TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Skakig kryptomarknad eggar Hilbert Group

L’agitazione del mercato delle criptovalute ispira il gruppo Hilbert

La società di criptovalute svedese Hilbert Group, che ha radici a Wall Street secondo Di Digital, ama la volatilità e ora First North incombe.

“Quando i prezzi si muovono molto, sorgono opportunità per il paziente”, afferma CEO e co-fondatore. Niklas Sandstrom Al quotidiano, che riporta che il gruppo Hilbert, amante degli swing, sarà quotato in First North a fine agosto.

Dietro il Gruppo Hilbert – che si occupa di trading, gestione e investimenti in criptovalute in società legate alla tecnologia blockchain – ci sono diversi svedesi con esperienza di banche d’affari di Londra e New York, quindi Niklas Sandstrom, detto un fisico, è uno dei fondatori insieme, tra gli altri, ex professionista del poker Magnus Holm.

Tra i fondatori ci sono conoscenze di fisica matematica e tecnica, e hanno un dottorato di ricerca in questa materia, il che rende la gestione più analitica.

“Tra le altre cose, ci occupiamo di operazioni di fondi, dove abbiamo clienti esterni che investono nei nostri fondi. Abbiamo anche una società di capitali di rischio dove andiamo e acquistiamo azioni in società collegate a criptovalute e blockchain. Vendiamo anche analisi dei dati, che è un’area che è cresciuta molto negli ultimi tempi, spiega Niklas Sandstrom.

Volatilità: un argomento di investimento

Ultimamente, il mercato delle criptovalute ha oscillato, ma è attualmente stabile, dai massimi record di questa primavera.

Niklas Sandstrom dice che la volatilità non spaventa il gruppo Hilbert, non è estranea a nuovi mercati, anzi è “occasionale”, dice in digitale Spiega che i tremori sono proprio uno dei motivi per investire nella società, che secondo lui ha un “orizzonte da cinque a dieci anni”.

READ  Polyplank vuole ottenere 15 milioni di sconto per le vacanze sulla nuova versione

La società si descrive come “completamente finanziata” al momento dopo un’iniezione di capitale di circa 85 milioni di corone svedesi da, tra gli altri, l’ex CEO di SEB Lars Thunell e il finanziere Gerard de Geer.

Diverse famiglie di investitori sono molte sul treno, afferma Sandstrom di D Digital e spiega che l’azienda ha raggiunto una “pre-valutazione di 400 milioni di corone svedesi” nel febbraio di quest’anno.

Dichiara che non vi è alcun nuovo capitale in relazione alla quotazione in First North rilevante.

Leggi anche: finanza bluckkedjebolag batte il record [Dagens PS]