TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La star del tennis accusa il leader del partito di violenza sessuale

Lo prendiamo molto sul serio e andremo fino in fondo. Questa è spesso la reazione quando persone in posizioni elevate sono accusate di abusi sessuali o altri crimini.

Ma in Cina, quando un politico della più alta élite del Partito Comunista viene accusato di violenza sessuale, la risposta è diversa: copertura e censura.

La star del tennis cinese Peng Shuai, che ha postato sul sito di social media Weibo, ha pubblicato un lungo post martedì, descrivendo come Zhang Gaoli, l’ex vice primo ministro, l’abbia violentata.

– Ero così spaventato quel pomeriggio. Non ho mai dato il consenso, ho pianto tutto il tempo, scrive Ping del giorno in cui si diceva che l’ex alto nome del Partito Comunista si fosse imposto su di lei.

L’ex vicepremier Zhang Gaoli è accusato di aver aggredito sessualmente la star del tennis Peng Shuai.

Foto: Wang Chao/AFP

ha sollevato la sua accusa Grande interesse. Peng Shuai, 35 anni, è una delle atlete più popolari in Cina. Ha una lunga carriera di successo nel tennis e ha vinto, tra gli altri, i campionati di Wimbledon e gli Open di Francia di doppio.

Che ora abbia osato accusare il 75enne Zhang Gaoli, che ha ricoperto posizioni di rilievo nel Partito Comunista, è notevole e arriva in un momento delicato. Lunedì inizia l’incontro politico più importante dell’anno in Cina, la sesta sessione plenaria, con la partecipazione dell’intera élite del partito.

Poi la direzione suprema del partito, il Comitato Centrale, racconterà i loro successi e sul partito non cadrà ombra.

Pertanto, non era sorprendente che i censori si fossero ritirati e avessero dato una marcia in più quando è esplosa la storia di Peng Shua. Presto il post è scomparso, così come il suo account sui social media.

Ma gli screenshot delle sue pubblicazioni hanno continuato a circolare su Internet poiché l’interesse per la storia era grande. Nel gioco del gatto e del topo, i censori hanno faticato a cancellare i post sulle accuse, mentre gli utenti hanno provato in vari modi fantasiosi di superare in astuzia la censura usando parole in codice come #tennis o #melon (gergo per dramma).

Nel suo messaggio dice Peng ha detto di aver incontrato Zhang per la prima volta quando era una base del partito nella città costiera di Tianjin dal 2007 al 2012. Si dice che i due abbiano avuto una relazione intermittente fino a quando non è stato nominato vice primo ministro nel 2013 ed è diventato anche membro del potente Politburo del Partito Comunista. Poi Zhang si è disconnesso.

Ma dopo che si sono ritirati nel 2018, Zhang e sua moglie hanno chiamato Bing e l’hanno invitata a giocare a tennis. In questa occasione l’abuso deve essersi verificato.

Dove si trova Bing ora non è chiaro, ma il suo post mostra che è consapevole di correre un rischio.

“So che hai detto che non hai paura della tua posizione, Vice Premier Zhang Gaoli. Ma anche se fossi solo io, come un uovo lanciato su una roccia, o una farfalla attratta da una fiamma e che invoca l’autodistruzione, io dirò la verità su di te».

Il movimento Metoo ha guadagnato una certa trazione in Cina negli ultimi tempi, nonostante il fatto che coloro che fanno le accuse siano spesso costretti al silenzio e raramente vincano in tribunale. Giornalisti, accademici e dipendenti del governo sono stati accusati di molestie sessuali. Ma nessuno nel Partito Comunista come Zhang è stato accusato.

All’inizio di quest’anno, si è svolto un processo di alto profilo contro un popolare conduttore televisivo in Cina accusato di violenza sessuale. Zhou Xiaoxuan che ha accusato il conduttore televisivo Ha perso la causa per mancanza di “prove sufficienti”. “Spero che sia al sicuro”, scrive ora Zhou Xiaoxuan a sostegno della star del tennis Peng.

Peng sostiene anche Lü Pin, un’attivista femminista cinese che si è trasferita negli Stati Uniti. Su Twitter, Lü Pin avverte le persone di escludere Peng perché il suo post è un po’ disordinato.

Sento umiliazione e rabbia nel suo cuore, scrive Lü Pin.

Per saperne di più:

La Cina cerca di mettere a tacere metoo code: ‘Perché vogliono schiacciarmi’

READ  Escalation tra gli Stati Uniti e le milizie sostenute dall'Iran in Iraq