TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le migliori impronte digitali della Svezia, ma le più grandi impronte digitali olimpiche sono norvegesi e danesi

Le migliori impronte digitali della Svezia, ma le più grandi impronte digitali olimpiche sono norvegesi e danesi

• Viktor Axelsen, Danimarca, badminton

Cinque anni fa, Viktor Axelsen ha vinto il bronzo olimpico a Rio e l’anno successivo l’oro ai Mondiali di Glasgow, ma quando il 27enne di Odense è riuscito a definirsi campione olimpico a Tokyo, raramente è seguita una tempesta emotiva. Marito. Non sembrava felice – nemmeno disperato – ma non erano altro che lacrime di gioia quando il danese singhiozzava mentre agitava la telecamera dopo aver vinto la partita contro il cinese Chen Long e ha continuato a piangere per diversi minuti prima di fingere di essere in un’intervista televisiva . Dopo la medaglia d’oro olimpica, Viktor Axelsen è diventato l’uomo sulla bocca di tutti in Danimarca, e si prevede che vincerà i major a casa al prossimo festival sportivo del paese.

Victor Axelsen non riusciva a capire di aver vinto l’oro olimpico nel badminton.

Foto: Pedro Pardo / AFP

• Carster Warholm, Norvegia, atletica leggera

La finale dei 400 m ostacoli è stata una delle peggiori che il mondo dell’atletica abbia mai visto. In una gara dove il campo di partenza è la migliore condizione possibile super punti e Brani eccezionalmente veloci Allo Stadio Olimpico di Tokyo, non meno di tre corridori hanno battuto il precedente record mondiale dell’americano Kevin Young dal 1992, che Karsten Warholm è riuscito a superare all’inizio di luglio quando ha corso 46,70. Questa volta, il norvegese ha massacrato la sua nota precedente di circa un secondo quando l’orologio si è fermato a 45,94. Poco dopo, il secondo classificato Ray Benjamin è corso al traguardo a 46:17, il secondo tempo più veloce di sempre. Anche la brasiliana Alison dos Santos è entrata in vetta alla storia al terzo posto, quando ha segnato 46,72.

Karsten Warholm ha stabilito il suo record mondiale con un massimo di 76 centesimi negli ostacoli dei 400 metri.

Karsten Warholm ha stabilito il suo record mondiale con un massimo di 76 centesimi negli ostacoli dei 400 metri.

Foto: Joel Samad/AFP/TT

Anne-Marie Random ha dovuto salire in cima al podio con raggi laser.  Su entrambi i lati della Danimarca: Josephine Olsson, Svezia e Marit Baumeister, Paesi Bassi.

Anne-Marie Random ha dovuto salire in cima al podio con raggi laser. Su entrambi i lati della Danimarca: Josephine Olsson, Svezia e Marit Baumeister, Paesi Bassi.

Foto: Olivier Morin/AFP/TT

• Anne-Marie Random, Danimarca, vela

In precedenza, la campionessa olimpica in carica Marit Baumeister era la contendente alla medaglia d’oro nella vela con raggio laser. Ma l’olandese si è dovuto accontentare della medaglia di bronzo. Al contrario, è stata la svedese Josephine Olsson ad avvicinarsi di più alla minaccia di Anne-Marie Random, che aveva un netto vantaggio in vista della gara cruciale per la medaglia. I progressi della 30enne Dane sono stati così rassicuranti che è riuscita a finire solo settima in finale, visto che Olson ha segnato il primo gol. Questo è bastato a Rindom per diventare per la prima volta campione olimpico e allo stesso tempo assicurarsi il primo oro danese ai Giochi di Tokyo.

La finlandese Mira Botkonen riceve un gancio destro dalla brasiliana Beatriz Ferreira

La finlandese Mira Botkonen riceve un gancio destro dalla brasiliana Beatriz Ferreira

Foto: Oisley Marcelino/AFP

• Mira Potkonen – Finlandia – pugilato

Grande emozione anche al circuito di sumo di Kokugikan, dove la Finlandia ha portato a casa una delle due medaglie di bronzo alle Olimpiadi. La 40enne Mira Butkonen sognava di concludere la sua carriera con una medaglia d’oro, ma è dovuta tornare a casa piangendo da Tokyo con un bronzo, la stessa categoria che ha vinto a Rio 2016. Poiché entrambe le perdenti delle semifinali hanno vinto il bronzo, Butkonen ha condiviso il terzo posto. posto con la brasiliana Beatriz Ferreira.

Christian Blumenfelt è stato completamente completato dopo la medaglia d'oro olimpica nel triathlon.

Christian Blumenfelt è stato completamente completato dopo la medaglia d’oro olimpica nel triathlon.

Foto: Vegard Wivestad Grøtt / Bildbyrån

• Christian Blumenfelt, Norvegia, triathlon

Se la medaglia d’oro olimpica di per sé non è la prova che Christian Blumenfelt ha fatto del suo meglio nel triathlon maschile, lo ha dimostrato ancora di più dopo il traguardo. Dopo un’ora, 45 minuti e quattro secondi di nuoto, ciclismo e corsa, l’allegro ma esausto norvegese è caduto a terra e ha vomitato prima che gli ufficiali lo aiutassero ad allontanarsi dall’area bersaglio. Il più grande successo della sua carriera del 27enne Blumenfelt è stato un test di realtà e anche il primo oro olimpico nordico nel triathlon.

Leggi di più:

Il beach volley giovanile ha vinto l’oro olimpico – e la Norvegia non è stata solo la migliore sul ghiaccio

Oracle Athletics ha visto il sistema di valutazione: “terribilmente ingiusto”

READ  PROPRIO ORA: Rottura con Bajen - indica un'intensa competizione