TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le tossine a lunga vita si accumulano nel feto

Aumento dell’esposizione a sostanze chimiche nei ragazzi.

È importante ottenere un quadro fedele dell’esposizione chimica nelle prime fasi dello sviluppo. Solo così potremo valutare le conseguenze sulla salute per le generazioni future a breve e lungo termine. L’approccio odierno alla stima dell’esposizione chimica fetale, ad esempio negli studi di coorte alla nascita, deve essere aggiornato per tenere conto della possibilità che l’esposizione fetale ad alcune sostanze chimiche sia maggiore di quella mostrata dai campioni di sangue e placenta, afferma l’autore finale dello studio Paulina Damimopoulou. , ricercatore presso il Dipartimento di Medicina Clinica, Scienza, Intervento e Tecnologia del Karolinska Institutet.

13 delle gravidanze avevano dati da Studio precedente su PFAS (Sostanze chimiche che sono ancora utilizzate in una certa misura nelle padelle, negli imballaggi per alimenti e nella schiuma da fuoco). Combinando questi dati, i ricercatori sono stati in grado di analizzare la proporzione di sostanze chimiche nei diversi tipi di tessuto. Pesticidi e PCB erano altamente rappresentati nel tessuto adiposo, mentre più della metà delle sostanze chimiche nei polmoni, nel cervello, nel fegato e nel cuore del feto era costituita da PFAS. In generale, la più alta concentrazione di una combinazione di sostanze chimiche si trova nel tessuto adiposo e la più bassa nel cervello. L’esposizione relativa dei ragazzi era maggiore rispetto alle ragazze.

Le misure aiutano, ma le tossine durano a lungo

Gli studi condotti negli anni ’60 e ’70, quando c’era un uso diffuso dei POP, hanno riscontrato livelli nettamente più elevati. Ciò dimostra che le misure politiche che portano a restrizioni sull’uso di sostanze chimiche hanno un impatto sull’esposizione della popolazione, anche se le sostanze chimiche a lunga azione impiegano diverse generazioni per eliminare l’esposizione, afferma Richelle Duque Beurvang.

READ  La seconda dose del vaccino Pfizer può proteggere da altri virus

I ricercatori sottolineano che lo studio ha alcune limitazioni. Ad esempio, la percentuale di feti inclusi era relativamente piccola e tutti sono morti in utero alla fine della gravidanza. Pertanto, è possibile che i risultati non siano pienamente rappresentativi dei bambini nati vivi.

Campioni di tessuto sono stati raccolti dalla Medical Biobank di Stoccolma. I ricercatori hanno ricevuto finanziamenti da FORMAS, Jane e Aatos Erkkos Stiftelse e Stiftelsen Kvinnoklinikens nel Sundsvall Development Fund.