TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Repubblica dell’Iran assomiglia a una monarchia dittatoriale – corriere

Il nuovo presidente dell’Iran per alcuni giorni è stato Ibrahim Raisi, che in realtà non era presidente. Il leader supremo ai vertici dello stato iraniano, finora è Ali Khamenei.

È più presidente che nome. Ma vedere il capo supremo come una specie di re o imperatore. È rimasto seduto per il resto della sua vita e non è stato eletto da nessun elettore. In caso di posto vacante dopo la morte, un nuovo Leader Supremo è nominato dal Consiglio degli Esperti, che è nominato dall’elettorato sulla carta. Ma avviene nelle elezioni dove tutti i candidati sono approvati dal Consiglio dei Guardiani, che è nominato dal Presidente Supremo.

Si chiama repubblica, ma nella costituzione dell’Iran queste parole dovrebbero oscurare la realtà. La dittatura in Iran è come un potere imperiale, ma non un potere ereditario, ma una monarchia. Un piccolo comitato di governo e di auto-rinnovamento nomina al proprio interno un leader.

Ali Khamenei è sul trono dal 1989 all’età di 82 anni. Probabilmente non ci si può aspettare un cambio di trono in così tanti anni. Come nuovo presidente, Ibrahim Raisi potrebbe iniziare a essere promosso a vero re all’interno del piccolo cerchio anteriore.

Attraverso quella posizione, domina la maggioranza degli organi centrali del potere. Ciò include le guardie rivoluzionarie, tra le altre, che controllano un certo numero di organizzazioni e dirigono la guerra dell’Iran attraverso agenti in Libano, Siria e Yemen. I militanti politici, le lotte, i tribunali ei media controllati dallo stato sono sotto il capo supremo, non sotto il presidente, il governo o il parlamento.

Lo stato del gruppo sembra essere complesso. Sulla carta, molte agenzie governative possono sembrare bilanciarsi a vicenda. Ma la verità è che il movimento politico antidemocratico ha progettato questo sistema per mantenere il suo monopolio sul potere statale. Le elezioni presidenziali e parlamentari sono regolari ma non gratuite. Devono dare al regime il volto della democrazia, non portare a un cambio di regime. Coloro che hanno veramente il controllo possono davvero rifiutare tutti i candidati dell’opposizione.

READ  Il nuovo bellissimo film d'avventura della Pixar è ora disponibile per lo streaming

Appartiene anche al mito dell’organo di governo che la Costituzione sia uno stato teologicamente determinato e il suo contenuto sia determinato dall’Islam. Ma anche nella direzione degli sciiti islamici in Iran, non c’è un sostegno generale alla religione che suggerisca l’attuale regime in Iran. Velayat Faqih La cosiddetta organizzazione è un’ideologia di dittatura politica molto tarda che è stata introdotta nel 1979 dal fondatore del regime Ruholla Khomeini.

La politica del fascismo europeo e italiano all’inizio del XX secolo ha individuato questo scopo a partire dal XIX secolo. C’è il suffragio universale e il parlamento. Ma si può confrontare come i gruppi burocratici, militari e di proprietà terriera che dominavano l’imperatore Germania neutralizzassero gli elementi democratici. La maggior parte del potere era sistematicamente diviso tra l’imperatore e gli stati non democratici.

Il governo dell’Iran iniziò in modo rivoluzionario e il sistema era completamente dittatoriale. Il Consiglio degli Esperti sulla Costituzione dell’Iran ha una certa somiglianza con il Gran Consiglio del Fascismo di Mussolini in Italia.

Ma la cosa principale è che la divisione del potere è trasparente. La Repubblica dell’Iran assomiglia spesso a una monarchia dittatoriale.