TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Svezia ha la leadership necessaria in tempi di serietà?

La Svezia ha la leadership necessaria in tempi di serietà?

Difficilmente l’Europa Lasciandosi alle spalle la fase più acuta della pandemia di Corona prima che il continente precipitasse in una nuova crisi di proporzioni storiche globali: l’invasione russa dell’Ucraina. Il giorno dopo l’invasione, il 24 febbraio, la Corona Authority ha presentato il suo rapporto finale, notizia che naturalmente non ha ricevuto l’attenzione che meritava. Ma la questione della gestione delle crisi e della preparazione svedese riguarda tutte le crisi.

Guerre, epidemie e disastri naturali hanno in comune il fatto di essere eventi in natura insoliti e spesso imprevedibili. Allo stesso tempo, dovremmo aspettarci che ci battano a intervalli regolari, direttamente o indirettamente. Gli effetti di ciascuna crisi sembrano diversi, così come la necessità di agire, ma è comunque necessaria una preparazione generale.

Naturalmente, sono necessari diversi tipi di competenze a seconda delle cause della crisi: minacce militari, attacchi informatici, fughe radioattive, nuovi virus, collasso finanziario o grandi flussi di profughi. Ma le capacità di gestione delle crisi non possono essere ridotte a conoscenze specialistiche. È anche in larga misura una giurisdizione pubblica che influenza l’organizzazione e il governo dello stato svedese. Alla fine, si tratta della capacità di leadership politica in una situazione acuta.

durante il lunedì La professoressa Sherine Ahlbak-Oberg, che faceva parte del Comitato Corona, ha discusso le sue conclusioni in un simposio presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Göteborg.

Il comitato è principalmente positivo sulla gestione della corona svedese. La Svezia è stata meno colpita dagli effetti collaterali negativi di chiusure sociali più gravi in ​​altri paesi, ad esempio sotto forma di malattie mentali, anni scolastici persi per i bambini, declino economico e restrizioni ai diritti civili.

READ  È così che la Svezia ricorderà Sanna Marin: il lavoro

Ma la commissione critica anche alcuni punti chiave. Inizialmente, il governo svedese ha ritardato l’introduzione di adeguate misure di controllo delle infezioni. La ragione principale di ciò era che il governo faceva troppo affidamento sull’esperienza. Dovevano esserci risposte scientifiche inequivocabili nonostante i potenti elementi di variabili sconosciute e la natura sociale della minaccia. L’Agenzia svedese per la salute pubblica (FHM) è stata autorizzata ad assumere parti importanti della funzione decisionale politica, nonostante il fatto che l’agenzia sia ufficialmente affiliata al governo.

corpo significa Che la ricerca dell’accuratezza, cioè l’idea che le misure debbano basarsi su evidenze scientifiche, non è necessariamente appropriata in una situazione di crisi in cui si potrebbe invece dover partire dal “principio di precauzione” – cioè prendere la cassaforte prima che il pericoloso. Il principio di cautela qui significa più forza lavoro. Perché il prezzo dell’attesa di risposte confermate può essere molto alto.

Un esempio di come le prove siano andate storte è come l’agenzia di salute pubblica svedese non fosse disposta a richiedere la quarantena dei viaggiatori sportivi in ​​vacanza dall’Italia e dall’Austria, che sono stati quelli che hanno trasmesso l’infezione alla Svezia. FHM non si considerava in possesso di prove che avrebbe aiutato a cercare di fermare la diffusione in questo modo. Uno non ha preso la cassaforte prima che fosse pericolosa. È ancora dibattuto se lo stesso si possa dire dei paradenti. La critica alla commissione si basa sul presupposto che sia più facile calcolare il prezzo del “prendere troppo” che il prezzo del “prendere troppo poco”, ovvero che la passività sia più rischiosa (questo è spesso ma non sempre il caso) .

READ  Mancanza di antidoto: un medico senior è preoccupato e avverte delle conseguenze

Corpo corona Afferma inoltre che la mancanza di preparazione e coordinamento tra le regioni, i comuni e lo Stato nella fase iniziale ha reso gli sforzi più costosi e ritardati. Le aree sono prive di deposito per i dispositivi di protezione. I comuni non avevano la routine, le conoscenze e le risorse per impedire che l’infezione entrasse nelle case di cura. Nessun partito politico si è assunto la responsabilità generale nelle prime fasi. Non è stato fino all’autunno del 2020 che il governo ha iniziato a prendere decisioni serie indipendenti da FHM sulla base di valutazioni del rischio più complete.

Un comitato La conclusione principale è che la Svezia dovrebbe avere una migliore preparazione alle crisi a livello centrale, cioè negli uffici governativi.

I politici responsabili non possono partire dallo stesso processo decisionale delle circostanze normali, ma devono essere preparati a prendere l’iniziativa. È interessante notare che la politica fiscale ha fatto esattamente questo quando ha colpito Corona. Ad esempio, nessuno ha aspettato prove dell’accuratezza di un ampio supporto aziendale.

Le questioni mediche possono, ovviamente, sembrare più tecniche che economiche, ma in linea di principio non si può mai essere lontani dalla necessità di fare considerazioni politiche quando si decide su importanti iniziative comunitarie. L’idea di un esperto onnisciente è un mito, anche se ovviamente fa comodo appoggiarsi – e anche assumere una funzione politico – psicologica. Ma in tempi di crisi, dobbiamo fidarci della leadership politica in quanto tale. Alla lunga, un esperto – in questo caso esemplificato dall’epidemiologo statale Anders Tegnell – non può assumere questo ruolo, tanto più che in realtà c’è sempre disaccordo tra gli esperti quanto più complesso è il problema. La pretesa di responsabilità diventa poco chiara anche nel caso dell’Assemblea degli esperti.

READ  Questi sono i finalisti di SvD Affärsbragd 2024

politica svedese Fa molto affidamento sulla routine e sulle istituzioni. In circostanze normali, è fondamentalmente buono. Ma in tempi di crisi, un leader forte come Winston Churchill o Volodymyr Zelensky può svolgere un ruolo cruciale nell’evitare il panico o il disfattismo. Il fatto che Magdalena Anderson, quando è entrata in carica, abbia spostato l’Ufficio per la gestione delle crisi al suo posto – nel Comitato del Primo Ministro più vicino al Primo Ministro – è ovviamente positivo e in linea con le raccomandazioni del Comitato.

Perché è ragionevole che il governo disponga di competenze proprie in grado di valutare le proposte degli esperti. Tuttavia, alla fine, non è possibile pianificare le caratteristiche desiderate nella modalità acuta. Una società che non produce leader forti in tempi normali può avere difficoltà a produrli in tempi eccezionali. Dipende principalmente dalle funzionalità che il sistema premia. Nemmeno la burocrazia più efficiente o eccellente del mondo può sostituire la necessità di istruzione, esperienza e giudizio delle principali potenze del Paese.