TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La mania nel disturbo bipolare provoca cambiamenti nel cervello

Lo studio, condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet e dell’Università di Göteborg, vede anche un legame tra il disturbo bipolare e l’espansione più rapida della cavità cerebrale.

La sindrome bipolare è una malattia mentale caratterizzata da episodi ricorrenti di mania e depressione. Precedenti studi di imaging cerebrale hanno trovato differenze strutturali in aree specifiche del cervello in pazienti con disturbo bipolare rispetto a individui sani, inclusa la sottile corteccia cerebrale. La corteccia cerebrale, lo strato più esterno del cervello, si restringe naturalmente con l’età, ma è stato osservato un assottigliamento accelerato in varie malattie del cervello.

Il trattamento è importante per ridurre le ricadute della mania

I ricercatori hanno trovato un legame tra il numero di episodi maniacali e il grado di alterazioni corticali: più episodi maniacali avevano i pazienti, più sottile era la corteccia cerebrale tra un esame e l’altro. I pazienti senza convulsioni non hanno mostrato cambiamenti – e in alcuni casi aumenti – nello spessore della corteccia cerebrale. I cambiamenti nelle persone che hanno sperimentato episodi di mania sono stati più pronunciati nel lobo frontale del cervello, la corteccia prefrontale, che è importante per molte funzioni cognitive come la regolazione delle emozioni, la pianificazione, il processo decisionale e il controllo degli impulsi.

Il fatto che l’assottigliamento della corteccia cerebrale nei pazienti sia stato associato a episodi maniacali conferma l’importanza della terapia stabilizzante dell’umore per prevenire le ricadute maniacali, che è un’informazione importante per gli psichiatri. Per i ricercatori, i risultati significano che è importante cercare informazioni sui meccanismi che portano ai cambiamenti cerebrali nel disturbo bipolare. Questa conoscenza potrebbe portare a nuove alternative di trattamento, afferma Michael Landin, professore presso il Dipartimento di Neuroscienze e Fisiologia dell’Università di Göteborg e il Dipartimento di Epidemiologia medica e Biostatistica, Karolinska Institutet.

READ  Nuovo studio: le cattive condizioni aumentano il rischio di morte per virus Covid-19

Le maggiori differenze nei cambiamenti nel tempo tra individui sani e pazienti bipolari sono state riscontrate in tre regioni del cervello: i ventricoli – cavità con liquido cerebrospinale che sono importanti per proteggere il cervello – e due regioni associate al riconoscimento e alla memoria: la regione fusiforme e il paraippocampo corteccia. Mentre i ventricoli si ingrandiscono più rapidamente nei pazienti con disturbo bipolare rispetto al gruppo di controllo, in media i pazienti hanno mostrato un assottigliamento più lento nella regione fusiforme della corteccia cerebrale e della corteccia paraippocampale.

I sintomi della malattia neurodegenerativa

La dilatazione ventricolare e l’associazione tra assottigliamento corticale e recidive maniacali suggeriscono che il disturbo bipolare possa essere una malattia neurodegenerativa progressiva, il che potrebbe spiegare perché alcune persone con disturbo bipolare peggiorano nel corso della malattia. È importante stabilire le ragioni esatte per cui ciò si verifica in modo da poter ridurre al minimo gli effetti dannosi delle ricadute della mania, afferma l’autore corrispondente Christoph Abbe, ricercatore presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche del Karolinska Institutet.

Tuttavia, i ricercatori osservano che il rilevamento più lento dell’assottigliamento corticale in alcune aree nei pazienti con disturbo bipolare può essere dovuto ai cosiddetti effetti pavimento; I pazienti con disturbo bipolare hanno, in media, una corteccia cerebrale leggermente più sottile rispetto agli individui sani fin dall’inizio. Un’altra possibile spiegazione per i risultati sono gli effetti positivi della terapia farmacologica, come gli effetti protettivi del litio. Ciò significa che i cambiamenti osservati non riflettono necessariamente i cambiamenti che si verificherebbero nel disturbo bipolare non trattato.

Ampia collaborazione nel trattamento del disturbo bipolare

La maggior parte dei precedenti studi di imaging cerebrale nel disturbo bipolare erano piccoli studi trasversali che hanno preso solo un’istantanea. Pertanto, mancano studi importanti che hanno esaminato come la struttura del cervello cambia nel tempo.

READ  Solo un sottotipo di cellule adipose risponde all'insulina |

In questo studio, i ricercatori hanno colmato queste carenze raccogliendo frequenti scansioni di risonanza magnetica (MRI) del cervello da 14 centri di ricerca di diversi paesi. Lo studio ha coinvolto 1.232 persone, inclusi 307 pazienti con disturbo bipolare e 925 individui sani, che sono stati esaminati mediante risonanza magnetica in due occasioni a intervalli fino a nove anni.

Lo studio ha incluso un ampio team di ricerca internazionale di oltre 70 ricercatori che hanno collaborato nell’ambito del cosiddetto ENIGMA Bipolar Disorder Working Group.

Pubblicazione scientifica:

Cambiamenti strutturali longitudinali del cervello nel disturbo bipolare: uno studio di neuroimaging multicentrico su 1232 individui dell’ENIGMA Bipolar Disorder Working Group.Christoph Abe, Michael Landin et al. Psichiatria Biologica

Chiamata:

Christoph Abe, Ricercatore, Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet, [email protected]

Mikael Landen, Professore, Dipartimento di Neuroscienze e Fisiologia, Università di Göteborg, e Dipartimento di Epidemiologia Medica e Biostatistica, Karolinska Institutet, [email protected]