TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ambiente di lavoro incide sul rischio di malattie mentali

La malattia mentale sembra diventare più comune, sebbene sia più difficile da misurare. È chiaro che la salute mentale della popolazione auto-classificata è peggiorata e che è aumentata la percentuale di assenze per malattia dovute a malattie mentali.

Siamo passati da una vita lavorativa con un carico fisico molto elevato e una mancanza di ambiente di lavoro, a una vita in cui si può invece parlare di ambiente di lavoro mentale, dove l’ambiente di lavoro psicosociale è molto impegnativo. Juneell Hensing afferma che il congedo per malattia riflette questo cambiamento.

Il lavoro può essere positivo per la salute offrendo routine, contatti sociali e mezzi di sussistenza. Ma se ci sono carenze nell’ambiente di lavoro, aumenta invece il rischio di malattie mentali.

La ricerca mostra, ad esempio, che uno squilibrio tra sforzo e ricompensa, una mancanza di sostegno compassionevole e condizioni di lavoro precarie aumentano il rischio di depressione e affaticamento.

Le condizioni di lavoro incerte sono importanti, credo, perché sempre più persone hanno lavori temporanei. Ci sono anche differenze tra generi e diversi settori. Molte donne che lavorano nel campo della salute e dell’assistenza soffrono di condizioni di lavoro precarie poiché lavorano a ore.

Il rischio di depressione aumenta anche in caso di bullismo o conflitto sul posto di lavoro. Lo stesso vale negli ambienti di lavoro in cui i dipendenti hanno un basso impatto sulla loro situazione lavorativa e allo stesso tempo hanno elevate esigenze su se stessi.

Riguarda, ad esempio, essere in grado di decidere da solo quando dovresti prenderti una pausa dal tuo lavoro e se devi lavorare troppo velocemente, spiega Gunnel Hensing.

READ  13 malattie nell'elenco dei creatori di vaccini

“I datori di lavoro vogliono che l’imperfezione risieda nel carattere di qualcuno”, afferma Anna Karen Wagerlind Stahl, ricercatrice di ergonomia. Critica il fatto che vengano prese misure individuali quando il problema è organizzativo.

Foto: Kim Ekkerstad

In Svezia, i datori di lavoro sono obbligati per legge a lavorare sistematicamente con le questioni relative all’ambiente di lavoro. Questo vale anche per l’ambiente di lavoro psicosociale, dove c’è il supporto affinché tale lavoro abbia un buon effetto.

Ci sono molti studi che dimostrano che se manager e dipendenti affrontano insieme i rischi che affrontano nell’ambiente di lavoro psicosociale e poi sviluppano un piano congiunto per affrontarli, è possibile prevenire la malattia mentale, afferma Hensing.

È una delle misure di impatto positivo menzionato nella sintesi della ricerca Prodotto di recente dall’Agenzia svedese per la sanità pubblica e dall’Università di Göteborg. Gunil Hensing è uno degli autori. I ricercatori hanno condotto 44 studi diversi e hanno trovato ben 32 studi in cui le misure esaminate hanno avuto effetti positivi sulla salute mentale. Il risultato è stato, tra le altre cose, una riduzione dei problemi di sonno, ansia e preoccupazione.

Junel Hensing, professore di medicina sociale all'Università di Göteborg, afferma:

“Devi trovare il tempo per lavorare nell’ambiente di lavoro”, afferma Junel Hensing, professore di medicina sociale all’Università di Göteborg.

Foto: Magnus Lidberg

Parlare dei problemi nell’organizzazione e lasciare che i dipendenti imparino le tecniche di gestione dello stress sono alcune delle misure.

Allo stesso tempo, l’ignoranza sulla malattia mentale è alta tra i datori di lavoro e l’argomento è avvolto sia da pregiudizi che da miti. Questa è l’opinione della ricercatrice di ergonomia Anna Karen Stoll, che ha recentemente scritto un libro sull’argomento. Critica il fatto che le soluzioni spesso colpiscano gli individui, anche quando il problema è strutturale.

Sappiamo che l’ambiente di lavoro è un importante fattore di rischio, ma i datori di lavoro vogliono che la carenza risieda nella personalità di qualcuno, dice.

Non potrebbe essere così allora?

Sì, ma è come se il fumo aumentasse il rischio di cancro ai polmoni. Non tutti lo capiscono, ma questo non significa che dovremmo ignorare i rischi. Non è sufficiente vivere in buona salute in generale se si continua a fumare. Inviare le persone a sessioni di consapevolezza non ha un effetto a lungo termine.

Quindi cosa porta a dipendenti sani e soddisfatti? Si tratta spesso di ribaltare la posta, secondo Junel Hensing. Un carico di lavoro ragionevole, l’influenza e un buon clima sociale sono esempi dei cosiddetti fattori di salute.

– In un certo senso, non è così difficile, ma devi trovare il tempo per migliorare l’ambiente di lavoro e concentrarti su di esso, afferma Gunnel Hensing.

Per saperne di più:

È aperta sulla sua malattia mentale al lavoro

Per saperne di più:

È aperta sulla sua malattia mentale al lavoro