TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aviva venderà le attività italiane e ripagherà 800 milioni di dollari di debiti

Aviva dovrà vendere le sue rimanenti attività italiane e ripagare un debito di 800 milioni di dollari mentre il gruppo assicurativo più ampio intensifica i suoi sforzi per razionalizzare le sue operazioni e rafforzare le sue riserve.

La notizia è arrivata giovedì quando l’assicuratore ha annunciato i risultati per l’intero anno. Aviva ha registrato un utile netto di $ 9 2,9 miliardi nel 2020, rispetto ai $ 2,7 miliardi dell’anno precedente. Il settore del risparmio e delle pensioni ha registrato un anno record con forti vendite di annuali all’ingrosso, in cui la società ha sottoscritto una parte dei prestiti del piano pensionistico aziendale.

Questi sono i primi risultati annuali presentati dal CEO Amanda Blanc, che è in cima alla lista lo scorso luglio e da allora ha annunciato una serie di uscite incentrate sull’azienda nei mercati chiave di Regno Unito, Irlanda e Canada.

Il mese scorso Aviva ha accettato di vendere la sua attività francese al gruppo Aéma per 2 3,2 miliardi. A novembre, la compagnia di assicurazioni sulla vita italiana Aviva ha annunciato la vendita di una partecipazione in Vita.

La compagnia con sede a Londra ora afferma di caricare il resto delle sue operazioni italiane con $ 873 milioni in contanti, vendendo la sua attività di assicurazione sulla vita a CNP Assurance e la sua attività di assicurazione generale ad Alliance. Nel complesso, Aviva guadagnerà 3,3 miliardi di dollari dalla sua uscita dall’Italia.

“Aviva è finanziariamente forte e saremo in grado di raccogliere capitali sostanziali per i nostri azionisti dopo il completamento di importanti rimozioni”, ha detto Blanc giovedì.

Il coefficiente di solvibilità II dell’assicuratore – la misura del suo capitale in proporzione ai suoi requisiti normativi – è del 202% entro il 2020, in linea con la stima di consenso compilata da una società.

READ  "Sarà una prova di come si trova in Svezia".

Dopo l’annuncio della società di una nuova politica dei dividendi a novembre, gli investitori erano affamati di ulteriori rendimenti di capitale, che promettevano di fornire quasi un terzo in meno rispetto a prima della crisi del Govt-19.

Aviva ha dichiarato in precedenza che rimborserà il capitale aggiuntivo quando il suo coefficiente di solvibilità II supera il 180 percento, se i suoi obiettivi di rafforzamento del proprio bilancio saranno raggiunti.

Il suo tasso di cambio – la principale misura del debito – era del 31% entro il 2020 e l’obiettivo dell’amministrazione era inferiore al 30%. L’offerta pubblica di prestito annunciata giovedì contribuirà a ridurre il suo debito complessivo a $ 1,7 miliardi nella prima metà del 2021.