TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le case italiane si vendono a due euro

Molti piccoli comuni italiani stanno cercando di vendere case fatiscenti a un prezzo di partenza di un euro. Di questi, è innegabile che Sambuka de Cecilia abbia avuto il maggior successo.

Da allora sono state vendute 16 case CNN JourneyNN Ha attirato per la prima volta l’attenzione di Sambuka segnalando alloggi a prezzi accessibili nel 2019. Giornalisti e collaboratrici domestiche straniere hanno iniziato il loro pellegrinaggio in città.

Nessuno lo sa per certo Perché Sambuka ha avuto molto più successo di altre piccole città in giro per l’Italia. Muzomeli, che si trova in Sicilia, e Sungoli, vicino a Napoli, stanno ancora lottando per vendere la loro proprietà fatiscente.

La città potrebbe aver preso il nome da un famoso liquore all’anice italiano, ottenuto dal latino antico Sambugas nigra, che cresce nella zona? O con le rovine vicino al palazzo dell’emiro al-Sabood, sulla sua storia? chiede la CNN Travel.

Qualunque sia la spiegazione Ora Sambuka spera di bissare il successo mettendo sul mercato un’altra serie di case abbandonate, con il prezzo indice che sale a due euro, addirittura inferiore rispetto all’acquisto di un trancio di pizza in Sicilia. Si dice che la domanda sia ancora più alta.

Tutte le case ora in vendita si trovano nel centro della storica Sambuka, e furono abbandonate in relazione al terremoto del 1968 che devastò la Valle del Belize in Sicilia.

L’asta inizia il 15 luglio con un prezzo di partenza di due euro e termina il 5 novembre.

Devi vedere quanto è grande l’opportunità di comprare una casa per due euro. Nel 2019 l’asta si è conclusa tra 1 e 25.000 euro. La maggior parte delle case è stata venduta per 5-10 000 euro.

READ  Christian Eriksen potrebbe essere costretto a lasciare l'Italia dopo un infarto

leggi di più:

La comunità italiana vende le proprie case a 1 euro

Rabbia quando il boss mafioso è stato rilasciato 25 anni dopo: più di 100 persone sono state uccise

Tornano i re comodi: “Bisogna vivere una vita per scrivere canzoni”