TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le foreste svedesi non sono sostenibili, ministro

19 Scienziati forestali: il governo ignora le conoscenze scientifiche rilevanti

Questo è un articolo di discussione. È lo scrittore che rappresenta le opinioni espresse nel testo, non l'Aftonbladet.

Pubblicato il 03.03.2024 06.00

Non c'è molto a sostegno dell'affermazione di Romina Bormuthari secondo cui le foreste svedesi sono sostenibili.  Come ricercatori, ci chiediamo: perché condurre ricerche se i politici di alto livello scelgono invece di fare affidamento su presupposti obsoleti e semplicistici, scrivono 19 ricercatori forestali.

discussione. Ministro del clima e dell'ambiente Romina Pormatari Afferma che le foreste svedesi sono sostenibili, addirittura le più sostenibili del mondo intero.

Come scienziati forestali, ci chiediamo cosa intenda Burmukhthari per foreste sostenibili?

C'è accettazione identificazione Utilizzato, tra gli altri, dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.

Secondo lei, silvicoltura sostenibile significa gestire e utilizzare le foreste in modo da preservare la biodiversità, la produzione, la capacità della foresta di rinnovarsi, la sua vitalità e la sua capacità di assistere ora e in futuro con importanti funzioni ambientali, economiche e sociali. A livello locale, nazionale e globale e in modo da non danneggiare altri ecosistemi.

Data questa definizione, c’è poco a sostegno dell’affermazione che le foreste svedesi siano sostenibili.

Secondo l’organismo di esperti governativi, l’Agenzia forestale svedese “Mancano controlli adeguati per garantire la conservazione della biodiversità e il mantenimento dei servizi ecosistemici forestali nel tempo“.

L’obiettivo ecologico di vivere nelle foreste non sembra essere stato raggiunto, e direzione Anzi, è negativo. IL Approfondire la valutazione L’obiettivo ambientale afferma che nei paesaggi forestali mancano habitat importanti, che molte specie forestali sono svantaggiate o si stanno sviluppando negativamente, che molti servizi ecosistemici forestali non sono in condizioni adeguate e che gli ambienti culturali vengono distrutti in Paesaggi forestali Per quanto riguarda le misure forestali, i corsi d'acqua nei paesaggi forestali vengono influenzati negativamente.

READ  Acquista il nuovo lussuoso Bear Geisel, il SUV più veloce del mondo

Nel frattempo, la situazione per l’allevamento delle renne è migliorata Molto importanteCiò è dovuto principalmente alla mancanza di pascolo invernale, ovvero di licheni sospesi e macinati che costituiscono l’alimento principale delle renne in inverno. Il calo della disponibilità di pascoli è in gran parte dovuto alle fitte foreste, che si traducono in foreste fitte e a bassa diversità e nella mancanza di foreste secolari.

Per rendere le foreste veramente sostenibili, è necessario proteggere a lungo termine le foreste con elevati valori naturali, aumentare la diversità degli stili forestali, delle specie arboree e delle strutture importanti nella foresta e adattare le foreste all'allevamento delle renne, esigenze e industrie di sviluppo locale, nonché valori forestali socialmente importanti.

Mentre gli aggiustamenti forestali sono necessari – e urgenti – il governo ha scelto di iniziare il suo mandato in modo forte Riduzione del budget Per proteggere la natura preziosa. Nonostante il livello di finanziamento attuale L'ho sollevato di nuovo Sarà nel 2024 Riduzione degli sforzi per proteggere le specie in via di estinzione e preservare la natura locale.

Invece di decidere come ristrutturare le foreste svedesi per renderle più sostenibili, il governo ha deciso di fare proprio questo Indagine forestale Che si concentra troppo sulla produzione del legno e sulla bioeconomia, ma ne ignora gran parte Sfide Di cosa devono occuparsi la società e le foreste.

Il Ministro del Clima e dell’Ambiente e altri rappresentanti del governo sostengono che le foreste attive, dove si raccoglie di più, fanno bene al clima. Dovrebbe essere così In una prospettiva a lungo termine Si basa su una questione molto ristretta che fa chiudere un occhio sulle conseguenze sociali e ambientali e sulla necessità di pubblicizzare i rischi associati al cambiamento climatico.

READ  Ecco come le tue finanze personali vengono influenzate dall’imposta record sull’ISK

Dobbiamo raggiungere in breve tempo gli obiettivi climatici concordati a livello internazionale e ridurre al minimo i rischi di effetti soglia potenzialmente devastanti sul sistema climatico. Contrariamente a quanto afferma il ministro del Clima e dell’Ambiente, è vantaggioso per il clima lasciare in piedi più foreste e adattare la gestione delle foreste al clima.

La bioeconomia – ovvero la sostituzione delle risorse fossili con risorse biologiche – è ovviamente un aspetto importante della transizione climatica.

Ma le fonti di energia rinnovabile sono ben lontane dalla sostenibilità.

L’idea della rigenerazione eterna del bosco si basa su una visione ristretta del bosco come risorsa, luogo e habitat. La bioeconomia perseguita da questi e dai precedenti governi Si oppone allo sviluppo tecnologico e alla crescita economicaMa ignora la prospettiva ecologica e sociale della foresta e rischia di creare nuovi problemi e ingiustizie ambientali.

Abbiamo bisogno di una discussione onesta e realistica sul ruolo delle foreste nel cambiamento climatico, in cui siano presi in considerazione tutti i valori delle foreste e i difficili compromessi tra di essi.

Il disprezzo dei funzionari governativi per le conoscenze scientifiche rilevanti e le conclusioni raggiunte dalle autorità specializzate è allarmante e irresponsabile per tutti i cittadini.

Minaccia di minare la fiducia nella democrazia e nella scienza, nonché la capacità della società di adattarsi a un ambiente in cambiamento e a un clima più caldo poiché aumentano i rischi, tra le altre cose, di condizioni meteorologiche estreme, epidemie di insetti, precipitazioni e incendi.

Come ricercatori, ci chiediamo: qual è il vantaggio della ricerca se i politici senior scelgono di fare affidamento su presupposti vecchi e semplicistici invece della conoscenza prodotta per loro nelle università e negli organismi di esperti del paese?

READ  Dettagli: Altor sta per acquistare Tommy Jacobson dalla Marshall Collection

Janet Eggers, Ricercatore in pianificazione forestale con particolare attenzione alla sostenibilità, Università svedese di Agricoltura
Sarah Holmgren, Ricercatore in comunicazione ambientale con specializzazione in silvicoltura, Università svedese di Agricoltura
Joanna Lundstrom, Ricercatore in pianificazione forestale con particolare attenzione alla conservazione della natura, Università svedese di Agricoltura
Carolina Grazer, Ricercatore in ecologia forestale con particolare attenzione alla biodiversità, Università di Stoccolma
Ida Wallin, Ricercatore in questioni di politica forestale, Università svedese di Agricoltura
Katarina Eckerberg, Professore emerito di scienze politiche con ricerche di lunga data su foreste, conservazione della natura e politica climatica, Università di Umeå
Tommaso Lamas, Docente di pianificazione forestale, Università svedese di agricoltura
Bengt Gunnar Johnson, Professore di Ecologia vegetale, Mittuniversitetet
Phyllis Brocas, Professore di pianificazione forestale, Università svedese di agricoltura
Maria Forsberg, Docente di diritto ambientale, Università di Uppsala
renate tropbins, Assistente universitario in pianificazione forestale, Università svedese di Agricoltura
Per Sandstrom, Docente di gestione forestale, Università svedese di agricoltura
Kaisa Raytiu, Dottorato in Comunicazione Ambientale, Università svedese di Agricoltura
Tim Hurstcott, Ricercatore in Ecologia, Università di Umeå
Dan Bergstrom, Dottorato in tecnologia forestale, Università svedese dell'agricoltura
Eva Maria Nordstrom, Docente di gestione forestale, Università svedese di agricoltura
Annetta Amore, Ricercatore specializzato in gestione equa e sostenibile delle risorse naturali, Stockholm Environment Institute
Salim Belazid, Dottorato in Protezione e Gestione Ambientale, Università di Stoccolma
Anna Skarin, Professore di allevamento di renne, Università svedese di agricoltura