TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Turchia minaccia di sospendere la cooperazione militare con la NATO

Allo stesso tempo, Ibrahim Kalin, il più vicino consigliere del presidente Recep Tayyip Erdogan, afferma che “la Turchia valuterà attentamente le sue reazioni” alla decisione degli Stati Uniti di classificare come genocidio il primo massacro di armeni nella guerra mondiale.

Solo dopo “settimane o mesi”, come ha detto Kalin, la Turchia annuncerà le sue contromisure. Il ministro della Difesa Hulusi Akar, considerato di gran lunga uno dei leader più cordiali degli Stati Uniti, in un discorso ha criticato duramente l’ex alleato.

Per chi è al potere, direttamente o in caso di deviazione Per la stampa, il discorso sulla rottura con la NATO testimonia la profonda impressione emotiva prodotta dall’annuncio di Joe Biden. La parola “genocidio” in turco, come in altre lingue, ci ricorda innanzitutto il nazismo. Farlo in faccia è visto come un duro insulto: è così difficile che l’adesione alla NATO, che è stata al centro della politica estera e di difesa della Turchia dalla seconda guerra mondiale, ora non sembra più evidente.

Quello che non sai ad Ankara è a riguardo Decisione di Biden sulla questione armena È stato realizzato con una struttura Accelerazione della discordia tra statiOppure, se Washington presume, al contrario, che la Turchia, che è economicamente debole, inghiottirà l’amara pillola senza proteste severe. L’esperto svedese-turco Khalil Karavelli ritiene che le relazioni siano sull’orlo del collasso:

– È come un matrimonio rotto. Gli Stati Uniti sono stanchi della Turchia e il sentimento è reciproco.

Dominante, anti-russo, Il battaglione di Ankara ha motivo di essere deluso. E di recente ha chiarito che erano pronti a consentire agli Stati Uniti di entrare nel Mar Nero in più navi da guerra di dimensioni maggiori, anche se ciò significava violare gli accordi internazionali. Non sarebbe sorprendente se questi piani venissero ora sospesi e la Turchia si astenesse dal far arrabbiare la Russia in questo modo.

READ  Maiorca - Una chiamata ai proprietari di ristoranti: per favore, vieni qui!

Il trattamento riservato dalla Turchia ai critici del regime, agli scrittori e ai politici curdi ha alienato non solo Joe Biden ma anche gran parte del Partito Democratico. Un’altra tensione nel rapporto è l’acquisto da parte della Turchia dei sistemi di difesa aerea russi, a cui gli Stati Uniti hanno risposto interrompendo la consegna del caccia F-35, che la Turchia aveva partecipato allo sviluppo.

Durante i quattro anni di Donald Trump Al potere, il suo rapporto personale con Erdogan ha assicurato una cooperazione continua, nonostante i tanti e difficili conflitti di interessi tra i due paesi. Nell’inverno del 2018 e di nuovo nell’autunno del 2019, Trump ha permesso alla Turchia di entrare in Siria e conquistare vaste aree che fino ad allora avevano operato come uno stato curdo de facto, il cosiddetto Rojava.

Il comando di difesa degli Stati Uniti ha trovato questo estremamente titubante, e nel ridimensionamento di Trump della presenza delle truppe statunitensi nell’area. In ciò che resta dell’enclave autonoma curda, la regione di confine a est dell’Eufrate, gli Stati Uniti stanno ora lavorando per espandere un aeroporto militare che è stato costruito per la prima volta durante la lotta contro l’ISIS.

L’area in cui stanno cooperando gli Stati Uniti ei curdi siriani ospita anche una parte significativa delle risorse petrolifere siriane. Questo aeroporto, insieme alla base NATO a Souda Bay a Creta, anch’essa in fase di ampliamento, riceverà probabilmente nuove informazioni se la NATO sarà costretta a lasciare Incirlik.

Leggi di più:

Biden riconosce il genocidio armeno come genocidio

Nathan Shahar: il contraccolpo della Turchia attende la decisione di Biden, ma senza interruzioni

READ  Erik de la Reguera: Una lunga serie di irregolarità ha preceduto la frana sulla linea 12

Gunnar Johnson: La Svezia dovrebbe seguire Joe Biden e parlare apertamente del genocidio

S a Södertälje: “il centro d’oro della Svezia per il progresso dopo gli USA”