TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'aumento dei prezzi della benzina e dell'elettricità aumenta l'inflazione

L’aumento dei prezzi della benzina e dell’elettricità aumenta l’inflazione

I tassi di interesse del mercato svedese scendono e la corona si rafforza dopo che Statistics Sweden ha annunciato l’inflazione CPIF del 2,8 per cento per il mese di settembre. Secondo un sondaggio Reuters, gli analisti hanno stimato una media del tre percento.

Il tasso di interesse sui titoli di stato a 10 anni della Svezia scenderà di 0,04 punti percentuali allo 0,34 percento, mentre l’euro scenderà a 10:02 SEK, il livello più basso dalla primavera del 2018.

Ma gli economisti dicono che è troppo presto per scoppiare. Si prevede che l’inflazione continuerà a salire al di sopra dell’obiettivo di inflazione del 2% della Riksbank.

“Prevediamo che l’inflazione CPI aumenterà a oltre il 3% nei prossimi mesi”, ha scritto in un commento l’analista capo di Nordea Torbjorn Isaacson.

“Ma il numero inaspettatamente basso di settembre rimuove alcuni dei rischi al rialzo nelle nostre previsioni”, aggiunge.

Inflazione CPIF a settembre È il livello più alto dal 2008. Ad agosto, l’inflazione CPIF era del 2,4%.

I prezzi dell’energia stanno aumentando molto, al 22% a un tasso annuo, e stanno facendo salire l’inflazione, afferma Eric Glanz, un esperto di inflazione presso l’Istituto nazionale per la ricerca economica (KI).

Escludendo i prezzi dell’energia, l’inflazione dell’indice dei prezzi delle materie prime è stata dell’1,5 percento a settembre, rispetto a un previsto 1,8 percento.

Secondo Glance, gli altri aumenti di prezzo che vengono tirati sono le auto private a noleggio.

Il cibo non sale Per quanto molti potrebbero credere, lo 0,9 percento su base annua. In effetti, i televisori sono diminuiti del 15% anno su anno. Dice che la cosa che sta scendendo molto in questo momento sono gli autonoleggi, quelle tariffe sono scese del 25 percento da agosto a settembre.

READ  E il prosciutto di Anderson sarebbe costoso per la Svezia

Le tariffe di noleggio auto sono diminuite del 12% anno su anno.

Marcus Wieden, economista di SEB, come i suoi colleghi di Nordea, prevede che l’inflazione continuerà a salire e crede che passerà un po’ di tempo prima della seconda metà del 2022 prima che gli aumenti dei prezzi diminuiscano.

Secondo Widén, ci vorrà del tempo prima che i prezzi più alti dell’energia si diffondano su altri prezzi.

Raramente passa velocemente. In qualche modo, devi prima vedere quanto dura, dice.

Si ritiene che l’aumento dei prezzi dell’energia Può estendersi a prezzi più elevati per i trasporti e i prodotti agricoli, ma questo effetto è ancora in ritardo.

Ma gli effetti secondari dei prezzi dell’energia sono sempre difficili. Dice che arriva con un ritardo abbastanza significativo.

Nei dati di settembre, ha citato i prezzi di cibo, abbigliamento, scarpe e noleggio auto come fattori attenuanti per le pressioni inflazionistiche.

TT: Puoi espirare ora?

– No, penso che sia troppo presto per farlo, dice Weeden.

Sottolinea, tra l’altro, la rapidità con cui sono aumentati i prezzi all’importazione, che non sono ancora penetrati nei prezzi pagati dai consumatori.

Ora si accenderà lentamente ma inesorabilmente, per 6-12 mesi. Ma dice che non è del tutto certo fino a che punto.

Alcuni economisti stanno iniziando a sollevare segnali di allarme per la cosiddetta stagflazione, con un calo della crescita abbinato a un aumento dell’inflazione e dell’aumento della disoccupazione. Widén non crede in questo scenario. Egli stima che il periodo di alta inflazione si estenderà da agosto a qualche parte intorno a marzo ad aprile.

TT: Ne sei sicuro?

– No, ovviamente non lo siamo.

READ  S ha sacrificato il movimento per fermare kesson

Mo Langmark, economista del risparmio Avanza, non è preoccupata per i nuovi numeri sull’inflazione, almeno non ancora, spiega.

– Il livello svedese del 2,8 per cento non è molto, soprattutto perché la maggior parte degli aumenti dei prezzi è costituita dai prezzi dell’energia, che non parlano molto dell’economia in generale, ha affermato.

“Non credo che questo numero faccia riflettere la Riksbank sull’opportunità di cambiare il tasso ufficiale”, aggiunge.

Goran Osterholm, esperto di politica monetaria e tassi di interesse presso l’Istituto nazionale per la ricerca economica (KI), fa la stessa valutazione.

Il risultato dell’inflazione di settembre potrebbe non modificare l’attuale posizione di politica monetaria della Riksbank. Ci aspettavamo che l’inflazione scendesse al di sotto dell’obiettivo di inflazione, del 2%, durante la seconda metà del 2022, afferma.

Per saperne di più: Reazioni miste a benzina più costosa

Per saperne di più: Ecco perché l’elettricità è così costosa