TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La scelta fatale in Venezuela: la democrazia ha una possibilità?

La scelta fatale in Venezuela: la democrazia ha una possibilità?

Nell’arco di 25 anni, il Venezuela è passato da un paese relativamente stabile a uno dei paesi più autoritari e repressivi del mondo. Domenica 28 luglio si terranno le elezioni presidenziali e per la prima volta dopo molto tempo l'opposizione è unita dietro il candidato Edmundo González, che è anche riuscito a registrare la sua candidatura. Ma quali sono le prospettive per la democrazia e cosa possiamo aspettarci dalle elezioni? L'organizzazione per i diritti umani Civil Rights Defenders è disponibile per un'intervista.

La crisi sociale, politica ed economica del Paese è grave e l'insoddisfazione nei confronti del regime è grande. In un’elezione libera e democratica, l’opposizione vincerebbe con un ampio margine, afferma Eric Jenisch, capo della divisione dell’America Latina dei Difensori dei Diritti Civili.

Nicolas Maduro, che governa il paese dalla morte di Chavez nel 2013, non rinuncerà al potere volontariamente. Controlla la commissione elettorale, la polizia, l'esercito e il resto della burocrazia statale, quindi le condizioni per un cambio pacifico del potere sono scarse, dice Eric Jenisch, capo della divisione America Latina dei Difensori dei Diritti Civili.

L'opposizione ha chiesto protezione all'ambasciata

La situazione dei diritti umani in Venezuela è peggiore ora di quanto non lo sia stata da molto tempo. Nel periodo precedente alle elezioni si sono intensificati gli attacchi contro l’opposizione politica e la società civile. Molte delle figure più importanti dell’opposizione fuggirono nell’ambasciata argentina e diversi importanti difensori dei diritti umani furono imprigionati e torturati. Da due anni la Corte penale internazionale sta indagando se la repressione del governo di Nicolás Maduro costituisca un crimine contro l'umanità.

READ  Boris Johnson: "Ci sarà bisogno di alloggi equivalenti a una nuova città"

– Il governo è preoccupato e non sa come affrontare la situazione. Anche se mancano solo tre settimane alle elezioni, non è improbabile che il governo cerchi di trovare un modo per rinviare le elezioni, impedire all’opposizione di fare campagna elettorale, impedire a Edmundo Gonzalez di candidarsi o imbrogliare il conteggio dei voti.

comunicazione

Civil Rights Defenders opera in America Latina da molti anni, con un ufficio locale a Bogotá, in Colombia. Il nostro esperto di America Latina, Eric Jenisch, può commentare le elezioni.

Guarda Eric Jenisch a SVT qui: Quattro rischi nelle elezioni venezuelane.

E-mail: [email protected]
Tel: +46 (0)76 576 27 62