TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’accordo con Kakabahev sfida Erdogan

Il primo ministro Magdalena Anderson è combattuto tra principi e concessioni per guidare la Svezia verso la NATO durante la guerra in corso in Ucraina. È un incubo. Il sistema di sicurezza europeo è stato rotto dal presidente russo Vladimir Putin e dagli svedesi in una zona d’ombra tra la libertà dell’alleanza e le garanzie di sicurezza collettiva dell’alleanza di difesa.

Amina Kakapavi ha salvato martedì il ministro della giustizia e degli affari interni Morgan Johansson con un voto di fiducia al parlamento svedese, Amina Kakapavi. Una grave crisi di governo può essere evitata solo tre mesi prima delle elezioni parlamentari svedesi e nel mezzo di colloqui delicati con la Turchia sull’adesione della Svezia alla NATO.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è il leader più controverso e meno atteso dell’alleanza di difesa. A differenza di altri Stati membri, ha respinto le richieste di Svezia e Finlandia e ha accusato i due paesi di sostenere i terroristi curdi e gli oppositori del suo regime. Chiede, tra le altre cose, che la Svezia revochi il divieto di esportazione di armi e di estradizione di persone in Turchia.

Per il governo del sud è moralmente e politicamente impossibile soddisfare le richieste. Metterebbe a repentaglio la reputazione e la credibilità della Svezia come Stato di diritto e attore internazionale di democrazia, diritti umani e libertà.

L’accordo è valido

Ma l’accordo con Kakapavi sfida Erdogan. È arrivato nel novembre dello scorso anno e rimane fermo, secondo il segretario dell’SPD Tobias Bodin. Ciò approfondirà la cooperazione con il più grande partito politico tra i curdi siriani, il Partito dell’Unione Democratica (PYD), e continuerà a fornire sostegno alle donne, alle minoranze curde e ad altre organizzazioni in Siria. La Svezia dovrebbe anche lavorare attivamente per il rilascio del politico turco-curdo Selahattin Demirtaş.

La selvaggia politica Amina Kakapavi si è astenuta dal voto di sfiducia a Morgan Johansson al Riksdag di Stoccolma. Foto: Anders Wiklund/TT

Di certo non sarà facile per Magdalena Anderson trovare una soluzione accettabile nella trattativa con Ankara. Ma è importante ricordare che la Svezia, come il resto dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, suggella l’organizzazione armata di guerriglia curda, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e ha stretti contatti con altri gruppi curdi che la Turchia considera unilateralmente dei terroristi. Questo vale anche per le torri che sono state coinvolte in modo critico nella lotta contro l’ISIS da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Il presidente Erdogan ha detto che sta valutando una nuova offensiva contro i gruppi armati curdi nel nord della Siria per creare una “zona di sicurezza” profonda 30 miglia lungo il confine. Il primo attacco è arrivato con un buon ricordo dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed è stato considerato un tradimento dai curdi. Gli Stati Uniti ora avvertono che qualsiasi attacco potrebbe minare la stabilità della regione.

Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha affermato che la Russia sta anche scoraggiando la Turchia dal lanciare una nuova operazione militare nel nord della Siria per non aggravare una situazione già difficile.

Erdogan saldi sulla linea di stagnazione

Russia alla guerra in Ucraina e Siria dalla parte del regime. La Turchia non lo fa, ma sta cooperando militarmente con i russi in Siria. In Ucraina vengono utilizzati aerei d’attacco turchi contro i soldati russi, mentre Erdogan si offre di mediare i colloqui con Putin. Con la vicina Grecia, che è anche membro della NATO, è bloccata in una disputa su Cipro, i confini, le scorte di gas ei rifugiati. Si verificano violazioni. Con gli Stati Uniti, in lotta per la vendita di aerei da combattimento. Non gli fu permesso di acquistare l’avanzato F-35 dopo aver sfidato gli Stati Uniti e aver importato un sistema di difesa aerea russo.

Erdogan ha ora nominato Svezia e Finlandia come capri espiatori. Le sue aspre critiche, infatti, sono rivolte anche ai maggiori alleati occidentali che si oppongono alle sue azioni nella regione e all’opposizione. Allo stesso tempo, sta affrontando le pressioni di guerre e conflitti, la crisi economica, quattro milioni di rifugiati siriani e le elezioni del prossimo anno. Erdogan potrebbe ritardare il processo di richiesta e porre il veto all’adesione alla Svezia, ma conta sui paesi occidentali, non ultimi gli Stati Uniti e la Germania. Alla fine può decidere l’esito della guerra mondiale di Erdogan.

Leggi anche: Nuovo messaggio: Kakapavi spegne la voce

Leggi anche: “Non vogliamo che Erdogan dirotti la nostra democrazia”.

Leggi anche: Erdogan minaccia ancora di lanciare un’offensiva nel nord della Siria

READ  I cacatua si insegnano a vicenda come aprire i bidoni della spazzatura