TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Tunisia conclude il Mondiale in Coppa dei Presidenti: “Non c’è gioia nel conquistare questo titolo”

La jihad ha portato Dio. Foto (archivio): Petter Arvidson / Bildbyrån.

La Tunisia ha giocato i suoi momenti migliori nella fase a gironi della Coppa del Mondo dall’inizio contro la Danimarca. La scioccante verità era che la squadra non era sufficiente contro i tre rivali del Malmö.

– Ci abbiamo provato nel primo tempo e alla fine abbiamo provato a dare qualcosa ai nostri tifosi. “Ma non è possibile combattere fino in fondo contro i campioni del mondo”, ha detto in seguito Jihad Jaballah.

La Presidents Cup è diventata una triste realtà dopo il fischio finale nell’arena. La Tunisia potrebbe unirsi ad Algeria, Marocco e Macedonia del Nord nel blocco polacco.

A giudicare dalle espressioni sui volti degli esausti giocatori tunisini, c’erano compiti più interessanti da affrontare.

– La rivincita sarà dura, ma bisogna sempre giocare per vincere. Abbiamo vinto anche l’ultima edizione della Presidents Cup, ha detto l’assistente arbitro, ma non c’è divertimento a vincere questo titolo.

Come riassumi la fase a gironi??

– I risultati contro Belgio e Bahrain, dove non sono riusciti. Non ci ha invitato alle partite, dobbiamo andare in Polonia e fare del nostro meglio.

Djaballah appartiene alla parte esperta della nazionale tunisina e deve cercare di far uscire i suoi compagni dal torneo.

Futuro incerto in nazionale

Più aperta la questione del ruolo che giocherà l’ex giocatore tunisino di Kristianstad nei prossimi tornei.

– Sono davvero deluso dal mio livello. Abbiamo molti giovani giocatori che hanno bisogno di supporto e hanno bisogno di leader e giocatori in grado di guidare con esperienza.

– Per me, che giocavo a livello di campione, ora non mi sento bene, la responsabilità è diventata molto pesante con la spirale discendente in cui ci troviamo.

READ  Klopp: "Capisco che le persone non sono felici."

– Penso davvero e ci saranno molte idee. Ha detto che rappresenti il ​​tuo paese, ma ci vuole molto lavoro come lo è ora.