TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’analogo GIP / GLP 1 tirzepatide supera l’insulina

Inoltre, è possibile osservare una significativa perdita di peso con l’agonista GIP/GLP 1. I risultati sono stati presentati in un simposio durante l’EASD Digital Conference.

È quindi tirzepatide ed è un agonista combinato GIP/GLP 1. Il farmaco candidato – iniettato settimanalmente – stimola i recettori di due incretine sotto forma di GIP, peptide insulinotropico glucosio-dipendente e peptide glucagone-simile 1 GLP1. pazienti di tipo 2.

Il doppio peptide è il primo del suo genere nel campo del diabete e mostra grandi risultati, un’era appunto. Trovo difficile vedere come qualsiasi altro farmaco possa superare questo problema nel prossimo futuro, afferma Jan Erickson, direttore medico e professore all’Università di Uppsala.

Leggi anche: Utilizzo di semaglutide come integratore

In un nuovo studio randomizzato di fase 3, tirzepatide è stato confrontato con Lantus (insulina glargine) in tre diverse dosi. È un’insulina ad azione prolungata che viene somministrata quotidianamente. Sono stati reclutati più di 2.000 pazienti.

I cambiamenti a lungo termine della glicemia erano la misura principale dell’efficacia. Ha una media di circa 78 mmol/mol all’inizio dello studio. Il follow-up è stato effettuato dopo 52 settimane.

Dopo tale periodo, l’HbA1c era inferiore con le tre dosi di tirzepatide rispetto all’insulina ad azione prolungata. La glicemia a lungo termine è stata ridotta in media di 28 mmol/mol nel gruppo che riceveva la dose più alta di agonista GIP/GLP 1. La cifra corrispondente per l’insulina glargine era in media di 16 mmol/mol.

La perdita di peso era uno degli endpoint secondari dello studio. Durante il follow-up, è stata osservata una significativa diminuzione del peso all’interno del gruppo con la dose più alta di tirzepatide, circa 12 kg in media. I partecipanti al gruppo dell’insulina hanno invece guadagnato peso.

READ  Farshid Jallalund sulle armi biologiche.

– È un risultato impressionante per tirzepatid. La glicemia a lungo termine è significativamente ridotta e la perdita di peso è a dir poco. Questo potrebbe anche essere un trattamento per l’obesità in futuro, afferma Jan Erickson.

Si ritiene che un agonista GIP/GLP 1 possa essere approvato in tempi relativamente brevi.

– È probabile che venga lanciato sul mercato europeo tra un anno o due. Penso che il farmaco farà parte di una seconda o terza linea di trattamento per il diabete di tipo 2, afferma Jan Erickson.

Non è ancora noto se la tirzepatide abbia un effetto benefico sul cuore e sui vasi sanguigni. Questo è attualmente in fase di valutazione in uno studio che dovrebbe essere completato nel 2025.

Più casi di ipoglicemia grave e ipoglicemia sono stati osservati nel gruppo che riceveva insulina ad azione prolungata rispetto al gruppo trattato con il farmaco candidato.

Nonostante la forte diminuzione della glicemia, è stato osservato solo un piccolo rischio di ipoglicemia, che è positivo, afferma Jan Erickson.

Molti di coloro che erano in terapia con tirzepatid hanno scelto di interrompere il trattamento prematuramente. L’effetto collaterale più comune era problemi gastrointestinali.

I partecipanti allo studio erano stati precedentemente trattati con da uno a tre diversi farmaci, tra cui metformina e inibitori SGLT2. Gli è stato diagnosticato il diabete per una media di 12 anni.

Le nuove scoperte sono in linea con diversi studi precedenti sulla tirzepatide che sono stati valutati nel programma di Fase 3. L’agonista GIP/GLP 1 è dietro l’azienda farmaceutica Eli Lilly.

Segui qui il nostro resoconto dell’EASD 2021, dove troverai anche la nostra copertura degli incontri EASD passati.