TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Lituania accusa la Bielorussia di usare i migranti come armi

L’anno scorso, a metà giugno, 74 migranti avevano attraversato il confine dalla Bielorussia alla Lituania, secondo il governo del paese. Finora, il loro numero è 387. La Lituania indica il regime in Bielorussia come direttamente responsabile dell’aumento.

Alexander Lukashenko si è rivolto al parlamento a Minsk alla fine di maggio, tre giorni dopo che il Paese è stato costretto a far atterrare un aereo Ryanair e ha arrestato il giornalista e attivista Raman Pratasevic e la sua fidanzata Sofia Sabiga. Nel discorso, Lukashenko ha risposto alle critiche dell’Occidente e alle nuove sanzioni contro la Bielorussia. Ha chiarito ai parlamentari che intendevano, come contromisura, allentare i controlli alle frontiere.

“Abbiamo fermato la droga e gli immigrati – ora puoi prenderli da solo”, ha detto Lukashenko.

– Il presidente lituano Gitanas Nauseda ha detto a Dagens Nyheter quello che ha detto allora che lo sta attuando ora.

Foto: Beatrice Lundborg

Nauseda è in visita ufficiale in Svezia, la prima da quando ha assunto l’incarico di presidente nel 2019.

– Non ci sono ancora grandi numeri, ma ovviamente siamo preoccupati per la direzione che stiamo vedendo e intendiamo prendere tutte le misure possibili per fermarlo, dice del nuovo flusso di immigrazione.

Gli immigrati provengono dall’Iraq e dalla Siria, tra gli altri paesi.

Perché pensi che dietro tutto ciò ci sia il regime bielorusso?

Non possiamo escludere uno scenario del genere. Alcuni migranti ci spiegano che sono stati istruiti su cosa fare esattamente e dove attraversare il confine da persone che sono sotto sorveglianza molto seria, dice Gitana Nosida.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis accusa in un’intervista a Financial Times Ufficio del turismo bielorusso perché organizza viaggi in cui rifugiati e migranti si recano prima a Minsk e poi vengono portati al confine con la Lituania. Dice di aver usato gli immigrati come armi. Landsbergis afferma che 1.000 iracheni e siriani sono attualmente nella capitale bielorussa. Quanti di questi hanno reali esigenze di protezione e il diritto di asilo non è chiaro.

Il problema è che stiamo ancora lavorando per migliorare il controllo su parti dei nostri confini. Speriamo che tutto sarà pronto entro il 2022, afferma Gitanas Nosida.

Migranti in arrivo in Lituania È registrato e trasferito a una residenza privata in attesa di una decisione.

– Ma sono liberi di muoversi e pochi di loro si spostano dalla Lituania ad altri paesi europei, afferma il presidente Noseda.

La Lituania divenne il centro dell’opposizione politica a Lukashenko. Il leader dell’opposizione Svyatlana Tsichanouskaja viene dalla capitale, Vilnius. Migliaia di bielorussi sono fuggiti qui, così come in Polonia, dalle elezioni dell’agosto 2020. Le proteste popolari che ne sono seguite sono state brutalmente represse dal regime.

immagine 1 da 2
Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

Foto: Pavel Orlovsky

immagine 2 da 2
Svyatlana Tsichanouskaja durante la campagna pre-elettorale in Bielorussia il 9 agosto dello scorso anno. Poco dopo fu costretta a fuggire in Lituania. Suo marito, Siarhei Tsewski, è in carcere da maggio 2020.

Foto: Serge Frits


Le relazioni tra Bielorussia e Lituania si sono notevolmente deteriorate dopo le elezioni.

La situazione sta peggiorando ulteriormente. Quindi non parlo solo dell’aereo dirottato, ma anche della persecuzione della società civile; Arresto di giornalisti e leader dell’opposizione, torture nelle carceri e attacchi ai media liberi. Noseda dice che è impossibile vivere una vita normale per l’opposizione ei civili.

La Lituania è uno dei paesi dell’Unione europea che sta spingendo per un aumento delle sanzioni contro la Bielorussia. Sulla scia dell’incidente Ryanair, quando un volo tra Atene e Vilnius è stato costretto ad atterrare a Minsk, i paesi dell’Unione Europea hanno deciso di vietare allo stato di Belavia di gestire gli aeroporti dell’unione. A breve sono attese ulteriori sanzioni contro individui e aziende associate al regime.

Le sanzioni sono davvero uno strumento efficace?

– Ci sono due tipi di sanzioni. Il divieto dei voli bielorussi, così come il divieto delle compagnie aeree europee dallo spazio aereo bielorusso, sono misure davvero efficaci contro il regime. Belavia e altre società statali generano valuta forte.

– Per quanto riguarda la seconda serie di sanzioni, la Commissione Europea le sta sviluppando. La commissione deve quindi rispettare che colpirà contro il sistema, ma non contro la gente comune e l’opposizione. Il presidente ammette che non è facile.

Il 23 maggio, un volo Ryanair da Atene a Vilnius è stato costretto ad atterrare a Minsk, citando una minaccia di bomba.  Il giornalista e attivista Raman Pratasevic e la sua fidanzata Sofia Sabiga sono stati arrestati.

Il 23 maggio, un volo Ryanair da Atene a Vilnius è stato costretto ad atterrare a Minsk, citando una minaccia di bomba. Il giornalista e attivista Raman Pratasevic e la sua fidanzata Sofia Sabiga sono stati arrestati.

Foto: AFP

Presidente Nausedas Il suo collega in Lettonia, Eagles Levits, ha detto al recente vertice della NATO che la pensa così La Russia usa la crisi in Bielorussia per cercare di rovesciare Lukashenko.

Gitanas Nauseda ha idee simili.

È un modo per la Russia di porre fine al processo iniziato 20 anni fa, per rendere la Bielorussia parte della Russia. Ora vedi lo slancio. I pochi elementi di indipendenza che esistono stanno per scomparire. Dice che Lukashenko è ora completamente dipendente dal sostegno russo.

La pressione occidentale su Lukashenko potrebbe aver spinto la Bielorussia più vicino alla Russia. Nauseda ne è consapevole.

– Ma non possiamo affrontare un dittatore sacrificando i nostri principi e valori. La nostra visione è che la Bielorussia diventi un paese libero e democratico e quindi avremo normali relazioni economiche, sociali e culturali.

Parallelamente alle nuove sanzioni, la Commissione Europea ha sviluppato ottimo pacchetto di supporto Vale circa 30 miliardi di corone svedesi in prestiti e sovvenzioni alla Bielorussia. Dovrebbe essere pronto il giorno in cui la Bielorussia diventerà una democrazia.

Foto: Beatrice Lundborg

Oltre alla Russia, c’è la Cina Sta diventando una minaccia crescente, come chiarito nelle dichiarazioni della NATO e di altri paesi Riunione del gruppo G7 di recente. La Lituania appartiene a 17 paesi europei che dal 2012 hanno collaborato con la Cina nel progetto infrastrutturale della Nuova Via della Seta (nell’iniziativa inglese Belt and Road). La collaborazione, soprannominata 17 +1, ha lasciato la Lituania questa primavera.

– Sfortunatamente, non vedo alcun vantaggio per noi dopo tanti anni di cooperazione. Intendiamo continuare la cooperazione con la Cina sotto forma di 27+. La Cina non è tanto un partner, ma un regime rivale dell’Unione Europea.

La Figura 27 si riferisce ai 27 Stati membri dell’Unione Europea.

Crede che più paesi lasceranno la cooperazione, ora chiamata 16 +1.

Molti comprendono la nostra decisione e alcuni stanno pensando di seguirla. Non è ancora successo. La Lituania ha rotto il ghiaccio.

Parlando Gitanas Nauseda Sulla Cina in termini di governance e divisione.

– È meglio che i cinesi dialoghino con alcuni paesi dell’Europa dell’Est perché lì si sentono più avanzati.

Vuole che l’UE continui la sua cooperazione con la Cina su questioni importanti come il clima e la lotta al terrorismo.

Il problema della politica estera dell’Unione Europea risiede nei diversi atteggiamenti nei confronti della Russia e della Cina tra i due Paesi.

Le differenze sono talvolta legate alla distanza geografica tra un particolare paese e la Russia. Alla fine, di solito arriviamo a una decisione unanime ed equilibrata, anche se a volte arriva troppo tardi, dice Gitanas Nosida.

Leggi di più: La storia dell’aereo dirottato. “Qualcuno del KGB mi sta alle calcagna”

READ  La Germania si avvicina alle vittime del disastro