TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La moda italiana chiede 3 miliardi di euro al governo

Milano – L’industria della moda italiana non è altro.

Questo è un messaggio importante Carlo Cabasa, Lo ha detto questa settimana al Senato italiano a Roma Della Mota, il capo della telecamera del paese.

Altro da WWD

“L’industria della moda richiede misure specifiche e mirate che non sono applicabili altrove, in termini di struttura della pipeline, dal più piccolo artigiano ai più grandi marchi affermati, pochissimi nel mezzo”, ha detto Kabasa a WWD, spiegando le motivazioni alla base il suo viaggio nella capitale italiana.

A Roma ha parlato delle opportunità del settore all’interno del Piano nazionale di ripresa e recessione durante i colloqui tra la Camera di Commercio di Kabasa e la Commissione Affari e Bilancio Europeo del Senato. In questo caso, ha calcolato l’importo necessario per riavviare l’industria della moda, gravemente colpita Corona virus Impatto.

Secondo Kabasa e Camera, nell’ambito di un “intervento immediato” a sostegno di tutte le piccole e medie imprese italiane, molte contano meno di 15 dipendenti, fino a 3 miliardi. L’investimento, ha detto, “deve far ripartire un settore chiave dell’economia italiana”.

Sebbene un importo significativo, 3 3 miliardi è paragonabile agli 8 8 miliardi richiesti dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura; 20 miliardi di euro dai trasporti e 30 miliardi di euro dalle società energetiche.

Le domande poste a Kabasa dai membri del Senato sono state “molto interessanti” e si è rallegrato di come è stato ottenuto a causa del “forte interesse” mostrato per l’azione immediata da lui proposta a nome della telecamera del gasdotto.

“Miriamo a dare il meglio di moda per affrontare le sfide future e la situazione post-Covit-19”, ha detto Kabasa.

Ha chiamato il documento fornito al governo “documenti di stato” e ha tracciato le linee guida chiave. La prossima settimana verrà emesso un documento specifico che descrive i singoli investimenti per ogni progetto. “Costruire e migliorare i distretti del Made in Italy sarà sempre più importante, preservarne le conoscenze e modernizzarli”, ha osservato.

READ  In un'epoca di poca connessione emotiva, gli stilisti italiani raddoppiano il piacere tangibile alla settimana della moda milanese

Kabasa ha avuto il tempo di sottolineare la somiglianza della fotocamera della Mota e il coinvolgimento attivo di imprenditori e marchi.

“In questo momento, siamo tutti molto coesi insieme. Abbiamo tutti bisogno di andare avanti insieme, creare un sistema, pensare al futuro per noi stessi, un percorso di scultura per il pianeta e le giovani generazioni, e dare loro speranza”.

Infatti, annunciato la scorsa settimana Impressionante team di leader Incontrato per discutere le sfide e le opportunità che l’industria deve affrontare e come le grandi aziende siano fortemente colpite dall’epidemia di piccole e medie imprese.

Il nuovo governo del Primo Ministro Mario Draghi sta aprendo la strada alla ripresa del settore in quanto apre la strada alla ripresa dell’economia del Paese con un totale di oltre 200-200 miliardi di fondi di recupero Covit-19 dell’Unione Europea.

All’incontro parteciperanno rappresentanti del team strategico di Camera della Mota – Patricio Bertelli, Amministratore delegato Prada குழு; Guildo Jegna, Cio Ermenigildo Jegna Presidente e Renzo Rosso, Presidente OTB, Incontra Carlo Bonomie, presidente di Confindustria, associazione di 64.300 aziende del settore moda. Altri membri dell’associazione esistente includevano Barbara Beltram Giacomolo, vice presidente per l’internazionalizzazione; Alberto Marengi, Vice Presidente, Organizzazione, Sviluppo e Marketing; Il Direttore Generale Francesca Mariotti e il Presidente di Confindustria Mota Cyrilo Marcolin. Presenti anche Marino Vago, Presidente di Sistema Mota Italia e Claudio Marenci, Presidente di Herno ed ex capo di Confindustria Mota.

Il Gruppo Strategico ei marchi che rappresenta stanno lavorando con Confindustria per documentare l’importanza di collaborare su proposte e azioni da intraprendere per aiutare lo sviluppo del settore all’indomani di un’epidemia.

READ  Il marchio di salsa di pasta acquistato in negozio preferito di Ina Garden vende cena italiana surgelata a Costco

Come annunciato, Kapasa ha detto la scorsa settimana l’associazione di moda ha pianificato di presentare un piano al governo italiano Richiedi azioni e strategie specifiche per assistere il settore nell’ambito del COVID-19 Recovery Fund.

“La moda italiana è una delle industrie più colpite dall’epidemia, con vendite in calo del 26% a 75 75 miliardi”, ha detto Kabasa. Ha classificato qualsiasi intervento come un investimento che consentirebbe all’industria di “essere ancora una volta una forza da non sottovalutare nell’economia e nell’immagine globale dell’Italia”.

Ha sottolineato che la moda è la seconda industria italiana, con un fatturato di quasi 100 miliardi entro il 2019. Quell’anno le esportazioni furono 71,5 miliardi di euro. Per un totale di 1,1 milioni di individui, “l’industria della moda sta reimpiegando 550.000 persone nella manifattura italiana, garantendo occupazione nel commercio e nei servizi”. La moda italiana rappresenta il 41% del settore in Europa: qual è l’industria automobilistica per la Germania.

Per quanto riguarda il fondo per il recupero, Kapasa ha promesso che “Camera Nacional della Mota Italia realizzerà piani globali su sostenibilità ambientale e sociale, digitalizzazione, internazionalizzazione e formazione per garantire un futuro speciale e competitivo nel mercato globale per le nuove generazioni”.

In ogni pilastro alcune sezioni si intrecciano perché l’impatto ambientale va di pari passo con la diversità e il contenuto sotto l’egida della sostenibilità.

Crede inoltre nell’accelerare gli investimenti in ricerca, innovazione e sviluppo, introducendo misure specifiche come la previdenza sociale e gli sgravi fiscali, finanziando campagne di marketing made in Italy e incrementando i fondi già stanziati.