TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le patate vengono sostituite dalla canapa nella crisi del Libano

Da tre decenni Abu Ali coltiva patate per sostenere la sua famiglia. Ma la crisi economica in Libano ha aumentato i costi di produzione e l’ha costretta a convertire i raccolti in erba.

Un trattore guida una fattoria di canapa a Baalbek, in Libano, nel 2011. Sta diventando sempre più comune per gli agricoltori della regione sostituire patate e fagioli con il raccolto di canapa più economico.immagine: AP / TT

– Abu Ali, 57 anni, nella regione orientale di Baalbek, il cuore dell’industria illegale dell’hashish in Libano, afferma che ciò non è dovuto a un debole per l’hashish.

È più economico di altre colture e mi permette di vivere con dignità.

La già grave crisi economica in Libano è stata aggravata dalla pandemia di Corona. Con la svalutazione della moneta sul mercato nero, il prezzo del carburante importato, dei semi, dei fertilizzanti e dei pesticidi è aumentato in dollari.

Così sempre più piccoli agricoltori decidono di coltivare la canapa, che è quattro volte più economica da produrre rispetto alle patate o ai fagiolini, per esempio. La canapa richiede anche meno acqua e fertilizzanti per crescere.

In precedenza, la produzione di al-Hash era limitata a pochi villaggi a Baalbek, incluso Yammouneh, ma il vicesindaco afferma che ora è stata rilevata in tutta l’area.

Il Libano è il quarto più grande produttore di cannabis al mondo, secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2020. Di conseguenza, la canapa viene coltivata su un’area di almeno 40.000 ettari, nonostante i divieti di vendita e consumo.

Un anno fa, il parlamento libanese ha votato per legalizzare la coltivazione di cannabis per scopi medicinali come un modo per rilanciare l’economia. Ma le autorità devono ancora mettere in atto i necessari meccanismi di controllo necessari per andare avanti.

READ  La guerra in Ucraina: scoperte in un quadro strano