TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“L’arte del nuoto è come correre per 800 metri senza respirare.”

Il nuoto di squadra non è lo sport più importante in Svezia. Lunedì, invece, un nuotatore d’arte svedese affronterà i migliori d’Europa. Poi la diciannovenne Clara Turnstrom ha iniziato la sua partecipazione ai Campionati Europei a Budapest, in Ungheria.

Di conseguenza, sarebbe stata la prima donna svedese a competere nel campionato europeo dal 2014 (la Svezia aveva allora una squadra che gareggiava a coppie).

– Sarà molto divertente. Era un sogno che davvero non osi descrivere a parole. Sarebbe molto divertente andare là fuori e nuotare con le persone in cima al mondo, vedere come lavorano e dimostrare che le possiedo come miei concorrenti.

L’Europeo è un sogno che Clara Turnstrom non ha avuto il coraggio di descrivere a parole.

Foto: Lars Lindqvist

Per la maggior parte Lo snowboard è uno sport che si pratica a squadre. Clara gareggia principalmente da sola, come viene chiamata single.

Era la prima volta che la Svezia partecipava con un nuotatore solitario al Campionato Europeo nel 2012. Come hai iniziato con questo sport?

– Ho sempre amato moltissimo l’acqua, dal nuoto ai bambini quando affondava a fondo. Poi, dopo la scuola di nuoto, all’età di sei anni, volevo iniziare a nuotare, ma dopo era piena al club di nuoto. Invece, hanno suggerito che c’era qualcosa chiamato nuoto sintetico e non sapevamo cosa fosse. Ma ho iniziato e mi sono alzato per questo, dice Clara Turnstrom quando DN era con noi durante il suo ultimo allenamento prima di partire per l’Ungheria.

Quindi non poteva nuotare per 50 metri avanti e indietro, alla fine è rimasta bloccata a causa di ciò. In alternativa, preferisce lo sport in cui i nuotatori coreografi in acqua poi segnano dagli arbitri.

Clara Turnstrom dice della magia del nuoto sintetico:

“Essere in grado di utilizzare la musica e l’acqua a proprio vantaggio è molto divertente”, dice Clara Turnstrom della magia del nuoto sintetico.

Foto: Lars Lindqvist

Cosa c’è di interessante nel nuoto artistico?

Nel nuoto artistico hai musica e coreografia, un po ‘come ballare. Quindi devi usare tutto il corpo e ci saranno alcune parti in più. Sarà un po ‘tecnico e un po’ tecnico, dice Clara, devi usare l’acqua.

Solo essere in grado di usare la musica e l’acqua a tuo vantaggio è così divertente. La capacità di esprimere la musica nei loro programmi.

Clara spiega che il suo sviluppo come nuotatrice artistica è arrivato presto, tra le altre cose ha vinto diverse medaglie nel programma SM Early Youth. Nel marzo di quest’anno, ha anche nuotato nella sua nativa la prima medaglia svedese nella serie mondiale.

Lei stessa si concentra principalmente su come la conduce a imparare cose nuove.

Senti che stai sviluppando e imparando cose nuove e puoi mantenere altitudini più elevate. Senti di poter usare l’acqua ed esprimerti con il tuo corpo in un modo diverso.

immagine 1 Di 4

Foto: Lars Lindqvist

immagine 2 Di 4

Foto: Lars Lindqvist

immagine 3 Di 4

Foto: Lars Lindqvist

immagine 4 Di 4

Foto: Lars Lindqvist


Attualmente in formazione Clara è al club locale di Tapie circa 20 ore a settimana con la sua allenatrice Anna Hoogdahl. Descrive come le parti fisiche siano importanti per essere in grado di esibirsi come nuotatore artistico.

È uno sport fisicamente impegnativo. Richiede buona resistenza e potenza esplosiva. I programmi richiedono da due a quattro minuti, quindi dovresti essere molto in forma ma anche sentire la musica, dice Clara.

Di solito si confronta un programma con l’esecuzione di uno sprint di 800 metri, ma senza respirare.

A proposito di fisico E le parti esplosive sono la base della performance, non sono ciò che i giudici valutano dall’esterno quando si parla di competizione.

– È anche la parte tecnica, molto importante ed è anche valutata al 40%. Soprattutto in assolo, enfatizza la sensazione che vuoi avere.

Ci sono due parti aggiuntive nel programma che definiscono i punti assegnati dai giudici. In parte è la difficoltà, ma anche l’esecuzione.

L’implementazione è che hai altezze elevate, che gli angoli sono chiari mentre le ginocchia ei piedi sono estesi, che stai stringendo la parte superiore del corpo e hai movimenti rapidi e chiari, spiega Clara e continua:

La difficoltà è che hai degli angoli da tenere, che hai una o due braccia alzate e che sei più in alto della superficie.

Hanno lavorato insieme per molto tempo e Clara ha capito subito cosa intendeva l'allenatrice Anna Hoogdahl con i suoi personaggi.

Hanno lavorato insieme per molto tempo e Clara ha capito subito cosa intendeva l’allenatrice Anna Hoogdahl con i suoi personaggi.

Foto: Lars Lindqvist

Durante l’esercizio Al Tibblebadet di Täby, Clara è in costante contatto con il suo allenatore. Lei e Anna corrono costantemente sul bordo della piscina e scrivono così tanti dettagli insieme.

L’importanza della cooperazione tra di loro diventa chiara.

– Io e Anna ci alleniamo insieme da molto tempo, quindi ci capiamo molto bene. Conosce molto bene il mio corpo e di cosa ho bisogno, quindi è molto positivo. È un bene per allenarsi, dice Clara Turnstrom, per capirsi, per capire cosa pensiamo e di cosa abbiamo bisogno.

Questo non è richiesto Tanto perché si capiscano.

– È veloce. Se mostro un po ‘di movimento, so immediatamente cosa vuoi che pensi.

Durante la pandemia, Clara si è allenata molto e non molte gare. Quelli che sono stati eseguiti sono stati principalmente organizzati digitalmente. Ammette che la motivazione non è stata sempre facile, ma quando ha avuto la possibilità di andare agli Europei, le cose sono cambiate.

– Ho pensato: “Perché dovrei farlo se tutte le competizioni fossero cancellate?” Ma quando ho iniziato a lavorare per il campionato europeo, ero molto apprezzato. Quindi è stata una buona idea avere il numero digitale su cui lavorare, anche se non si è rivelato essere dei veri concorrenti.

“Sarebbe molto divertente andare ai Campionati Europei e dimostrare che anche in Svezia abbiamo una buona arte del nuoto”.

Foto: Lars Lindqvist

Quando erano i Campionati Europei Ora in attesa, Clara sa che ci sono molte altre simulazioni tecniche che superano la Svezia.

La Svezia non è un paese forte per il nuoto artificiale, lo sport non è enorme in Svezia e l’Europa è molto forte rispetto al resto del mondo. Clara dice che sarà una dura competizione e conclude:

– Sarà molto divertente andarci e dimostrare che abbiamo una buona arte del nuoto anche in Svezia.

Foto: Lars Lindqvist

READ  Shock svedese contro la Georgia | SVT Sport