TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Svezia è diventata un paradiso per i ladri d'auto

Opinioni: Il sistema di registrazione dei veicoli aperto deve essere modificato

Questo è un articolo di discussione. È lo scrittore che rappresenta le opinioni espresse nel testo, non l'Aftonbladet.

Pubblicato il 05/11/2024 06.00

Nuovi dati mostrano che l’unico paese dell’UE con più furti di auto e pezzi di ricambio rispetto alla Svezia è l’Italia.  Il motivo è chiaro: è dovuto al nostro registro dei veicoli unico e aperto.  È ora di limitare la possibilità di utilizzare i dati del registro, scrive Anders Lidstedt.

discussione. L'Italia è il Paese dell'Unione Europea con il maggior numero di furti di auto e ricambi. Poi arriva la Svezia. In fondo alla lista di Eurostat c'è la Danimarca.

La chiara spiegazione della posizione imbarazzante della Svezia in questa lista poco attraente. Ciò è dovuto al registro dei veicoli aperto, che oggi comprende 11.000 account utente.

Il sistema svedese di immatricolazione aperta dei veicoli è quasi unico al mondo, e non in senso positivo.

Con poche semplici pressioni di pulsanti chiunque può ottenere informazioni sui dettagli di proprietà di un determinato veicolo, poiché attualmente si tratta di un documento pubblico.

Inoltre, le informazioni vengono vendute a vari enti commerciali che forniscono, attraverso servizi online, informazioni su dove trovare un particolare veicolo.

La nostra apertura diventa uno strumento efficace nelle mani di criminali che rubano interi veicoli o parti su misura. Non è raro che periodici e agenti siano ubicati in altri paesi.

Il furto d'auto non è solo una statistica. Uscire una mattina e vedere il proprio parcheggio vuoto è una sensazione molto fastidiosa. Come trovare lavoro? Andare a prendere e riportare i bambini? Saluta la nonna? Perché mi hanno rubato la macchina?

READ  I fratelli sono scomparsi - Con 30 miliardi di bitcoin

A questo si aggiungono tutti i problemi legati alle denunce, alle assicurazioni, al reperimento dell'auto sostitutiva e a tutti i costi. E poi non abbiamo nemmeno raggiunto il valore emotivo che abbiamo perso.

Il problema va risolto alla fonte, l'Agenzia svedese dei trasporti

I furti colpiscono sempre più spesso pezzi di ricambio costosi rispetto a prima.

Secondo la compagnia assicurativa If, nel decennio 2011-2020 l’aumento dei costi si è avvicinato al 50%.

Le auto rubate vengono utilizzate anche per rapine, sparatorie, trasporto di droga, nonché frodi e riciclaggio di denaro. I proprietari di automobili devono tirare fuori le carte di credito e mettere i pugni in tasca. Inoltre, viene utilizzato un registro automobilistico per trovare case in cui entrare.

Noi del Royal Automobile Club, KAK, sottolineiamo da tempo che un registro dei veicoli aperto rende la Svezia più vulnerabile ai furti d'auto. Il governo ha attirato l'attenzione sul problema e ha avviato un'inchiesta per rivedere i servizi di ricerca privati, cosa che ovviamente accogliamo con favore.

Ma il compito che ci aspetta sarà, nella migliore delle ipotesi, un colpo in aria, che sembra richiedere molto tempo per essere portato a termine. Il problema deve essere affrontato alla fonte Agenzia dei trasporti svedese.

Oltre all'Agenzia dei trasporti svedese che fornisce dati tramite SMS e vendita di dati, più di 11.000 attori hanno accesso diretto al registro dei veicoli e possono inserirli e apportare modifiche. Può trattarsi di qualsiasi cosa, dai comuni ad altre autorità e singole aziende.

Dovrebbero essere compiuti maggiori sforzi per limitare l’accesso alle informazioni proprietarie.

Per gli individui, le ricerche nei log dovrebbero essere possibili solo se chi effettua la ricerca si identifica, tutte le ricerche vengono registrate e il numero di ricerche giornaliere è limitato. Sarebbe opportuno anche che chi possiede un'auto fosse informato delle perquisizioni come avviene oggi quando redige un rapporto di credito.

READ  Le ambizioni della Cina si estendono oltre i confini di Taiwan

Comprendiamo che l'Agenzia svedese dei trasporti voglia essere un ente orientato ai servizi, ma quando si tratta di immatricolazione dei veicoli non c'è motivo di essere “la migliore della categoria”, il livello di ambizione dovrebbe essere abbassato al minimo stabilito dall'Agenzia svedese dei trasporti Agenzia dei trasporti. La legge richiede e forse dovrebbe anche rivedere la Legge sulla Pubblicità e la Riservatezza (OSL).

L'accesso diretto alle informazioni sui proprietari dovrebbe essere limitato a una cerchia ristretta come le compagnie di assicurazione, i creditori, le società di parcheggio e i concessionari di automobili. Dovrebbe essere condotta una revisione di chi ha accesso e gli attuali 11.000 utenti dovrebbero essere immediatamente ridotti. Tuttavia, i dati offline dei veicoli dovrebbero rimanere disponibili per facilitare il processo di ricerca di pezzi di ricambio, ecc.

È giunto il momento di limitare la possibilità che i dati del registro dei veicoli vengano utilizzati per scopi criminali e il problema deve essere affrontato alla fonte: l'Agenzia dei trasporti svedese.

Anders Lidstedt, Presidente del Consiglio di esperti del Royal Automobile Club, KAK

Partecipa alla discussione e commenta l'articolo, come Aftonbladet Debatt su Facebook.