TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La mobilitazione di Putin: sensibile perché l’Unione europea accetti i rifiutatori della guerra

Quando mercoledì il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che il Paese aveva iniziato una “mobilitazione parziale” e richiamato 300.000 uomini dalle riserve del Paese, molte persone hanno iniziato a prenotare i biglietti di uscita dal Paese.

Non ci sono più voli diretti tra la Russia e l’Unione Europea, ma puoi volare in Turchia. Il prezzo di un biglietto aereo per Istanbul è rapidamente salito a circa 13.000 corone svedesi, secondo diversi rapporti.

Molti uomini russi hanno tra i 18 ei 60 anni Sai che c’è il pericolo che presto non sarà loro permesso di lasciare il paese.


Foto: Oliver Morin/AFP

Alcuni sperano di ottenere l’asilo nell’Unione Europea, ma poi devono prima mettere piede sul territorio dell’altro Paese.

Questo è più facile a dirsi che a farsi.

Dalla direttiva sulla protezione di base dell’UE, sembra che le persone che rischiano di essere perseguite o punite per essersi rifiutate di prestare il servizio militare in guerre contrarie al diritto internazionale possano avere diritto all’asilo. Ma la domanda è se possono arrivare qui. Non è così facile senza voli diretti verso l’UE e resta da vedere come le regole sui visti per i cittadini russi vengano applicate nei paesi dell’UE, afferma Bernd Baroussell, che ricerca la politica migratoria dell’UE presso il think tank Sieps.

I paesi dell’Unione Europea hanno recentemente deciso di rendere più costoso e complicato per i russi richiedere visti turistici.

Finora, non si tratta Alcuni lockdown totali, come quello introdotto dalla Polonia e dagli Stati baltici. Ma ora vengono sollevate richieste anche per una cosa del genere, ad esempio in Finlandia.

Il problema è che allora non solo smetterà di farsi i selfie, i ricchi russi legati al regime – ma anche i rifiutatori di guerra che non vogliono partecipare alla famigerata guerra di aggressione di Putin e che ora rischiano lunghe pene detentive per questo . .

Il problema è che allora non solo smetterà di farsi i selfie, i ricchi russi legati al regime – ma anche i rifiutatori di guerra che non vogliono partecipare alla famigerata guerra di aggressione di Putin e che ora rischiano lunghe pene detentive per questo . .

L’ex ambasciatore francese alle Nazioni Unite, Gerard Araud, è uno di coloro che ritengono importante mantenere una strada aperta verso l’Unione europea.

Gérard Araud ha scritto su Twitter: “Aiutare le persone che cercano di sfuggire al servizio militare obbligatorio sarebbe una buona decisione, sia umanitaria che militare”.

Gerardo Freccia.  Foto d'archivio

Foto: Andrew Harnik/AP

La Corte di giustizia europea si è pronunciata nel 2020 Che un uomo fuggito dal servizio militare in Siria abbia diritto all’asilo in Germania perché altrimenti sarebbe stato costretto a scegliere tra la partecipazione a crimini di guerra e una lunga pena detentiva.

La corte ha affermato che il suo mancato inizio del servizio militare e la sua incapacità di presentare una richiesta formale di esenzione da esso non erano un ostacolo in questo caso.

Potrebbe anche aprire una strada verso l’Unione Europea per i rifiutatori di guerra russi.

Ma è una questione politicamente delicata.

Forse molti europei possono almeno includere un certo numero di altri gruppi che ritengono abbiano un disperato bisogno di assistenza. Ucraini civili, per esempio.

È probabile che molti europei lo faranno Almeno essere in grado di elencare un certo numero di altri gruppi che pensano abbiano un disperato bisogno di aiuto. Ucraini civili, per esempio.

Inoltre, c’è il pericolo che spie e criminali di guerra si nascondano tra i russi in cerca di asilo. Questo dovrebbe ovviamente essere studiato, ma richiede molto tempo e risorse.

Pertanto, la soluzione più semplice, che l’Unione europea ha utilizzato molte volte in precedenza, è interrompere il rilascio dei visti e quindi pattugliare attentamente i confini con la Russia e altri paesi nelle vicinanze.

Ad esempio, non è affatto impossibile per i dispersi della guerra russi essere al sicuro in Turchia. Ma rischia di portare al traffico di rifugiati, sul quale non c’è controllo.

E qui c’è un obbligo morale, ma ci sono anche potenziali guadagni politici per l’Occidente.

Durante la guerra del Vietnam, la Svezia ha dato Centinaia di rifiutatori di guerra americani si sono rifugiati. All’epoca era controverso e portò a un temporaneo deterioramento delle relazioni con gli Stati Uniti. Ma ha anche dato più peso alle critiche della Svezia sulla guerra.

Se molti fuggono dal servizio militare in Russia, ciò potrebbe minare la narrativa del regime di Putin secondo cui la guerra ha un forte sostegno in patria.

Foto: Laghetto del Cremlino/Shutterstock

Se molti ora abbandonano il servizio militare in Russia, potrebbe minare la narrativa del regime di Putin secondo cui la guerra ha un forte sostegno in patria. La guerra sembrerebbe una lotta tra due visioni di una buona società – democrazia o dittatura – e meno una guerra tra due stati.

Invece, la chiusura delle frontiere rischia di suscitare uno sciovinismo patriottico che presume che la lealtà al proprio paese abbia la meglio su tutto il resto. Il moderno sistema di passaporti e visti è nato durante un periodo in cui questi venti nazionalisti hanno spazzato il continente: la prima guerra mondiale.

Non è necessariamente il momento in cui molte persone sognano di tornarci.

READ  I nuotatori si sono persi nudi - hanno ricevuto pesanti multe