TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La terapia ormonale soppressiva per il cancro al seno riduce il rischio di recidiva a lungo termine

immagine:

Titolo:

Annely Johansson. Foto: Eva Johansson.

Possiamo vedere che dopo 20 anni, il rischio di metastasi a distanza, cioè la diffusione ad altri organi, è stato ridotto tra le donne che hanno ricevuto una terapia per abbassare l’ormone con tamoxifene, goserelin o una combinazione dei due, rispetto alle donne che hanno ricevuto l’ormone -terapia di abbassamento. Non ha ricevuto alcun trattamento per abbassare gli ormoni, afferma il primo autore dello studio Anneli Johanssonpost-dottorato Dipartimento di Oncologia – PatologiaIstituto Karolinska.

È possibile prevedere i rischi futuri

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno anche analizzato i tumori dei pazienti del precedente studio STO-5 utilizzando la tecnologia moderna. Ad esempio, hanno studiato diversi marcatori del cancro al seno, come i recettori degli estrogeni e del progesterone, nonché l’espressione genica del tumore utilizzando una firma del rischio genetico.

La firma misura l’attività di 70 diversi geni, che si riduce al grado di rischio. Consente di prevedere lo sviluppo futuro delle cellule tumorali in una fase iniziale e quindi di classificare i pazienti rispettivamente in basso e alto rischio genomico.

I tumori dei pazienti ad alto rischio genetico di solito hanno un tasso di crescita del cancro più elevato. Pertanto questi pazienti sono a rischio di recidiva precoce e richiedono quindi un trattamento più aggressivo, ad esempio con goserelin, che riduce rapidamente ed efficacemente i livelli di estrogeni. D’altra parte, i pazienti con malattia meno aggressiva sembrano essere a rischio di ricaduta a lungo termine. In questi casi, il tamoxifene sembra fornire una protezione migliore, afferma Anneli Johansson.

Sebbene lo studio sia relativamente piccolo, evidenzia l’importanza del trattamento individualizzato per il cancro al seno sensibile agli ormoni. Per alcuni pazienti può essere necessario un trattamento più aggressivo per sopravvivere, mentre per altri può essere sufficiente un trattamento più mite, che riduce gli effetti collaterali e fornisce una migliore qualità della vita. Tuttavia, sono necessari studi di follow-up prima che possano essere implementati cambiamenti importanti nelle raccomandazioni terapeutiche.

READ  Il sole estivo ti prepara per l'inverno