TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La star delle lunghe distanze si sente inseguita: “Tanti che vogliono battermi”

Emil Pearson è diventato il miglior supereroe nei classici dello sci da corsa a lunga distanza. La scorsa stagione, ha rotto nove anni di dominio norvegese ed è diventato il primo uomo svedese a raggiungere il successo complessivo.

Questa stagione, ha iniziato vincendo la prima Sky Classics all’Orsa Cronclite, aprendo così la strada alla classifica generale in vista di questo fine settimana in Alto Adige, in Italia.

– Penso che ci siano molte persone che vogliono battermi. Dice che renderei loro la vita più miserabile di quanto non lo fossi in Orissa.

Ti senti braccato. Quanto ti importa di questo?

– Non è molto. Provo a concentrarmi su me stesso. Allora non sei aiutato nel gruppo e non puoi andare da nessuna parte. Stanno cercando di collaborare con il resto della squadra per sconfiggere anche me, il che mostra un po’ più di prima, dice.

Commissioni meno buone

Tuttavia, non esiste una tariffa ottimale per la persona. Il 26enne è a disagio e ha saltato molti allenamenti prima di sabato.

– Dopo alcuni giorni in quota sono diventato un po’ moccioso. Ci sono stati alcuni giorni senza allenamento e io ero senza esercizio. Non sembra ottimale, dice.

La gara di questo fine settimana inizierà a 62 km sabato e proseguirà a 32 km domenica. Ma a seconda di come si sente sabato, c’è il rischio che la Persona non venga mostrata domenica.

– Se sabato è troppo brutto, non c’è motivo di pericolo. Invece dice che posso allenarmi e concentrarmi sulla prossima gara.

Trasmissione SVT dalle partite di sabato e domenica. Guarda un programma TV durante la settimana Qui.

Archivio: Il giornalista SVT Johann Cookslan incontra Emil Person prima della stagione (11 novembre)

READ  A Milano bruciano grattacieli

Devi abilitare Javascript per riprodurre il video

SVT non supporta la riproduzione nel tuo browser. Consigliamo quindi di passare a un altro browser.

Stella d’inverno: Emil Person