. Il libro è pubblicato in tutto il mondo, ma non in Russia. Putin non sapeva nulla. Si potrebbe immaginare che un leader nazionale onnipotente – come Putin stava per diventare – avrebbe accesso a eccellenti fonti di informazione. Tuttavia, non sapeva nulla del famoso libro di Jessen. Perché nessuno glielo ha detto.

READ  Recensione: La Russia usa i gas lacrimogeni per creare il panico in prima linea

“Il lavoro è la maledizione del dittatore”, ha scritto il giornalista americano David von Drehle. “Vladimir Putin ha avuto così tanto potere per così tanto tempo che tutti i canali di informazione sono stati contaminati. La cerchia più ristretta ottiene la sua ricompensa dicendo al leader esattamente quello che vuole sentire.”

Naturalmente, fin dall'inizio non erano dei dittatori. Nessuno con ambizioni di leadership può preoccuparsi di perdere il proprio radicamento nella realtà

Ma è stato davvero così che Vladimir Putin è arrivato al vertice, utilizzando canali di informazione sporchi? Era davvero questo ciò che cercava, circondarsi di dipendenti inaffidabili?

ovviamente no.

Quando il dittatore della Romania Nel 1989, Nicolae Ceausescu e sua moglie Elena furono sottoposti ad un processo sommario che precedette immediatamente un rapporto sessuale tra i due. ShHanno espresso non solo insoddisfazione. Sono rimasti davvero sorpresi. “Abbiamo lavorato duro per la gente”, ha detto Elena indignata. “Abbiamo sacrificato le nostre vite per la gente!”

Una settimana prima, Nicolae Ceausescu aveva risposto ad una manifestazione di protesta nella città di Timisoara commettendo un massacro. Quando, tre giorni dopo, tenne un infuocato discorso a Bucarest, sembrò sinceramente sorpreso quando fu accolto da fischi invece che da applausi.

Nicolae Ceausescu non aveva idea che non piacesse alla gente. Nicolae Ceaușescu ha perso l’equilibrio nella realtà.

Naturalmente, fin dall'inizio non erano dei dittatori. Nessuno con ambizioni di leadership può preoccuparsi di perdere il proprio radicamento nella realtà. Tuttavia, ciò avviene quasi per necessità. Questo è chiamato il “dilemma del dittatore”.

L'economista Ronald Weintraub Ha descritto lo sviluppo verso un tale stato: “La caratteristica più ovvia della dittatura è che i dittatori tendono ad avere un enorme potere sul loro popolo. C’è però una cosa che nemmeno i pieni poteri possono dare loro: i pensieri dei loro sudditi. I tiranni non possono sapere – né con minacce di violenza né con promesse di grandi doni – se la popolazione li adora davvero, o se adorano solo perché sono costretti ad adorarli.

READ  Grande minaccia neve - contro le famose località sciistiche | Notizia

La mancanza di comunicazione porta alla mancanza di conoscenza.
La mancanza di conoscenza non porta ad alcuna base nella realtà.
La mancanza di radicamento nella realtà porta a una mancanza di fiducia.
La mancanza di fiducia genera costante sospetto.

Ma come può qualcuno che sembra avere tutto il potere finire in un tale stato di impotenza? Come poteva finire lì se probabilmente non stava cercando il potere?

“Ho incontrato dei re”, ha detto Vladimir Putin poco dopo l'insediamento a sorpresa del suo predecessore Eltsin come presidente nel 2000. “I re vivono una vita insopportabile. Vivono una vita insopportabile. Vivono una vita insopportabile”. Non voglio vivere come loro. Non possiedono se stessi. La condizione è per la vita. Per me, questo non durerà tutta la vita. Viviamo in una democrazia, il tempo è scaduto. Pertanto, gli eletti tra noi, a differenza dei re, hanno l’opportunità di ripristinare le nostre vite normali dopo la fine della guerra.

Il dittatore è diventato prigioniero del suo potere

È difficile saperlo Se Putin intendesse davvero quello che ha detto quella volta, ma è del tutto possibile.

Tuttavia non si arrese e presto si ritrovò completamente sistemato. “Il potere corrompe”, disse una volta il britannico Lord Acton, “e il potere assoluto corrompe assolutamente”.

Il problema è: alla fine, arrendersi potrebbe diventare impossibile. Perché quando un aspirante dittatore oltrepassa il suo potere Punto di non ritornoQuando i crimini commessi – fisici, economici o libertari – rendono impossibile il pensionamento pacifico, la perdita di potere diventa non solo una perdita di potere, ma una minaccia tangibile. Contro la sua libertà o la sua vita.

READ  La Finlandia revoca le restrizioni | GP

Il dittatore è diventato prigioniero del suo potere. I critici e i consiglieri onesti scompaiono, sostituiti da coloro che dicono sì, il cui compito principale è rafforzare il senso di controllo del leader. Ma più un dittatore controlla, meno conosce ciò che lo circonda. Perché nessuno dice più quello che pensa.

Quando locale Le autorità carcerarie della città artica russa di Charb hanno annunciato venerdì che il critico del regime Alexei Navalny, che stava scontando una lunga pena detentiva con l'accusa di “estremismo”, è morto improvvisamente, dopo essere stato di buon umore il giorno prima, dopo uno shock in prigione. Il mondo esterno era fantastico.

Navalny avrebbe dovuto essere assassinato, e non è una coincidenza che ciò sia avvenuto meno di un mese prima che Putin si permettesse di essere rieletto presidente. Ma quale minaccia rappresenterebbe Navalny per la vittoria elettorale di Putin se fosse imprigionato e isolato?

Quale minaccia si potrebbe rappresentare per la vittoria elettorale di Putin? Non esistono candidati antigeni efficaci. Ma il tiranno non la pensa così. Non si fidava più di ciò che lo circondava, per non parlare delle persone. Non aveva più idea di cosa pensassero davvero gli altri.

Per saperne di più:

Bjorn Wyman: Navalny ci ha fatto ridere nel film “Vladimir l'assassino della biancheria intima”