TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La bellezza del commissario Montalbano e Stenungsund

C’è una lunga distanza tra Stenungsund e la Sicilia, ma c’è una divisione comune in Isabel Solman con radici in Speckrod.
Nel giallo della televisione italiana “Il Commissario Montalbano”, attualmente disponibile su Netflix, mostra esempi della sua recitazione, come parlare italiano o guidare senza conoscere la lingua, anche senza patente.

Testo: Tony Balllock

Come molti, Isabel Solman lavora a casa da circa 15 mesi, ma non ha aspettato il prossimo ruolo. È stato attivo nell’IT per molti anni, in particolare nei test e nell’assicurazione della qualità nello sviluppo del software.

– Potresti pensare che sia stato uno sparo! Dice e ride.

Era stanca della sua carriera. Come attore di teatro, devi scegliere un lavoro dove sono. Ora che è nata la figlia dodicenne Yasa, è impossibile lavorare mentre gli altri sono liberi.

Si è laureato nell’autunno del 2013. “Ho continuato a lavorare dove ero già”, dice Isabel, che è diventato il suo attuale lavoro sugli stage.

Ma questa non è la prima volta che cambia direzione nella sua vita. All’età di 14 anni, ha iniziato a lavorare come modello fotografico, che oggi considera molto veloce.

“Penso molto al fatto che avevo tanta fretta. Voglio che mio figlio sia il più infantile possibile… ma puoi davvero fermarlo?”

– Sì, con tutti i mezzi! Penso molto al fatto che avevo tanta fretta. Voglio insegnare a mio figlio ad essere il più infantile possibile… ma puoi davvero fermarlo?

Parigi in vacanza estiva

Isabel è nata ad Andreas ed è cresciuta a Speckrot, a sud di Stenungsand. La scorsa settimana, lei e i suoi fratelli hanno venduto la casa dei loro genitori. Suo padre è morto tre anni fa e sua madre è morta nel 2015. Sua madre si chiamava Solman in giovane età. Nell’adolescenza, le figlie cambiarono quel nome.

READ  Ha lanciato una maledizione al tiratore di rigore - Sielini è d'accordo

– Mio fratello vive a Göteborg e mia sorella a Stenungsund. I tempi che abbiamo visto negli ultimi anni ruotano solo nella pulizia della casa con pavimento e fondazione.

Come hai trovato un modello?

– Attraverso un annuncio sul giornale. Un’azienda di Göteborg ha collaborato con un’azienda di Parigi. Pensavano che fossi troppo promettente per mandarmi all’agenzia di Parigi, dice Isabel.

– Sebbene il modello della foto non fosse un sogno, ero avanti. Ho fatto un sogno sulla danza classica e sul teatro, e Isabel, che ha frequentato la fila del teatro al Sunnorbs Gymnasium di Holstad, dice: “Poiché questa è un’educazione molto stretta, non c’è nessuno a Göteborg”.

– Sono andato a Parigi per le vacanze estive. L’ho fatto ogni estate fino a quando mi sono diplomato al liceo. Poi ho iniziato a lavorare come modella a tempo pieno per alcuni anni. Ha viaggiato molto non solo a Parigi e Milano, ma anche in Germania. Poi ho smesso, dice Isabel, che occasionalmente ha lasciato il settore all’età di 21-22 anni.

Ho bisogno di uno svedese

A Stoccolma, ha lavorato per costruirsi una carriera alla fine degli anni ’90, ottenendo ulteriore slancio con il ruolo di Ingrid Zostram ne “La forma dell’acqua” di fine millennio, il terzo film sul Commissario Montalbano.

“Il direttore Alberto Chironi non era contento che fosse un italiano. Sveriges ha poi contattato la TV e selezionato alcuni candidati”.

Come hai ottenuto il lavoro?

– La RAI aveva fatto molti provini con competenze italiane. Il regista Alberto Cironi, che è ancora alla guida, ha voluto che fosse giusto. Non era contento che la persona che ha svolto quel ruolo fosse un italiano. Isabel dice che Sverrez ha poi contattato la televisione e selezionato alcuni candidati.

READ  La Civilde Catolica in spagnolo. Papa: Più che una rivista, un'esperienza spirituale

Isabel Solman come Ingrid Zostram nel romanzo poliziesco televisivo italiano “Il commissario Montalbano”. La serie è stata originariamente mostrata sulla televisione svedese, ma ora viene ripetuta su Netflix. Foto: Sabrina Eluderi, RAI

L’autore dei libri – Andrea Camilleri – sembra aver dato un brutto messaggio sulla ricerca di un cognome quasi impossibile da pronunciare per un italiano. Tuttavia, il nome era un omaggio a Ingrid Bergman.

– Ah ah, c’è stato un recensore che ha detto che Ingrid Sjostrom è un caso per Zamo! Camilleri aveva precedentemente pensato che le donne svedesi fossero forti e indipendenti, ma è comunque fantastica, dice Isabel, che insiste sul fatto che le piacciono molto i libri di Camilleri.

– Mi piace la lingua, è molto dura, in un certo senso. Sta venendo a Stoccolma per un discorso da scrittore a cui è stato chiesto di partecipare. Ma poi è successo l’11 settembre. E poi non voleva venire.

Avrebbe voluto incontrarlo. Ora non è possibile. Camilleri è morto nel 2019.

Italiano – Inconsapevolmente

Le poche settimane che “Il Commissario Montalbano” si svolge nella Sicilia sud-orientale sembravano un lavoro piacevole, ma dietro c’era un’enorme mole di lavoro. I produttori hanno scelto di non doppiare la sua voce. Così Isabelle ha dovuto imparare a presentare le sue battute in italiano non solo nel primo episodio “La forma dell’acqua” ma nei successivi otto episodi del 2001-17.

“Se avessi saputo quante volte avrei dovuto affrontare questo processo lavorativo di lettura di testi in italiano, avrei potuto imparare l’italiano”.

– Ho letto così tanto! Se avessi saputo quante volte avrei dovuto affrontare questo processo lavorativo di lettura di testi in italiano che non conosco, avrei imparato l’italiano, ride Isabel.

– Devi conoscere molto testo per funzionare. Devi conoscere un testo il 50% meglio in svedese, di quanto sappia qualcosa a memoria, dice, dal team di produzione hanno pensato che fosse sbagliato parlare italiano con un accento svedese.

– Come attore, puoi sperimentare la lingua svedese e lavorare con miglioramenti, ma non è possibile se non conosci la lingua. Puoi eliminare elementi nello script, ma non aggiungerli.

C’era anche qualcos’altro nella serie TV con cui doveva fare i conti. Come guidare una macchina.

– Questa è una storia divertente perché non ho la patente! Ho detto che avevo meno tempo (per imparare) e non pensavo che avrei avuto tempo. Uno dei produttori che l’ha guidata per la prima volta! Non ho ancora preso la patente.

“Non si applica a me”

Il “Commissario Montalbano” includeva molti attori, ma per ragioni naturali ha lavorato nel ruolo principale interpretato da Luca Zingaretti, che viene spesso descritto come “super simpatico”. Durante la registrazione si è avvicinato alla quotidianità italiana.

– La mia immagine degli italiani – potrebbe essere vergognosa – ha ancora molta burocrazia, molte scartoffie e molte leggi e regolamenti, ma la maggior parte degli italiani continua a pensare che “non si applica a me”, dice Isabel.

– Come lo chiami questo – Doppio Standard? Ho sempre pensato che sarebbe stato bello venire in Italia, ma dato che sono uno svedese tradizionale, mi dà fastidio, dice.

– Anch’io ero nervoso quando sono sceso al piano di sotto. Mi chiedevo se funzionassero come noi. Questo non è comune con gli attori svedesi che hanno lavorato all’estero, ma penso che la maggior parte delle persone che lo hanno fatto saranno d’accordo con me sul fatto che esiste un modo per lavorare a livello globale.

Un passo deciso

I luoghi di lavoro hanno spesso una gerarchia più alta in Italia, a differenza della piatta Svezia. Se hai un titolo, ce l’hai.

– Potresti sentire il regista dire: “Decido perché sono il regista”. Questo spesso non si sente nel disco svedese. In Italia, il primo fotografo è il primo fotografo – quindi il secondo fotografo non è ammesso all’interno e può determinare l’illuminazione.

Alcuni poliziotti in una stazione nella città immaginaria di Vikata. Fascio sinistro (Pepino Massota), Montalbano (Luca Gingerretti), Agello (Cicare Bocci) e Cadrella (Angelo Russo) Foto: RAI

La maggior parte del team di registrazione ha lavorato alla produzione ogni anno. Pertanto, ci sono state anche riunioni amorevoli quando sei stato individuato. Oggi, però, il suo contatto con gli attori è molto limitato

– Conosco Cicerone (che interpreta Boki, Okello) su Facebook, ma è l’unico, dice.

“È davanti a noi”

Capisce che gli episodi sono stati mostrati su Netflix per un po’ di tempo.

– Forse dovrei mostrarli a mia figlia? Dice ad alta voce.

Non ha guardato gli episodi?!

– No! Quando era più giovane, le ho mostrato qualcos’altro che era nell’archivio aperto di SVT. Ho riattaccato e ho detto: “Vedi chi è?” Ha detto “Uhm hu – ha iniziato a piangere! Ha sempre pensato che fosse imbarazzante perché era mamma ma non ancora mamma. Ma ora è un po’ più grande…

Quando è stata l’ultima volta che hai visto un episodio dall’inizio alla fine?

– È stato tanto tempo fa, davvero. Devo quasi ascoltare Emil (Inghilterra), dice Isabel cercando il suo compagno.

– Emil – Abbiamo mai visto “Montalbano”? Non ce l’abbiamo, vero? Forse è ora? Ottiene la risposta: “È di fronte a noi”.

Isabel Solman

Nascita: 5 gennaio 1972. “Solman è il nome di mio nonno. Mio nonno è finlandese, nome significa tedesco e doganiere (doganiere). In origine era un adattamento finlandese-svedese del nome tedesco. Ma non so molto di quel lato della famiglia”.

Famiglia: Co. Emile England e la figlia Yasa e una sorella e un fratello.

Guerra: In un appartamento a Stoccolma.

creazioni: Con test e garanzia di qualità nello sviluppo di software presso un’azienda IT.

Partecipa all’esame: “Different Worlds” (1997-99), “C/O Sekemihar” (1999), “Ramona” (2003), “My Ex-Family” (2004), “Rosa Movie” e “Commisser Montalbano” (2000-17 ) Più ruoli al Rickstein e al teatro cittadino di Stoccolma.

Attuale: Come il personaggio di Ingrid Sjostrom nel giallo italiano “Il commissario Mondalfano” andato in onda su Netflix.